Calabria: POR 2014/2020 AZIONE 3.3.4. CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO FINO AL 70% PER IL SOSTEGNO ALLA COMPETITIVITÀ DELLE IMPRESE NELLE DESTINAZIONI TURISTICHE.

Mia Immagine

E’ stato pubblicato l’Avviso Pubblico ” Azione 3.3.4 – Sostegno alla competitività delle imprese nelle destinazioni turistiche attraverso interventi di qualificazione dell’offerta e innovazione di prodotto/servizio, strategica ed organizzativa”.

 

Mia Immagine

L’azione sostiene progetti per il miglioramento della qualità dell’offerta, in coerenza con quanto previsto dalla S3 per l’ambito turistico, attraverso l’innovazione di prodotto e il consolidamento, la riqualificazione e l’innovazione tecnologica delle attività imprenditoriali presenti nelle aree a maggiore vocazione turistica e in particolare in quelle di rilevanza strategica naturale e culturale. Si tratta di potenziare e qualificare i servizi turistici (compresa l’accoglienza, la ricettività e l’accessibilità materiale e immateriale) e favorire la creazione di nuovi prodotti sostenibili capaci di valorizzare il patrimonio culturale e naturale.

L’avviso sostiene due specifici ambiti prioritari di intervento:

– Ambito prioritario 1 – Potenziamento e qualificazione dei servizi di ricettività e termali;

– Ambito prioritario 2 – Rafforzamento e qualificazione degli altri servizi turistici.

SOGGETTI BENEFICIARI

Possono presentare domanda di agevolazione a valere sul presente avviso le piccole e medie imprese (PMI).

Le PMI ed i lavoratori autonomi possono presentare domanda, oltre che in forma singola, nelle forme associate della Società fra professionisti.

TIPOLOGIA DI INTERVENTI AMMISSIBILI

Gli interventi ammessi riguardano:

a) il consolidamento e l’innovazione di prodotti/servizi turistici esistenti;

b) la realizzazione e la promozione di nuovi prodotti/servizi turistici innovativi;

c) la riqualificazione, l’efficientamento energetico e l’innovazione tecnologica delle strutture turistiche.

Le spese ammissibili per la realizzazione degli interventi sono le seguenti:

a) Solo nel caso di applicazione del Reg. 1407/2013 (de minimis) sono ammissibili le spese relative a:

i) studi di fattibilità economico-finanziaria;

ii) spese di fidejussione;

b) “Attivi materiali” ovvero

i) Macchinari, impianti ed attrezzature varie nuovi di fabbrica, ivi compresi quelli necessari all’attività gestionale del proponente, ed esclusi quelli relativi all’attività di rappresentanza; mezzi mobili, identificabili singolarmente ed a servizio esclusivo dell’unità produttiva oggetto delle agevolazioni;

ii) Opere murarie, sistemazioni esterne ed impiantistiche, anche per efficientamento energetico;

c) “Attivi immateriali” ovvero attivi diversi da attivi materiali o finanziari che consistono in diritti di brevetto, licenze, know- how o altre forme di proprietà intellettuale;

d) Servizi reali che consentano la risoluzione di problematiche di tipo gestionale, tecnologico, organizzativo, commerciale, produttivo e finanziario. I servizi reali ammissibili sono relativi alle seguenti aree di attività: Marketing e vendite, Organizzazione e Innovazione;

ENTITÀ E FORMA DELL’AGEVOLAZIONE

Le agevolazioni di cui al presente avviso sono concesse in conformità a quanto previsto:

A. dal Regolamento (UE) n. 651/2014 “Generale di esenzione per categoria – GBER” riferiti rispettivamente agli aiuti a finalità regionale agli investimenti e agli aiuti alle PMI per servizi di consulenza;

oppure,

B. dal Regolamento (UE) n. 1407/2013 sul funzionamento dell’Unione europea agli aiuti «de minimis».

Nel caso in cui gli aiuti vengano concessi ai sensi del Regolamento (UE) n. 651/2014 (GBER)

i) Le agevolazioni per le spese di cui alla lettera b) e c) sono così definite:

a. medie imprese sono concesse nella forma di un contributo in conto capitale nella misura massima del 35% degli investimenti ammissibili;

b. piccole imprese sono concesse nella forma di un contributo in conto capitale nella misura massima del 45% degli investimenti ammissibili.

ii) Le agevolazioni per le spese relative ai servizi reali di cui alla lettera d) concesse ai sensi del Regolamento (UE) n. 651/2014 (GBER), non potranno superare il 50% del costo ammesso e comunque fino ad un massimo di euro 50.000,00.

iii) L’ammontare del contributo massimo concedibile è pari a 1.000.000,00 euro.

Nel caso in cui gli aiuti vengano concessi ai sensi del Regolamento (UE) n. 1407/2013 «de minimis», l’agevolazione non potrà eccedere la misura massima del 70% delle spese ammissibili, fino all’importo massimo di 200.000 euro per soggetto proponente.

SCADENZA

A partire dalle ore 12,00 del 05 ottobre 2017 ed entro le ore 12,00 del 31 ottobre 2017.

Mia Immagine

Mia Immagine