Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


L’attività di riscossione delle cartelle esattoriali è demandata all’Agenzia delle Entrate-Riscossione. Nel momento in cui vengono a mancare i pagamenti su imposte e tasse, è proprio questo ente che si mette in azione per riscattare i debiti commessi. Qualora tutte le azioni extra giudiziarie non portino una reazione da parte del debitore, il Fisco è costretto ad un’azione di pignoramento dei beni. 

Per quanto riguarda l’attività di riscossione coattiva dell’Amministrazione finanziaria è necessario evidenziare alcune particolarità. Infatti, a differenza dei creditori privati come le banche, condomini o soggetti privati, il Fisco ha un limite sui beni del debitore su cui può rivalersi. Vi sono, infatti, alcune tipologie di beni che non possono essere oggetto di pignoramento. In linea generale i beni non pignorabili sono quelli indispensabili per dormire, mangiare e lavorare. Questo è quanto detta la legge in ordine per tutelare la dignità del debitore. Vediamo insieme quali sono gli effettivi beni che sono protetti per legge e non possono essere oggetto di pignoramento fiscale.

Che cos’è il pignoramento?

Disciplinato e ordinato secondo il Codice di Procedura Civile dagli articoli dal 491 al 497 C.p.c., il pignoramento consiste nell’atto formale di espropriazione forzata di un bene con consecutiva vendita in modo da pagare i debiti del cittadino interessato. La persona a cui vengono portati via i beni non potrà farne uso fino al termine della procedura, ovvero fino al saldo dell’importo dovuto.

Il pignoramento è un atto giuridico compiuto da un creditore, attraverso il quale, con l’ausilio dell’autorità giudiziaria, si procede all’individuazione e all’immobilizzazione di beni appartenenti al debitore. Questo, al fine di soddisfare un credito non ancora estinto. L’atto rappresenta una delle fasi dell’esecuzione forzata e ha lo scopo di garantire al creditore la possibilità di recuperare quanto gli è dovuto, attraverso la successiva vendita dei beni pignorati, qualora il debitore non provveda spontaneamente al pagamento del debito.

Il pignoramento può riguardare sia beni mobili (ad esempio, autoveicoli, gioielli, conti correnti) sia beni immobili (come case o terreni). Esistono, tuttavia, delle limitazioni stabilite dalla legge per proteggere il debitore, garantendo che determinati beni essenziali per la sua sopravvivenza e quella della sua famiglia non possano essere pignorati (ad esempio, la prima casa di abitazione, salvo specifiche eccezioni).

Come detto, la procedura di pignoramento è regolamentata dal Codice di Procedura Civile e prevede diverse fasi, tra cui la notifica dell’atto di pignoramento al debitore, l’eventuale opposizione da parte di quest’ultimo e la successiva vendita all’asta dei beni pignorati, se il debito non viene estinto.

Il pignoramento da parte dell’agente della riscossione e le limitazioni

Citando il sito agenziaentrateriscossione.gov.it, è prevista un’azione di pignoramento quando vengono a mancare i riscontri dovuti all’invio di richiami e avvisi bonari per l’esecuzione dei pagamenti di tasse, tributi e imposte. In particolare, è necessario tenere in considerazione quanto segue.

“La procedura esecutiva prende avvio con il pignoramento che può avere a oggetto: somme, beni mobili e beni immobili. L’espropriazione forzata è preceduta dalla notifica dell’avviso di intimazione in tutti i casi in cui la notifica della cartella di pagamento sia avvenuta da più di un anno.

La procedura per arrivare al pignoramento dei beni del debitore segue una prassi piuttosto semplice e strutturata: la notifica di cartelle esattoriali o avvisi bonari, le quali contengono l’invito al pagamento in un termine prestabilito, in caso di inadempimento si passa a successivi solleciti fino ad arrivare all’espletamento di un’azione esecutiva estrema, ovvero il pignoramento.

Attenzione!
A differenza di altri creditori, l’Agenzia delle Entrate non ha bisogno di ricorrere alla legittimità dell’azione tramite un giudice. È dotata di autonomi poteri impositivi.

Le norma poste alla base di questi procedimenti previste dal DPR n. 602 del 1973 sono le seguenti:

  • L’art. 49, “per la riscossione delle somme non pagate il concessionario procede ad espropriazione forzata sulla base del ruolo, che costituisce titolo esecutivo”.
  • L’art. 50 il concessionario procede ad espropriazione forzata quando è inutilmente decorso il termine di sessanta giorni dalla notificazione della cartella di pagamento, salve le disposizioni relative alla dilazione ed alla sospensione del pagamento”.

Detto questo andiamo a vedere per le principali categorie di beni che possono formare il patrimonio di un soggetto le limitazioni all’attività di pignoramento da parte dell’Amministrazione finanziaria.

Quali sono i beni pignorabili dal Fisco

In base ai debiti che si sono contratti e che sono stati affidati ad agenzie di riscossione i beni pignorabili per legge possono essere così schematizzati:

  • Stipendio (fino a un massimo di un quinto);
  • Pensione (fino a un quinto al massimo);
  • Mobili ed elettrodomestici di lusso e non essenziali;
  • Case di proprietà (con limitazioni);
  • Libretti di risparmio;
  • Beni di lusso (gioielli, yatch, auto di lusso etc);
  • Automobile se non utilizzata per svolgere il proprio lavoro;
  • Conti correnti;
  • Conti correnti cointestati nel limite del 50%.

Questi sono i principali beni aggredibili da parte dei creditori, sempre con limiti imposti a seconda delle casistiche.

Beni immobili: le soglie di impignorabilità

Per quanto riguarda le proprietà immobiliari del debitore è necessario tenere in considerazione quanto segue. Non è possibile pignorare la casa se il debito è inferiore alla soglia di 120.000 euro e la somma degli immobili di proprietà è inferiore a tale soglia. Non si può mai pignorare la casa – anche se il debito supera i 120.000 euro – se si tratta dell’unico immobile di proprietà del debitore (anche per quote), a patto che si tratti di un immobile di residenza, accatastato a civile abitazione e non di lusso (ossia non A/8 e A/9).

  • Per importi a debito a titolo definitivo di importo superiore alla soglia è necessario:
    • Iscrivere l’ipoteca e attendere un periodo di 6 mesi;
    • È necessario un preavviso di almeno 30 giorni;

Deve essere evidenziato che, invece, nel settore privato (es. pignoramento della banca per il mancato pagamento delle rate del mutuo= è sempre possibile, per qualsiasi cifra e a discrezione del creditore. In linea generale, quindi, se si tratta di seconde case o di immobili in affitto a uso commerciale o agricolo possono essere pignorati sia dal fisco sia dagli altri creditori.

Soglie di impignorabilità per stipendio, pensione e depositi bancari

Per quanto riguarda il limite al pignoramento di stipendi e pensioni occorre tenere in considerazione quanto segue:

  • Presso istituti bancari non possono essere pignorati l’ultimo stipendio o l’ultima pensione accreditati;
  • Sia che lo stipendio sia pignorato presso il datore di lavoro o ente di previdenza, o che il pignoramento avvenga in banca, non può eccedere la quota di un quinto;
  • Per la pensione pignorata presso l’ente di previdenza, il quinto pignorabile va calcolato al netto del minimo vitale pari a 1,5 volte l’assegno sociale (689,745 euro).
  • In banca non possono essere pignorati i risparmi accreditati prima del pignoramento fino a 1.379,83 euro, il pignoramento si estende solo alla parte eccedente tale soglia.

Le polizze vita

La polizza vita (artt. 1919-1927 c.c.), è un contratto di assicurazione, in virtù del quale l’assicuratore, dietro il pagamento di una somma periodica (c.d. premio), assume l’obbligo di corrispondere un capitale (o una rendita periodica) al verificarsi di un evento attinente alla vita umana dell’assicurato, quale, ad esempio, la sopravvivenza dell’assicurato oltre il termine di scadenza concordato. Ai sensi dell’art. 1923, co. 1 c.c. vieta categoricamente ai creditori di pignorare il capitale (o rendita) accumulato dall’assicurato per il tramite della polizza vita. Di conseguenza, al fine di valutare se possa applicarsi il divieto di pignorabilità ex art. 1923, comma 1, c.c., è necessario accertare che il prodotto presenti il contenuto precettivo tipico dei contratti di assicurazione sulla vita ex art. 1919 c.c. e ss., in conformità al principio giurisprudenziale riguardante la qualifica delle pattuizioni contrattuali.

Patrimoni cointestati

Sono pignorabili i beni cointestati, tuttavia esclusivamente nel limite del 50%. In caso di proprietà immobiliare, il Fisco sottopone ad esecuzione forzata solo il 50% di proprietà se questa è divisibile, altrimenti il bene viene venduto per intero e una metà del ricavato viene restituita al contitolare non debitore.

Auto di lavoro e strumenti di lavoro

Se l’auto serve per lavorare e il contribuente è un imprenditore o un professionista, il fermo auto non può essere disposto. Stessa cosa per gli strumenti utili all’espletamento dell’attività lavorativa del professionista o dell’imprenditore.

Il Fisco può pignorare beni all’estero

Il pignoramento di beni all’estero da parte del Fisco italiano rappresenta una tematica complessa, che si inserisce nel più ampio contesto della cooperazione internazionale in materia fiscale. Negli ultimi anni, la lotta all’evasione fiscale ha portato a un rafforzamento della cooperazione tra le autorità fiscali di diversi paesi. Questo ha portato alla stipula di numerosi accordi bilaterali e multilaterali volti a facilitare lo scambio di informazioni tra le autorità fiscali (Direttiva UE 2011/16/UE sulla cooperazione amministrativa nel settore fiscale).

Il pignoramento di beni situati all’estero è una procedura complessa che richiede la collaborazione delle autorità fiscali del paese in cui si trovano i beni. In generale, il Fisco italiano può avviare la procedura di pignoramento solo dopo aver ottenuto le necessarie informazioni sul debitore e sui suoi beni all’estero, grazie agli accordi di scambio di informazioni.

Nonostante gli accordi internazionali, esistono diversi ostacoli pratici al pignoramento di beni all’estero:

  • Differenze normative: Ogni paese ha le proprie leggi e procedure relative al pignoramento, che possono differire significativamente da quelle italiane.
  • Costi e tempi: La procedura può essere lunga e costosa, soprattutto se il debitore oppone resistenza o se ci sono complicazioni legali.
  • Riconoscimento delle decisioni: Non sempre le decisioni prese dalle autorità italiane sono automaticamente riconosciute e applicate all’estero.

Esistono alcuni paesi, spesso definiti “paradisi fiscali“, che non cooperano o cooperano solo parzialmente con le autorità fiscali italiane. In questi paesi, il pignoramento di beni può risultare particolarmente complicato, se non impossibile.

Anche nel contesto del pignoramento all’estero, è fondamentale garantire la protezione dei diritti del debitore. Questo significa che il Fisco deve rispettare le leggi e le procedure del paese in cui si trovano i beni e garantire al debitore la possibilità di difendersi e di opporsi al pignoramento.

Il pignoramento di beni all’estero rappresenta una delle sfide più complesse per le autorità fiscali italiane. Se da un lato la crescente cooperazione internazionale ha facilitato l’accesso alle informazioni e la possibilità di agire all’estero, dall’altro lato esistono ancora numerosi ostacoli pratici e legali. Per i contribuenti, è essenziale essere consapevoli dei propri diritti e delle possibili conseguenze in caso di debiti con il Fisco, anche quando i propri beni si trovano all’estero.

Il pignoramento dei bei donati

Il pignoramento di beni donati dal debitore è una tematica che si inserisce nel contesto delle azioni revocatorie, strumenti giuridici che mirano a tutelare i diritti dei creditori. L’azione revocatoria è uno strumento giuridico che permette ai creditori di annullare gli atti compiuti dal debitore, come le donazioni, quando questi hanno lo scopo di sottrarre patrimonio alla portata dei creditori, pregiudicando i loro diritti (artt. 2901-2929 del Codice Civile). Perché l’azione revocatoria sia ammissibile, devono sussistere alcuni presupposti:

  • Danno al credito: Deve esserci un pregiudizio per il creditore, ovvero la donazione deve aver ridotto la capacità patrimoniale del debitore, rendendolo insolvente o aggravando la sua insolvenza.
  • Consapevolezza del danno: Sia il debitore che il beneficiario della donazione (donatario) devono essere consapevoli del danno che l’atto avrebbe arrecato ai creditori. Se solo il debitore ne era consapevole, la donazione può essere revocata solo se gratuita.

L’azione revocatoria può essere esercitata entro 5 anni dalla data in cui l’atto (es. la donazione) è stato compiuto. Tuttavia, se il creditore dimostra che il donatario era in mala fede, il termine diventa di 10 anni. Se l’azione revocatoria è accolta, l’atto di donazione viene annullato e i beni rientrano nel patrimonio del debitore, diventando quindi pignorabili dai creditori. Se il bene donato è stato successivamente venduto da parte del donatario a un terzo in buona fede, l’azione revocatoria non può avere effetto nei confronti di questo terzo. Oltre alle donazioni, altri atti possono essere soggetti a revocatoria, come la vendita di beni a prezzi inferiori al valore di mercato o la costituzione di diritti reali a favore di terzi.

Il pignoramento di beni donati rappresenta una delle tutele previste dalla legge a favore dei creditori. Questo strumento mira a prevenire comportamenti elusivi da parte dei debitori, che cercano di sottrarre il proprio patrimonio all’azione esecutiva dei creditori. Tuttavia, l’azione revocatoria non è automatica e richiede la dimostrazione di specifici presupposti. Per i debitori, donare beni in prossimità di situazioni debitorie può comportare rischi significativi, mentre per i creditori, l’azione revocatoria rappresenta uno strumento fondamentale per tutelare i propri diritti.

Conclusioni

La protezione di determinati beni dal pignoramento da parte del Fisco rappresenta un equilibrio tra il diritto del creditore di recuperare quanto gli è dovuto e la necessità di garantire al debitore e alla sua famiglia un minimo standard di vita. La legge italiana, in linea con molti altri ordinamenti giuridici, ha stabilito una serie di beni considerati essenziali che non possono essere oggetto di pignoramento. Tuttavia, è fondamentale essere informati e consapevoli di quali beni rientrano in questa categoria e in quali circostanze, soprattutto in un contesto in cui le difficoltà economiche possono portare a situazioni debitorie. La conoscenza delle normative vigenti può aiutare a navigare con maggiore sicurezza in questi scenari complessi.

Domande frequenti

Quali beni sono generalmente considerati non pignorabili dal Fisco?

La prima casa di abitazione, gli stipendi (con alcune limitazioni), gli strumenti di lavoro e i beni di uso domestico sono tra i principali beni non pignorabili.

Il mio conto corrente può essere pignorato?

Sì, ma esistono delle soglie di impignorabilità che variano in base alla tipologia di reddito accreditato.

Possono pignorarmi la pensione?

La pensione può essere pignorata, ma solo per una parte e fino a un certo limite.

Se possiedo un’auto di lusso, può essere pignorata?

Sì, le auto di lusso non rientrano tra i beni essenziali e possono essere pignorate.

Gli arredi di casa mia sono pignorabili?

Gli arredi essenziali non sono pignorabili, a meno che non siano considerati di lusso o di particolare valore.

In caso di pignoramento, posso oppormi?

Sì, esistono procedure legali per opporsi a un pignoramento, ma è consigliabile consultare un avvocato.

Il Fisco può pignorare i beni di mia proprietà situati all’estero?

In teoria sì, ma la procedura è più complessa e richiede la collaborazione delle autorità estere.

Se ho un debito con il Fisco, possono pignorare la casa dove vive la mia famiglia?

La prima casa di abitazione è generalmente protetta dal pignoramento, a meno che non siano presenti particolari condizioni.

Possono pignorarmi i gioielli di famiglia?

Se i gioielli hanno un alto valore economico e non sono considerati essenziali, possono essere pignorati.

Se sono titolare di una partita IVA, quali beni sono a rischio pignoramento?

Oltre ai beni personali, possono essere pignorati anche beni aziendali, a meno che non siano essenziali per l’attività.

Esistono differenze tra pignoramento da parte del Fisco e da parte di altri creditori?

La procedura può variare, ma i beni non pignorabili sono generalmente gli stessi, ma con limitazioni o condizioni differenti.

Se ho un debito con il Fisco, possono pignorare il conto corrente dove ricevo lo stipendio?

Sì, ma esistono delle soglie di impignorabilità che proteggono una parte dello stipendio.

Come posso proteggere i miei beni da un eventuale pignoramento?

La consulenza con un avvocato o un commercialista può aiutare a individuare le migliori strategie legali e fiscali.

Il Fisco può pignorare i beni che ho donato ai miei figli?

Nel caso in cui la donazione è avvenuta in prossimità di un debito e viene considerata fraudolenta, potrebbe essere annullata e i beni potrebbero essere pignorati.

Se pago il mio debito dopo il pignoramento, posso riavere i miei beni?

Se il bene non è ancora stato venduto all’asta, il pignoramento può essere revocato pagando il debito e le spese legali associate.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui