Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze per acquisto immobili all’asta

Esegui una nuova ricerca

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#adessonews
Agevolazioni finsubito
Agevolazioni-Finanziamenti
Immobili
landing microcredito
video news dalla rete


Il saldo disponibile sulla Social Card Dedicata a te scade il 15 marzo 2024, data ultima per utilizzare l’importo disponibile. La scadenza riguarda tutte le famiglie beneficiarie, indipendentemente dalla validità della carta e dalla data di attivazione.

Il termine riguarda solo le somme accreditate nel corso del 2023 mentre la carta sarà valida fino al 2028.

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze

Sulla card sono stati accreditati in tutto 77,2o euro di bonus benzina e 382,50 annui destinati all’acquisto di generi alimentari. Per il 2024 è stata prevista l’integrazione con il Bonus Trasporti.

Gli importi del contributo economico (Carta Solidale Acquisti) non utilizzati entro il 15 marzo saranno azzerati e torneranno ad alimentare il plafond ministeriale, il quale potrebbe convertire le eccedenze in ricariche accreditate ad altri utenti.

Come verificare il saldo della card Dedicata a te

Trattandosi di una Postepay, il credito residuo – ossia il saldo rimanente – sulla social card Dedicata a te è visibile presso gli sportelli ATM di Poste Italiane.

Per verificare il saldo residuo e monitorare la lista dei movimenti è possibile recarsi presso gli ATM Postamat, avendo a portata di mano il PIN che si utilizza per effettuare i pagamenti.

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze per acquisto immobili all’asta

Quanto arriva di ricarica e come spenderla?

I 382 euro della carta  Dedicata a te possono essere utilizzati presso gli esercizi commerciali che vendono generi alimentari e presso quelli che aderiscono al progetto, proponendo sconti in favore dei possessori. L’attivazione vera e propria avviene al primo acquisto.

I 77,20 euro aggiuntivi possono invece essere spesi per acquistare carburante (qualsiasi tipo) oppure per pagare abbonamenti del trasporto pubblico locale.

Non è prevista al momento una nuova ricarica 2024.

Cosa si può comprare con la carta risparmio spesa?

La social card Dedicata a te consente l’acquisto di beni alimentari e di prima necessità. Di seguito è riportato l’elenco dei prodotti dettagliati.

  • Carni suine, bovine, avicole, ovine, caprine, cunicole.
  • Pescato fresco.
  • Latte e suoi derivati.
  • Uova.
  • Oli d’oliva e di semi.
  • Prodotti della panetteria (sia ordinaria che fine), della pasticceria e della biscotteria.
  • Paste alimentari.
  • Riso, orzo, farro, avena, malto, mais e qualunque altro cereale.
  • Farine di cereali.
  • Ortaggi freschi, lavorati.
  • Pomodori pelati e conserve di pomodori.
  • Legumi.
  • Semi e frutti oleosi.
  • Frutta di qualunque tipologia.
  • Alimenti per bambini e per la prima infanzia (incluso latte di formula).
  • Lieviti naturali.
  • Miele naturale.
  • Zuccheri.
  • Cacao in polvere.
  • Cioccolato.
  • Acque minerali.
  • Aceto di vino.
  • Caffè, tè, camomilla.

A questa lista, con le novità del Decreto Energia (DL n. 131 del 2023), si aggiungono anche, in alternativa tra loro, carburanti e abbonamenti ai mezzi pubblici.

Quali sconti aggiuntivi con Dedicata a te?

E’ possibile utilizzare la carta per l’acquisto di tali prodotti presso gli esercizi commerciali aderenti, che applicano lo sconto concordato, contribuendo così a rendere i beni alimentari di prima necessità più accessibili ai possessori delle carte (qui la lista dei negozi convenzionati). L’indicazione fornita è di applicare uno sconto del 15%.

A chi spetta il Bonus Benzina e Trasporti su card Dedicata a te?

Per i beneficiari (nuclei familiari con ISEE fino a 15mila euro selezionati dall’INPS e dai Comuni) che non avevano attivato in tempo la card, dal 15 dicembre sono di nuovo disponibili sia i 382,50 euro per acquisto di generi alimentari di prima necessità e presso esercizi convenzionati, sia i 77,20 euro del bonus carburante: dal 15 dicembre le carte già distribuite sono state ricaricate con la cifra destinata all’acquisto di carburante o, in alternativa, di abbonamenti per il trasporto pubblico.

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze per acquisto immobili all’asta

La ricarica del 15 dicembre è andata:

  • a coloro i quali hanno ritirato la Carta presso gli Uffici postali abilitati e hanno provveduto ad attivarla entro la scadenza del 15 settembre;
  • a coloro i quali, per ragioni a loro non imputabili, non hanno potuto ritirare o attivare la Carta entro il termine sopra indicato.

Le novità sono contenute nel decreto interministeriale che rifinanzia la misura con 100 milioni per il 2023 (come previsto dal DL 131/2023).

Come ottenere la social card Dedicata a te?

I beneficiari sono selezionati senza inoltrare domanda: individuati dal Comune (che consolidano le liste INPS redatte sulla base dei criteri stabiliti dall’articolo 4 del decreto MASAF – MEF 12 maggio 2023), ricevono una lettera con la convocazione alle Poste per ritirare la Postepay già caricata.

Le carte 2023 residue sono state assegnate sulla base delle graduatorie non esaurite. Dal 15 dicembre 2023, chi non era riuscito ad attivare la card potrà ancora farlo, spendendo la ricarica entro fine anno. Per il 2024 si attendono istruzioni di Governo per sapere se ci saranno automatismi e ricariche. Ad oggi, la social card:

  • è concessa per singolo nucleo familiare;
  • è erogata tramite Carta elettronica di pagamento;
  • è destinata all’acquisto di beni alimentari di prima necessità e di carburanti, nonché, in alternativa a questi ultimi, di abbonamenti per i mezzi del trasporto pubblico locale.

A chi spettano le nuove card?

La consegna delle Carte non ritirate e non utilizzate è riservata ai beneficiari già individuati nei casi in cui siano stati impossibilitati ad attivare la card entro il 15 settembre 2023. Poste Italiane ha proceduto a:

  • sbloccare le Carte non attivate per coloro che le avevano ritirate, ma non avevano effettuato alcun pagamento entro il 15 settembre 2023;
  • autorizzare gli Uffici postali abilitati al servizio alla consegna delle Carte a coloro che non avevano potuto procedere al ritiro delle stesse.

In entrambi i casi, sono stati resi disponibili sia gli originari 382,50 euro sia l’integrazione da 77,20 euro. Il termine per il primo pagamento era fissato per il 31 gennaio 2024. Il saldo complessivo si azzera il 15 marzo 2024 se non viene integralmente speso.

Dove si ritira la social Card?

La social card Dedicata a te si ritira presso tutti gli Uffici Postali. Per il ritiro è necessario presentare la comunicazione ricevuta dal Comune di residenza, che contiene l’abbinamento del codice fiscale del beneficiario con il codice della carta assegnata. La carta può essere ritirata dal beneficiario o a soggetti con delega effettuata utilizzando gli appositi modelli di Poste Italiane.

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze per acquisto immobili all’asta

Social card Dedicata a te: a chi spetta?

A ricevere la tessera Poste Pay nominativa da 382,5 euro sono famiglie con iscrizione di tutti i membri in Anagrafe ANPR ed ISEE fino a 15.000 euro (come riportato in DSU alla data del 12 maggio 2023). I beneficiari ricevono la Carta Acquisti, senza presentare domanda, previa comunicazione dal Comune sul riconoscimento del beneficio, con l’invito a presentarsi per il ritiro della carta presso gli uffici postali ed il codice della carta assegnata.

Liste di beneficiari: criteri di priorità

  1. Nuclei con almeno un componente nato entro il 31 dicembre 2009, con i seguenti criteri di priorità:
    a. Indicatore dell’ISEE ordinario crescente;
    b. Data di nascita dei tre componenti più giovani;
    c. Numero componenti della DSU (almeno tre persone).
  2. Nuclei con almeno un componente nato entro il 31 dicembre 2005, con i seguenti criteri di priorità:
    a. Indicatore dell’ISEE ordinario crescente;
    b. Data di nascita dei tre componenti più giovani;
    c. Numero componenti della DSU (almeno tre persone).
  3. I restanti posti sono assegnati in base al numero dei componenti DSU (almeno 3), con i seguenti criteri di priorità:a. Indicatore dell’ISEE ordinario crescente;
    b. Data di nascita dei tre componenti più giovani.

Distribuzione social card nei Comuni

Per quanto riguarda la distribuzione delle carte ai vari Comuni, il numero totale è stato suddiviso in due quote:

  1. La prima quota, pari al 50% del totale, è stata distribuita in proporzione alla popolazione residente di ciascun Comune. In altre parole, i Comuni con una popolazione maggiore riceveranno un numero proporzionalmente maggiore di carte.
  2. La seconda quota, corrispondente all’altro 50%, è stata distribuita considerando la differenza tra il reddito pro capite medio di ciascun Comune e il reddito pro capite medio nazionale, tenendo conto anche della popolazione di ogni Comune. Questo criterio mira a considerare la situazione economica relativa di ciascun Comune rispetto alla media nazionale.

Chi è escluso dalla social card

Sono esclusi dalla Carta Solidale Acquisti i percettori di Reddito di Cittadinanza, Assegno di Inclusione e qualsiasi altra misura di inclusione sociale o sostegno alla povertà. Inoltre, se almeno uno dei componenti della famiglia è un percettore di NASpI o DIS-COLL, Indennità di Mobilità, Fondi di Solidarietà per l’integrazione del reddito o Cassa Integrazione Guadagni (CIG), o riceve qualsiasi altra forma di integrazione salariale o sostegno in caso di disoccupazione involontaria erogata dallo Stato, si resta esclusi dalla possibilità di ottenere la Carta Solidale Acquisti.

Ad essere esclusi dalla Carta Solidale Acquisti sono anche le famiglie con ISEE oltre i 15mila euro. Tuttavia, è possibile che in alcune città ci siano famiglie con un ISEE anche molto inferiore a questa soglia che non hanno ricevuto la carta, magari perché il Comune in cui risiedono è molto piccolo e il numero di tessere assegnate è basso.

Che differenza c’è tra card Dedicata a te e Carta Acquisti INPS?

Sono entrambe carte prepagate, contenenti una somma da spendere presso esercizi convenzionati per comprare beni di prima necessità. La social card del Comune, a differenza di quella periodica INPS, si limita però ad alcuni beni alimentari e non è ricaricabile, salvo rifinanziamento di Governo (come avvenuto per il bonus carburante da 80 euro).

Infine, la Carta Acquisti INPS non arriva in automatico ma bisogna richiederla ogni anno.



Source link

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze per acquisto immobili all’asta

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze per acquisto immobili all’asta

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,
come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.
Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.
L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze per acquisto immobili all’asta

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,
come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.
Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.
L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

Finanziamenti – Agevolazioni

Servizi e consulenze