Piemonte: PSR 2014/2020 Misura 4.4.3. Contributo a fondo perduto fino al 100% per la salvaguardia, il ripristino ed il miglioramento della biodiversità.

   

L’operazione sostiene investimenti non produttivi di pubblica utilità, finalizzati alla protezione e all’incremento del potenziale di biodiversità nonché alla tutela, conservazione e valorizzazione degli habitat e delle specie.
L’Operazione sostiene, in particolare, investimenti per:
ripristino di ecosistemi di elevato valore per la biodiversità, di habitat favorevoli alla flora e alla fauna selvatiche, di corridoi ecologici;
costituzione, protezione, recupero e miglioramento di ambienti naturali e seminaturali e di aree umide, opportunamente associati a biotopi capaci di fornire alla fauna selvatica rifugio, nutrimento e siti di riproduzione. Particolare attenzione deve essere riservata alle specie e agli habitat di cui alle direttive Uccelli e Habitat e alle liste rosse locali, dell’Unione internazionale per la conservazione della natura e dell’Unione europea;
acquisto di terreni per realizzare gli investimenti suddetti nei limiti del 10% del contributo concesso. E’ esclusa la compravendita di terreni comunali e provinciali.
Soggetti beneficiari
Il presente bando è riservato agli Enti gestori delle aree naturali protette della Regione Piemonte, i cui territori ricadono in siti della Rete Natura 2000.
Tipologia di investimenti ammissibili
Vengono finanziati i seguenti interventi:
– Investimenti non produttivi di pubblica utilità finalizzati alla protezione e incremento del potenziale di biodiversità nonché alla tutela, conservazione e valorizzazione degli habitat e delle specie come: ripristino di cenosi autoctone d’elevato valore per la biodiversità, di habitat favorevoli alla flora e alla fauna selvatiche, di corridoi ecologici, costituzione di cenosi arbustive, arboree, prato?pascolive e umide, opportunamente associate a biotopi capaci di fornire alla fauna selvatica rifugio, nutrimento e siti di riproduzione. Particolare attenzione andrà dedicata a specie più significative dal punto di vista naturalistico di cui alla Direttiva Habitat, alla Direttiva Uccelli e alle liste rosse locali, liste IUCN e UE;
– investimenti non produttivi di pubblica utilità finalizzati alla costituzione o ripristino delle infrastrutture necessarie alla corretta gestione degli habitat e delle specie connesse e funzionali agli investimenti sopra citati;
– acquisto di terreni per un costo non superiore al 10% del totale delle spese ammissibili, a condizione che sia strettamente necessario e connesso a un intervento ammissibile.
Tipologia di spesa ammissibile
Sono ammesse a sostegno le spese relative agli interventi ammissibili precedenti.
Le spese ammissibili dovranno essere sostenute successivamente alla presentazione della relativa domanda di sostegno ed entro la data di presentazione della domanda di saldo.
Entità e forma dell’agevolazione
E’ concesso un contributo in conto capitale sulle spese ammissibili pari al 100%, con un massimale d’intervento pari a Euro 500.000,00 per domanda di sostegno.
La dotazione finanziaria è pari ad euro 1.334.441,95.
Scadenza
15 giugno 2018

#adessonews: info e agevolazioni Mia Immagine

Pulsanti abilitati per info agevolazioni e finanziamenti

Rispondi