La rete Adessonews è un aggregatore di news è pubblica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana.  Puoi richiedere la rimozione o inserimento degli articoli  in qualsiasi momento clicca qui.  Al termine di ciascun articolo puoi individuare la provenienza.

Cerca: Agevolazioni Finanziamenti Norme e Tributi sulla rete ADESSONEWS

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
#adessonews
Nostri Servizi

Crisi della “famiglia”: ammesso il ricorso congiunto di due coniugi

Richiedi informazioni e/o consulenza gratuita

Finanziamenti - Agevolazioni - personali e aziendali

Tutela patrimoniale e assistenza giudiziale per i sovraindebitati "prestito fondo antiusura"

Operativi su tutto territorio Italiano


La pronuncia del Tribunale di Napoli è importante ed interessante sotto molteplici aspetti, che ci permettono di fare un riassunto su alcuni profili problematici e discussi della normativa sul sovraindebitamento.

1.Proposta congiunta del piano del consumatore per due coniugi

È valida la proposta congiunta di piano del consumatore presentata dai coniugi.
Il Tribunale osserva infatti che, seppur normativamente ad oggi non previsto, la proposta non deve considerarsi inammissibile. Questo alla luce del fatto che: i coniugi rientrano nello stesso nucleo familiare e sono in regime di comunione dei beni; il progetto di piano tiene distinti l’ammontare di beni e debiti di ciascuno; pur nella distinzione delle masse attive e passive, è stato presentato un progetto unitario per la risoluzione della crisi familiare da sovraindebitamento; i debiti hanno origine comune ai due coniugi, in quanto passività essenzialmente familiari e riferibili a i coniugi indistintamente in quanto consumatori. 

2. L’art. 66 del Codice della Crisi di impresa prevede il ricorso congiunto dei coniugi

Il Tribunale ritiene che il nuovo art. 66 della legge di Riforma della Crisi di impresa possa già essere utilizzato come criterio interpretativo, seppur ancora non entrato in vigore, alla luce anche della più generale ratio della normativa sul sovraindebitamento attuale. 

3. La meritevolezza e le cause del sovraindebitamento della famiglia

La Corte partenopea analizza, nello specifico, anche le cause del sovraindebitamento – con particolare riferimento alla c.d. meritevolezza – riscontrando quanto appurato dall’OCC nella propria relazione e confermando che le cause che hanno portato al “graduale ma inesorabile squilibrio” erano e sono estranee alla mera volontà di non adempiere.
Questo pare essere confermato da circostanze “esterne”. Gli istituti finanziari e bancari, infatti, al momento della concessione del credito finanziario, avevano valutato gli attuali debitori come “meritevoli di finanziamento”. Gli stessi creditori non possono, oggi, lamentarsi del contrario, tenendo conto della cause esogene che hanno portato i coniugi allo squilibrio finanziario, presupposto della procedura di sovraindebitamento.

4. Durata del Piano del consumatore superiore a cinque anni

Ulteriore valutazione, non di poco conto, riguarda l’analisi della clausola (art. 8 comma 4) relativa al rispetto della proroga annuale per il pagamento dei creditori privilegiati. La legge afferma che “la proposta di accordo con continuazione dell’attività d’impresa e il piano del consumatore possono prevedere una moratoria fino ad un anno dall’omologazione per il pagamento dei creditori muniti di privilegio pegno o ipoteca, salvo che sia prevista la liquidazione dei beni o diritti sui quali sussiste la causa di prelazione”.

Il piano che analizziamo prevede un arco temporale complessivo pari a 19 anni e 7 mesi circa. Il tribunale di Napoli – in conformità a quanto già statuito da altra sezione dello stesso condividendone il pensiero – dichiara che l’art. 8 comma 4 effettivamente non può essere inteso nel suo senso letterale, obbligando quindi il pagamento dei privilegiati entro un anno dall’omologa, “in quanto altrimenti verrebbe del tutto frustata l’operatività della normativa a sostegno della composizione delle crisi da sovraindebitamento, almeno per quanto riguarda il piano del consumatore”. 

In altri termini, ridurre i tempi del pagamento sarebbe negativo per il debitore e controproducente per i creditori, che verrebbero soddisfatti in misura notevolmente inferiore sia quantitativamente che qualitativamente (l’ipotesi della liquidazione gioverebbe verosimilmente al soddisfo del solo creditore ipotecario deprimo grado e al massimo, in tempi lunghi, di due soli chirografari).”

Richiedi informazioni e/o consulenza gratuita

Finanziamenti - Agevolazioni - personali e aziendali

Tutela patrimoniale e assistenza giudiziale per i sovraindebitati "prestito fondo antiusura"

Operativi su tutto territorio Italiano

Ad ulteriore supporto, non è di ostacolo all’ammissione di un piano temporalmente così ampio l’età dei ricorrenti, in quanto la garanzia è stata prestata pro futuro dalle figlie e della trascrizione del piano sull’immobile di proprietà, garantendo così anche i creditori non privilegiati.

Source

Richiedi informazioni e/o consulenza gratuita

Finanziamenti - Agevolazioni - personali e aziendali

Tutela patrimoniale e assistenza giudiziale per i sovraindebitati "prestito fondo antiusura"

Operativi su tutto territorio Italiano

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: