Lombardia: Bando StorEvolution. Contributo a fondo perduto fino al 60% per sostenere l’innovazione nelle imprese commerciali al dettaglio.

Mia Immagine

Mia Immagine

Bando StorEvolution. Contributo a fondo perduto fino al 60% per sostenere l’innovazione nelle imprese commerciali al dettaglio.
Bando “StorEvolution”. Contributo a fondo perduto fino al 60% per sostenere l’innovazione nelle micro, piccole e medie imprese commerciali al dettaglio.
Area Geografica: Lombardia
Scadenza: PROSSIMA APERTURA | In fase di attivazione
Beneficiari: Micro Impresa, PMI
Settore: Commercio
Spese finanziate: Consulenze/Servizi, Innovazione Ricerca e Sviluppo, Attrezzature e macchinari
Agevolazione: Contributo a fondo perduto
Dotazione Finanziaria: € 9.500.000

PRATICA COMPLESSA
Consigliata l’istruzione della pratica da parte di un utente esperto in materia

Descrizione completa del bando

La misura StorEvolution è finalizzata a sostenere l’innovazione delle micro piccole e medie imprese commerciali al dettaglio in sede fissa (Ateco G47), in forma singola o aggregata, aventi sede legale e/o operativa e almeno un punto vendita in Lombardia.

La dotazione finanziaria ammonta a € 9.500.000,00.

Soggetti beneficiari
Possono beneficiare le micro, piccole e medie imprese commerciali al dettaglio in sede fissa (Ateco G47), in forma singola o aggregata, aventi sede legale e/o operativa e almeno un punto vendita in Lombardia.

Tipologia di interventi ammissibili
Sono ammissibili investimenti per l’acquisto di soluzioni e sistemi digitali da parte dei soggetti beneficiari per:

Organizzazione del back-end ossia nei processi di interazione retailer-fornitori o processi interni del retailer: sistemi ERP, Soluzioni a supporto della fatturazione elettronica, self scanning, sistemi di business intelligence e business analytics, soluzioni per incrementare le performance di magazzino, come il voice picking, sistemi per il monitoraggio dei clienti in negozio (attraverso telecamere e sensori), Sistemi per demand and distribution planning, sistemi di tracciamento dei prodotti lungo la supply chain attraverso RFId, soluzioni di intelligent transportation system);
Sviluppo di servizi di front-end e customer experience nel punto vendita: sistemi per l’accettazione di pagamenti innovativi, sistemi per l’accettazione di couponing e loyalty, chioschi, totem e touchpoint, sistemi di cassa evoluti e Mobile POS, Electronic Shelf Labeling, digital signage, vetrine intelligenti, specchi e camerini smart, realtà aumentata, sistemi di sales force automation, sistemi di in store mobility, sistemi CRM, proximity marketing, sistemi di self-scanning;
Omnicanalità con integrazione con la dimensione del retail online: sviluppo di canali digitali per supportare le fasi di prevendita, post-vendita o per abilitare la vendita, sviluppo di app e mobile site per le fasi di pre-vendita, post-vendita o per abilitare la vendita; siti informativi/e commerce e app/mobile site.
Nel caso di ristrutturazioni totali del punto vendita, a fronte della presentazione di un progetto di riposizionamento strategico dell’unità locale (store), verso il mercato e i consumatori, con modifica del layout, delle attrezzature e degli arredi, del target, del merchandising e dell’offerta di servizi resi alla clientela, sono ammissibili anche investimenti per la sostituzione di arredi. In tal caso è comunque obbligatorio l’abbinamento di uno dei precedenti interventi (1,2 e 3). Gli interventi devono essere realizzati unicamente presso il punto vendita ubicato in Lombardia. In presenza di più unità locali ubicate in Lombardia, l’impresa dovrà sceglierne una sola ed indicarla in fase di domanda.

Tipologia di spese ammissibili
Sono ammesse a contributo le seguenti spese al netto dell’IVA:

Acquisto di arredi e impianti (solo nel caso di ristrutturazioni totali del punto vendita) nel limite massimo del 30% delle spese ammissibili, ivi inclusi opere murarie, montaggio e trasporto;
Acquisto di macchinari e attrezzature necessari alla realizzazione del progetto e finalizzati agli investimenti ammissibili;
Acquisto di hardware e software specificamente necessari alla realizzazione del progetto e finalizzati agli investimenti ammissibili;
Acquisto di licenze software e spese per canoni relativi a servizi finalizzati agli investimenti ammissibili;
Spese per canoni e utenze specificamente necessari alla realizzazione del progetto e finalizzati agli investimenti ammissibili;
Acquisto di servizi e consulenze specificatamente finalizzate agli investimenti ammissibili nel limite del 20%;
Acquisto di servizi di formazione specificamente necessari alla realizzazione del progetto e finalizzati agli investimenti ammissibili nel limite del 20% delle spese.
Entità e forma dell’agevolazione
Per le domande presentate da imprese in forma singola:

l’agevolazione consiste nella concessione di un contributo a fondo perduto pari al 50% delle sole spese considerate ammissibili;
il limite massimo di contributo concedibile è pari a 20.000 euro;
il valore minimo degli investimenti deve essere pari a 10.000 euro.
Per le domande presentate da imprese in forma aggregata (minimo 6 imprese):

l’agevolazione consiste nella concessione di un contributo a fondo perduto pari al 60% delle sole spese considerate ammissibili;
il limite massimo di contributo concedibile è pari a 60.000 euro per aggregazione;
il valore minimo degli investimenti deve essere pari a 20.000 euro.
Scadenza
Le domande potranno essere presentate a partire dal 10 settembre 2018 e fino al 08 ottobre 2018

Mia Immagine

Mia Immagine

Rispondi