Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


L’acquirente di un immobile subastato è tenuto a rispettare la preesistente locazione anche nell’eventualità che il canone di locazione locativo risulti inferiore di oltre un terzo rispetto al giusto prezzo?
riferimenti normativi: art. 2923 c.c.
precedenti giurisprudenziali: Cass., sez. VI, Sentenza n. 16718 del 01/10/2012
Volume consigliato per approfondire: Le locazioni in condominio
Inoltre, per calcolare l’Adeguamento Istat Canone di Locazione 2024, vi consigliamo il nostro strumento Excel.

Corte d’Appello di Brescia – sentenza n. 1307 del 31-08-2023

Iscriviti alla newsletter per poter scaricare gli allegati



Grazie per esserti iscritto alla newsletter. Ora puoi scaricare il tuo contenuto.

1. La vicenda: la locazione a canone vile


Una società, con atto di compravendita, acquistava un capannone locato a terzi direttamente dalla procedura concorsuale di altra società fallita.
La società acquirente accertava che il canone pattuito era stato incongruamente determinato; di conseguenza comunicava all’affittuario che riteneva a sé inopponibile il contratto ex 2923 c.c., 3 comma.
Del resto il perito che aveva stimato per il fallimento il valore dell’immobile aveva accertato che il canone pattuito risultava inferiore di oltre un terzo al canone di mercato (infatti era stato pattuito un canone di soli 1.500 euro/mese anziché la somma 3.700 euro/mese ritenuta più aderente al mercato delle locazioni commerciali).
Dopo le infruttuose trattative stragiudiziali per ricondurre ad equità il canone, la società si rivolgeva al Tribunale proponendo formale domanda di rilascio del capannone, con contestuale richiesta di CTU al fine di determinare il canone locativo di mercato (con riferimento alla data di dichiarazione del fallimento della società, ex titolare dell’immobile).
Il conduttore si costituiva in giudizio, chiedendo, tra l’altro, il rigetto del ricorso per mancanza di prova della effettiva inadeguatezza del canone e della ricorrenza dei presupposti per l’applicazione dell’art 2923 c.c., 3 comma. In ogni caso riteneva che con la stipula contratto di vendita senza eccezioni vi sarebbe stata implicita accettazione delle condizioni di acquisto dell’immobile. In via istruttoria si opponeva alla ammissione di CTU ritenendola esplorativa.
Il Tribunale, però, provvedeva alla nomina di CTU., proponendo al tecnico incaricato un quesito volto ad individuare quale fosse il valore locatizio commerciale immobile alla data di stipula del contratto di locazione.
Il perito concludeva il proprio elaborato ritenendo che il canone potesse quantificarsi in 2875 €/mese.
Veniva poi disposta una ulteriore integrazione della relazione del CTU all’esito della quale il tecnico incaricato ribadiva le proprie valutazioni in merito al canone congruo.
Dopo aver accertato che il canone pattuito nel contratto di locazione era inferiore di oltre un terzo al giusto corrispettivo, il Tribunale dichiarava inopponibile alla società ricorrente il predetto contratto di locazione, ai sensi dell’art. 2923 c.c., 3 comma; inoltre ordinava alla parte convenuta il suo rilascio in favore della parte ricorrente, libero da persone e/o cose; condannava infine il conduttore, a pagare la differenza tra quanto versato a titolo di canone e l’indennità di occupazione e le spese legali.

3. La soluzione


La Corte di Appello ha dato pienamente ragione all’aggiudicatario del capannone, confermando la decisione di primo grado. La stessa Corte ha notato che se è stato stipulato prima del pignoramento dell’immobile un contratto di locazione, questo non è mai opponibile all’acquirente ove abbia un canone inferiore di oltre un terzo rispetto al giusto prezzo (art. 2923 c.c.) I giudici di secondo grado hanno evidenziato come il CTU nella propria stima abbia individuato un ammontare di canone mensile (€ 2875) che era decisamente maggiore ai 1500 € contrattualmente previsti e superiore di oltre un terzo a quello pattuito, con chiara dimostrazione che la domanda giudiziale meritasse di essere accolta. Secondo la stessa Corte, a fronte dell’accertamento della sussistenza dei presupposti dell’art. 2923, terzo comma c.c.  e, quindi, della inopponibilità all’acquirente del canone da ritenersi “vile”, si deve ritenere giustificata la richiesta di condanna del conduttore alla corresponsione a titolo di indennità di occupazione delle relative differenze.

4. Le riflessioni conclusive


L’acquirente della cosa pignorata può liberarsi dall’obbligo di rispettare la locazione stipulata anteriormente al pignoramento, ai sensi dell’art. 2923, comma 3, c.c., ove dimostri che il canone locativo sia inferiore di un terzo al giusto prezzo o a quello risultante da precedenti locazioni.
In particolare è stato affermato che la locazione “a canone vile” stipulata in data anteriore al pignoramento non è opponibile all’aggiudicatario ai sensi dell’art. 2923, comma 3, c.c. ed è inopponibile anche alla procedura o ai creditori che ad essa danno impulso, stante l’interesse pubblicistico al rituale sviluppo del processo esecutivo e, quindi, per un motivo di ordine pubblico processuale (Cass. civ., sez. III, 28/03/2022, n. 9877).
La Cassazione ha recentemente precisato che il giudice può far ricorso, nella relativa indagine, a qualsiasi argomento di prova offerto dalle parti, quale ad esempio, nel caso di sublocazione di immobile, il raffronto del canone di quest’ultima con quello della locazione, se del caso mediante la comparazione in termini percentuali, e comunque coerenti con i criteri di estimo, soprattutto ove l’immobile sia stato sublocato in estensione diversa rispetto a quella della locazione originaria (Cass. civ., sez. III, 27/07/2022, n. 23508).

Volume consigliato

Le locazioni in condominio

L’opera rappresenta uno strumento utile e pratico per gli operatori del settore immobiliare: professionisti, amministratori di condominio, property manager, che si trovino ad affrontare problematiche e casistiche sulla materia delle locazioni immobiliari di fronte alle limitazioni regolamentari del condominio e che desiderino approfondire la materia, originalmente sviluppata dall’autore in un unico contesto sistematico di norme sulla LOCAZIONE e sul CONDOMINIO, senza trascurare le questioni fiscali del settore, in tema di sconti sul canone, esenzioni, agevolazioni, come previste per legge.Il volume affronta con visione unitaria e sistematica, in unico compendio, gli istituti della locazione per esigenze abitative primarie tipiche ed atipiche (affitti brevi, locazioni turistiche, B&B, AIRBNB, Affittacamere) e secondarie, aiutando il lettore a risolvere le tematiche insorgenti tra il Condominio ed i diritti e gli obblighi del locatore e del conduttore, in considerazione della destinazione dell’unità immobiliare e dei limiti rappresentati dai divieti regolamentari, senza trascurare il contratto di PORTIERATO.Completano ed arricchiscono l’opera i numerosi ed attuali richiami giurisprudenziali di merito anche (inediti) e di legittimità, nonché gli approcci alla normativa sovranazionale in materia di diritto di proprietà (Convenzione per la Salvaguardia dei diritti dell’Uomo e delle libertà fondamentali), nonché l’appendice legislativa ed il formulario sulla contrattualistica.Saverio LuppinoAvvocato in Bologna, con esperienza trentennale nel settore del real estate, locazione, comunione e condominio; autore di numerosi articoli sulle principali riviste giuridiche e pubblicazioni monografiche in materia di locazione immobiliare e condominio. Formatore qualificato e relatore a convegni, master e seminari specialistici. Con la presente casa editrice ha recentemente pubblicato: “Dallo sfratto alla riconsegna nel processo locatizio”; “Il condomino che non paga ed il recupero del credito”; “Locazioni immobiliari: redazione ed impugnazione del contratto”, quest’ultima edita in due differenti edizioni, la seconda aggiornata del 2019.

Saverio Luppino | Maggioli Editore 2020

Vuoi rimanere informato?


Per ricevere tutti gli aggiornamenti sulle locazioni, salva la pagina dedicata nella tua area riservata di Diritto.it

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui