Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Gli ultimi emendamenti al Decreto Superbonus limitano ulteriormente le possibilità per chi vuole usufruire dei Bonus edilizi: vediamo le novità di maggio

22-05-2024


Il Decreto Superbonus, una misura varata dal governo Conte per incentivare con il 110% le spese di adeguamento energetico del parco immobiliare italiano, è stato approvato dal Senato il 16 maggio. Ora è in attesa di essere discusso alla Camera, dove è probabile che vengano confermate tutte le nuove modifiche. Dalla detrazione ripartita in 10 anni ai tagli delle aliquote, approfondiamo tutte le novità per il Superbonus e gli altri bonus edilizi.

Sismabonus e Bonus barriere architettoniche: scatta la detrazione in 10 anni

Il panorama delle agevolazioni fiscali legate alla riqualificazione energetica e all’eliminazione delle barriere architettoniche subisce un significativo cambiamento con l’entrata in vigore del nuovo decreto 39/2024. Uno dei punti salienti di questa modifica, sancito dall’art. 4-bis comma 4, è l’estensione a dieci anni del periodo di fruizione delle detrazioni, anziché i consueti quattro. Questa modifica, che ha validità retroattiva, interessa le spese sostenute nel biennio 2024-2025, che saranno ripartite in dieci quote annuali di uguale importo. Ciò significa che le detrazioni acquisite dal 1° gennaio 2024 verranno diluite nell’arco di un decennio, con conseguenze non solo il Superbonus, ma anche per il Sismabonus e il Bonus barriere architettoniche.

Tuttavia, è importante precisare che l’obbligo di ripartizione decennale si applica esclusivamente all’utilizzo diretto dei bonus in dichiarazione dei redditi, mentre non influisce sull’impiego dei crediti d’imposta derivanti da cessione o sconto in fattura. Di conseguenza, le imprese che hanno ottenuto tali crediti potranno continuare a utilizzarli secondo le attuali modalità di ripartizione, ovvero in quattro rate nel caso del Superbonus e in cinque per quanto riguarda il Sismabonus, il Sismabonus e il Bonus barriere architettoniche. Ulteriori restrizioni sono previste per coloro che hanno beneficiato direttamente del Superbonus o di altri bonus sotto forma di detrazione, che non potranno più optare per la cessione del credito per le rate residue.

Bonus ristrutturazioni: l’aliquota scende dal 50 al 30%

Il Decreto Superbonus colpisce negativamente anche il Bonus ristrutturazione, l’incentivo che permette di effettuare interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia, con una detrazione maggiorata del 50% fino a 31 dicembre 2024. A partire dal 2025, il Bonus ristrutturazione tornerà all’aliquota canonica del 36%, per poi scendere al 30% a partire dal 2028.

Oltre alla riduzione dell’aliquota, cambieranno anche i tetti di spesa. L’attuale limite di 96.000 euro sarà dimezzato, scendendo a 48.000 euro a partire da gennaio 2025, e si prevede che questo tetto rimanga confermato anche dal 2028 in poi. Queste modifiche dovranno essere confermate dalla prossima Legge di Bilancio, dunque non avranno un impatto immediato come nel caso del Superbonus.

Ristrutturazioni nei comuni terremotati: in arrivo un fondo speciale

Le aree colpite dal terremoto non saranno lasciate indietro dal Decreto Superbonus: un emendamento specifico prevede la costituzione di un fondo speciale di 35 milioni di euro per l’anno 2025, finalizzato a fornire un contributo a coloro che affrontano spese per interventi da superbonus su immobili danneggiati da eventi sismici verificatisi dal 1° aprile 2009. L’obiettivo principale di questo fondo è quello di sostenere la riqualificazione degli edifici nelle zone colpite dai terremoti, offrendo incentivi sia per interventi energetici che antisismici. Si prevede che questo finanziamento sia destinato alle aree dove è stato dichiarato lo stato di emergenza a seguito dei terremoti.

Inoltre, alle aree colpite dai terremoti del 2009 e del 2016 sarà destinato un ulteriore fondo di 400 milioni di euro per permettere la cessione del credito e lo sconto in fattura, ma questa disposizione riguarderà esclusivamente i nuovi cantieri e non sarà retroattiva. Inoltre, non potranno essere applicati per il cosiddetto Superbonus rafforzato, ma solo per Ecobonus e Sismabonus.

Vuoi ristrutturare la tua casa approfittando degli altri Bonus edilizi? 

Rivolgiti ai professionisti presenti su PagineGialle Casa per ricevere fino a 5 preventivi gratuiti e senza impegno!

Scegli uno dei nostri migliori professionisti!

Richiedi un preventivo gratis a
ristrutturazione immobili

CHIEDI ORA

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui