Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Riaccende i fari sulla legge salva suicidi il caso di un commesso 40enne con moglie e 4 figli e un debito di 80mila euro sulla testa. Debito che adesso il tribunale ha deciso di azzerare. L’uomo è residente a Bedizzole, piccolo centro in provincia di Brescia. Nel 2017 aveva effettuato grosse spese per cambiare l’auto e per acquistare i mobili per arredare casa. Nel 2018, non riuscendo a restituire il denaro, si è rivolto a un legale che ha chiesto al tribunale l’applicazione della salva suicidi.

Debiti cancellati con la legge salva suicidi

La norma in questione, la legge 3 del 2012 nota che come legge sul sovraindebitamento, oggi è confluita nel Codice della crisi. L’uomo ha versato 350 euro al mese per 4 anni per un totale di 16.800 euro. I restanti 60mila euro di debito sono stati ora cancellati dal tribunale.

“Questa legge sancisce un principio molto semplice: nessuna persona onesta finita in difficoltà finanziaria può essere condannata a pagare per tutta la vita debiti che vanno ben oltre le sue capacità economiche. Il nostro cliente ha versato con cadenza mensile 350 euro per 4 anni, 16.800 euro in tutto. Era quanto ragionevolmente poteva dare senza far venir meno il sostentamento alla propria famiglia: i restanti debiti sono stati azzerati e da questo momento il quarantenne e la sua famiglia possono ripartire da capo, senza il fardello di segnalazioni pregresse e tornando anche ad accedere al credito, se mai ne avranno davvero bisogno”. Così spiega la legale dell’uomo, l’avvocata Monica Pagano dello studio Pagano & Partners di Brescia, in una dichiarazione riportata dal quotidiano Il Messaggero.

Casi in aumento per via della crisi

Il caso del commesso di Bedizzole è solo il più recente. Fra gli ultimi casi si ricorda ad esempio anche quello di un imprenditore di Gabicce Mare in provincia di Pesaro e Urbino: la sua azienda era fallita e l’uomo era inseguito dai creditori per un debito complessivo di circa 15 milioni di euro fra fornitori, tasse e sanzioni. Grazie alla legge salva suicidi del 2012 l’uomo ha versato 55mila euro, tutto ciò che poteva, e si è liberato da pignoramenti e creditori.

Il ricorso alla norma negli ultimi anni è andato crescendo per via della pandemia che ha a lungo flagellato ristoratori, commercianti e fornitori. Ma anche del caro energia successivo alla guerra in Ucraina e dell’inflazione a lungo galoppante e che solo di recente ha fermato la sua corsa.

Legge salva suicidi: come funziona

L’articolo 6 della legge 3/2012 definisce il sovraindebitamento come “la situazione di perdurante squilibrio tra le obbligazioni assunte e il patrimonio prontamente liquidabile per farvi fronte, che determina la rilevante difficoltà di adempiere le proprie obbligazioni, ovvero la definitiva incapacità di adempierle regolarmente”.

La legge è rivolta alle persone fisiche che non esercitano attività di impresa, ai professionisti e agli imprenditori non fallibili per mancanza di requisiti nei 3 esercizi precedenti l’istanza di fallimento.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui