La rete Adessonews è un aggregatore di news è pubblica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento, come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana.  Puoi richiedere la rimozione o inserimento degli articoli  in qualsiasi momento clicca qui.  Al termine di ciascun articolo puoi individuare la provenienza.

Cerca: Agevolazioni Finanziamenti Norme e Tributi sulla rete ADESSONEWS

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
#adessonews
Nostri Servizi

GLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO

Richiedi informazioni e/o consulenza gratuita

Finanziamenti - Agevolazioni - personali e aziendali

Tutela patrimoniale e assistenza giudiziale per i sovraindebitati "prestito fondo antiusura"

Operativi su tutto territorio Italiano

CESSIONE DEL QUINTO DELLO STIPENDIO:

GLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO

http://www.prestitoequoesolidale.it/La Cessione del Quinto dello Stipendio è un Prestito agevolato dedicato ai Dipendenti Statali, Pubblici e Privati. L’unica garanzia richiesta per il buon fine della pratica è la Busta Paga. Non sono richieste altre forme di garanzia come la figura del garante, l’ipoteca o una fidejussione.

Il rimborso della Cessione del Quinto avviene tramite una trattenuta direttamente dalla Busta Paga a cura dell’Amministrazione di competenza, che si impegna a versare la rata mensilmente alla Banca o all’Istituto di Credito erogante. La rata non deve superare il quinto massimo cedibile del reddito netto e la durata massima è di 10 anni.

La Cessione del Quinto dello Stipendio può essere richiesta anche dai Dipendenti segnalati come Cattivi Pagatori alla Banca Dati e al Crif per ritardi di pagamento, protesti o insoluti.

Per tutte queste sue caratteristiche, la Cessione del Quinto risulta essere il Prestito più conveniente, elastico e il più richiesto da tutti i Dipendenti.

IL DATORE DI LAVORO PUO’ RIFIUTARE LA CESSIONE DEL QUINTO?

Assolutamente no! La Cessione del Quinto dello Stipendio è regolamentata dalla Legge n. 180 del 1950: è un diritto del Lavoratore Dipendente richiederla ed un obbligo del Datore di Lavoro accettare la richiesta. Il Datore di Lavoro non può opporsi in alcun modo, anzi ha degli obblighi ben precisi e risulta parte integrante del processo. Prendendo in carico la richiesta di Cessione del Quinto, il Datore di Lavoro dovrà garantire il pagamento puntuale di tutte le rate del Prestito fino alla sua conclusione.

Inoltre dovrà rilasciare alcune certificazioni:

Richiedi informazioni e/o consulenza gratuita

Finanziamenti - Agevolazioni - personali e aziendali

Tutela patrimoniale e assistenza giudiziale per i sovraindebitati "prestito fondo antiusura"

Operativi su tutto territorio Italiano

  • Certificato di Stipendio: si tratta di un modulo rilasciato dalla Banca o dall’Istituto di Credito ad inizio processo della Cessione del Quinto. In questo modulo il Datore di Lavoro dovrà inserire tutti i dati di reddito del Dipendente, dalla paga basa al TFR maturato e a tutte le informazioni sulle trattenute assistenziali, previdenziali e sull’IRPEF.

Il Datore di Lavoro può scegliere se compilare il modulo del Certificato di Stipendio o rilasciare un semplice Attestato di Servizio su carta intestata dell’azienda stessa inserendo comunque tutte le informazioni di reddito del Dipendente.

Nel caso invece di alcune amministrazioni statali o pubbliche, può essere previsto il rilascio di altri documenti al posto del Certificato di Stipendio.

  • Atto di Benestare: si tratta di un modulo rilasciato dalla Banca o dall’Istituto di Credito a fine del processo della Cessione del Quinto. In questo modulo si racchiudono le informazioni del finanziamento che il Dipendente ha stipulato. Viene comunicato l’importo della rata che il Datore di Lavoro dovrà trattenere dalla Busta Paga del Dipendente e la durata del finanziamento, cioè per quanto tempo il Datore di Lavoro dovrà trattenere la rata. Firmando questo modulo il Datore di Lavoro darà il suo benestare, la sua approvazione alla Cessione del Quinto e si impegnerà a versare mensilmente la rata.
MA COSA SUCCEDE SE LE RATE DELLA CESSIONE DEL QUINTO RISULTASSERO NON PAGATE?

Nonostante la procedura, non è escluso che al termine della Cessione del Quinto dello Stipendio, possano risultare delle rate non pagate. Questo accade quando il Datore di Lavoro non versa la somma della rata alla Banca o all’Istituto di Credito erogante, generando così insolvenza. In questo caso il Datore di Lavoro, che aveva come primo obbligo quello di trattenere la rata dalla Busta Paga del Dipendente e versarla a chi ha erogato il finanziamento con regolarità e puntualità, incorrerà in sanzioni pesanti.

Source

Richiedi informazioni e/o consulenza gratuita

Finanziamenti - Agevolazioni - personali e aziendali

Tutela patrimoniale e assistenza giudiziale per i sovraindebitati "prestito fondo antiusura"

Operativi su tutto territorio Italiano

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: