La luce di notebook e telefoni cellulari porta l’occhio umano ad attaccare se stesso

Mia Immagine

Un’eccessiva esposizione alla luce blu non fa bene al nostro occhio, contribuendo a una lenta perdita della vista per tutta la vita. Ora gli scienziati dell’Università di Toledo (Ohio, USA) hanno scoperto come funziona questo effetto tossico.

Questo è un motivo in più per pensare seriamente a limitare la nostra esposizione alla luminosità di uno schermo, come notebook e telefoni cellulari, molto tempo dopo che il sole tramonta.

Perdita di vista

“Non è un segreto che la luce blu danneggia la nostra visione danneggiando la retina dell’occhio. I nostri esperimenti spiegano come ciò accada e speriamo che questo porti a terapie che ritardano la degenerazione maculare, come un nuovo tipo di colliri “, ha spiegato uno dei ricercatori senior del nuovo studio, il chimico Ajith Karunarathne.

La degenerazione maculare legata all’età comporta la rottura lenta delle cellule dietro il tessuto sensibile alla luce all’interno del bulbo oculare, impedendo il trasferimento dei nutrienti e la rimozione dei rifiuti.

A poco a poco, la retina muore, lasciando un punto cieco in crescita che alla fine porta alla perdita totale della vista.

La malattia rappresenta circa la metà dei casi di disabilità visiva, quindi imparare di più sui fattori scatenanti e le loro influenze può aiutare molte persone a mantenere questo senso per almeno un altro paio di anni.

Lo studio

Gli scienziati hanno già sospettato che le lunghezze d’onda della luce all’estremità dell’ultravioletta blu dello spettro potrebbero aggravare la degenerazione maculare.

Per studiare la portata di questo effetto, Karunarathne e il suo team hanno focalizzato la loro attenzione su una sostanza chimica nella retina chiamata retina, una forma di vitamina A che reagisce alla luce.

Per vedere bene, le persone hanno bisogno di un rifornimento continuo di molecole retiniche. I ricercatori sapevano già che una forma contorta di molecola retinica, descritta come all-trans (ATR), poteva essere considerata tossica in quantità sufficiente.

Questo perché ATR ha la tendenza a trasformarsi in qualcosa chiamato lipofuscina, una molecola che ha il potenziale di danneggiare le strutture cellulari.

Ma cosa causa questo effetto? Sembra che la stessa lipofuscina non sia il problema, ma la luce blu.

Il ruolo della luce blu

I ricercatori hanno aggiunto retina a varie colture cellulari e hanno analizzato i risultati in quanto sono stati esposti a diverse lunghezze d’onda della luce.

L’articolo La luce di notebook e telefoni cellulari porta l’occhio umano ad attaccare se stesso proviene da .

Mia Immagine