Marche: PSR 2014/2020. Misura 4.2. Contributo a fondo perduto per investimenti a favore della trasformazione, commercializzazione e dello sviluppo dei prodotti agricoli.

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Mia Immagine

Info: Finanziamenti e Agevolazioni

                       

La misura è finalizzata a garantire il sostegno alle imprese agroalimentari che realizzano investimenti materiali e immateriali, funzionali all’ammodernamento delle strutture di trasformazione, e commercializzazione.
Il bando prevede due distinte operazioni:
– Operazione A) Investimenti materiali e immateriali realizzati da imprese agroalimentari;
– Operazione B) Investimenti materiali e immateriali per la riduzione dei consumi energetici.
Soggetti beneficiari
Al momento della presentazione della domanda il soggetto deve possedere le seguenti caratteristiche:
a) Svolgere attività di trasformazione e di commercializzazione e/o nello sviluppo di prodotti agricoli ad eccezione del settore vitivinicolo;
b) Essere iscritto al Registro Imprese della C.C.I.A.A con codice ATECO inerente sia l’attività di trasformazione sia di commercializzazione di cui al punto precedente;
c) Avere almeno una sede operativa nelle Regione Marche e che i terreni e fabbricati su cui verranno realizzati gli investimenti siano ricadenti nelle aree del cratere del sisma della Regione Marche.
Tipologia di spese ammissibili
a)Immobili
1. la costruzione e/o l’acquisizione di immobili connessi all’attività di trasformazione e commercializzazione dei prodotti come prodotti in ingresso del ciclo di lavorazione;
2. ristrutturazione di immobili da adibire a trasformazione e commercializzazione di prodotti come prodotti in ingresso del ciclo di lavorazione compreso i lavori necessari e/o funzionali e/o finalizzati all’installazione di macchinari, di impianti tecnologici, di strutture di servizio e dotazioni precedentemente non esistenti;
3. ampliamenti degli immobili esistenti funzionali e coerenti alle attività produttive aziendali;
4. costruzione, ricostruzione, recupero e ristrutturazione di immobili che consentano un aumento della capacità di stoccaggio, trasformazione, lavorazione e commercializzazione dei prodotti agricoli o che consentano la modifica sostanziale della natura del prodotto post trasformazione, consistente in prodotti merceologicamente diversi da quelli ottenuti nella fase ante investimento o che consentano di migliorare la logistica, la riduzione dell’utilizzo di parti di processi produttivi svolte da terzi;
5. investimenti finalizzati al risparmio energetico;
6. investimenti finalizzati alla produzione di energia da fonti rinnovabili
7. investimenti finalizzati alla protezione dell’ambiente e alla sicurezza del lavoro oltre i livelli minimi previsti dalla normativa di riferimento in materia;
8. l’acquisto di immobili usati e relative pertinenze;
9. spese necessarie per il primo allaccio e/o il potenziamento rete elettrica, idrica, gas e fibra se funzionali e necessari agli investimenti fissi e mobili chiesti a contributo;
b) Dotazioni (macchine, attrezzature, impianti)
1. l’acquisto di macchine e impianti necessari alle operazioni di trasformazione e commercializzazione e le relative strumentazioni informatiche e software nuovi direttamente connesse a tali investimenti;
2. acquisto di macchinari che aumentano la capacità di produzione intesa come rendimento e/o quantità totali lavorate nel ciclo di trasformazione e commercializzazione cui l’investimento è funzionale;
3. acquisto di macchine e/o di attrezzature che consentano la modifica della natura del prodotto post trasformazione, consistente in prodotti merceologicamente diversi da quelli ottenuti nella fase ante investimento;
4. acquisto di macchine e/o di attrezzature che consentano di modificare le tecnologie adottate, compresi i nuovi adattamenti o le dotazioni per la sicurezza sui luoghi di lavoro;
5. acquisto di macchine e/o di attrezzature che consentano una riduzione delle emissioni;
6. investimenti che abbiano come obiettivo il risparmio energetico;
7. investimenti che abbiano come obiettivo la protezione dell’ambiente e/o la sicurezza del lavoro oltre i livelli minimi previsti dalla normativa di riferimento in materia solo se supportati da specifica relazione tecnica firmata da un professionista abilitato competente in materia.
C) spese immateriali:
1. onorario per la relazione tecnico economica e studi di sostenibilità finanziaria dell’intervento;
2. onorario per la progettazione e studi di fattibilità;
3. onorario per la direzione e collaudo dei lavori e la gestione del cantiere;
4. in caso di acquisizione di beni immobili, parcella notarile al netto di tasse e imposte;
5. spese per apertura e gestione del conto corrente dedicato .
Entità e forma dell’agevolazione
Il massimale stabilito in termini di contributo pubblico per la presente sottomisura è di € 3.500.000,00 per beneficiario per l’intero periodo 2014-2020 utilizzabile anche in unico intervento e concesso in conto capitale.
L’ intensità di aiuto è la seguente:
– Investimenti realizzati nell’ambito del Partenariato Europeo per l’Innovazione: aiuto pari al 60%;
– Investimenti realizzati nell’ambito di una fusione di Organizzazioni di Produttori: aiuto pari al 60%;
– Altri investimenti: aiuto pari al 40%.
La dotazione finanziaria per la presente misura è pari ad € 5.800.000,00 di cui:
– € 4.400.000,00 riservati all’Operazione A
– € 1.400.000,00 riservati all’Operazione B.
Scadenza
La domanda può essere presentata a partire dal 11 settembre 2018 e sino alle ore 13.00 del 15 dicembre 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *