Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Si chiama Piano Salvacasa e il via libera dovrebbe arrivare entro un mese. Si tratta di una sanatoria delle piccole irregolarità edilizie che ha annunciato il ministro delle Infrastrutture Matteo Salvini. E che dovrebbe regolarizzare le difformità all’interno delle abitazioni: secondo il consiglio nazionale degli ingegneri riguarda l’80% degli immobili. Ma in ballo c’è anche la riforma della legge urbanistica del 1942 e del Testo Unico dell’Edilizia. E il pacchetto potrebbe seguire un riordino di tutti i bonus edilizi. Per passare dal regime dei crediti d’imposta a quello dei contributi. Secondo le opposizioni si tratta dell’ennesimo condono. La premier Giorgia Meloni si è detta favorevole ma ha precisato di non conoscere ancora la norma.

Tre tipologie di difformità lievi

Il Sole 24 Ore spiega oggi che i tecnici del ministero lavorano su tre tipologie di difformità lievi. Ovvero:

  • lo stato legittimo;
  • le tolleranze costruttive;
  • la doppia conformità.

Con la nuova normativa si potranno sanare:

  • difformità di natura formale, legate alle incertezze della disciplina vigente;
  • difformità edilizie interne, riguardanti singole unità immobiliari dove i proprietari hanno apportato lievi modifiche (tramezzi, soppalchi, eccetera);
  • difformità che potevano essere sanate all’epoca dei lavori, ma non oggi a causa del requisito della «doppia conformità» (alle regole attuali e a quelle dell’epoca dei lavori), «che non consente la sanatoria per moltissimi interventi».

Si potranno mettere in regola anche «i cambi di destinazione d’uso degli immobili tra categorie omogenee». La regolarizzazione non sarà a costo zero. La stima del gettito però non è stata ancora oggetto di valutazioni precise.

Tramezzi, finestre e nicchie

La parola “difformità”, spiega il Corriere della Sera, è un termine tecnico per definire l’abuso edilizio. Si verifica quando un intervento si esegue senza seguire l’iter amministrativo relativo. La legge già dice che gli abusi che non superano il 2% dei volumi permessi dal titolo abitativo sono considerati lievi. Non c’è bisogno di sanatoria. Le irregolarità su cui interviene la norma sono invece elementi come tramezzi, soppalchi, finestre e aperture di vario tipo. Per queste opere ci sono disallineamenti tra la documentazione in possesso dei comuni e la realtà delle case. Questo crea problemi nell’amministrazione e ai cittadini al momento della vendita degli immobili. La doppia conformità è quella che si ha quando si valutano le regole vigenti all’epoca dell’abuso e quelle di oggi.

La doppia conformità e le tolleranze costruttive

Questo doppio requisito attualmente crea ostacoli a chi tenta di sanarli. L’intenzione del ministero è quella di toglierlo. D’ora in poi basterà rispettare la conformità alle regole di oggi o dell’epoca per avere l’ok. Poi ci sono le cosiddette tolleranze costruttive. In questo caso si pensa di alzare l’asticella del 2% fino al 5%. Ma solo per gli immobili più vecchi. Ovvero quelli costruiti prima del 1985. Sulla dichiarazione dello stato legittimo degli immobili per le case costruite prima del 1967 l’idea è quella di far coincidere lo stato di fatto con quello legittimo. Sanando così tutte le piccole irregolarità interne. Ma senza andare a condonare situazioni di abuso. Anche chi compra casa con una planimetria che non corrisponde allo stato effettivo dell’immobile potrebbe regolarizzarla. A patto di non ledere interessi di terzi.

Soppalchi e verande

In ultimo, anche chi ha comprato un immobile costruito prima degli Anni Sessanta e da ristrutturare, ma gli manca la documentazione sullo stato legittimo, potrà avviare una ristrutturazione. Uno dei casi classici è quello che riguarda soppalchi e verande. Per le strutture amovibili, come noto, non servono permessi. Una struttura fissa che crea un nuovo locale invece necessita di un permesso di costruzione in sanatoria con il pagamento di un’oblazione. Purché vi sia la doppia conformità e non sia oggetto di un provvedimento di demolizione. Con i soppalchi invece a volte si realizza una nuova stanza. Aumentando la superficie calpestabile. Questo tipo di opere necessita del permesso dei comuni. Se si tratta di un deposito non abitabile invece non è un abuso.

Cila e Scia

Per quanto riguarda i tramezzi, una struttura che divide in due i locali è oggetto di manutenzione straordinaria. Necessita quindi di Cila (Comunicazione di Inizio Lavori). La sua mancanza è sanabile pagando ancora una volta una sanzione. Se invece si toccano i muri portanti serve la Scia (Segnalazione Certificata di inizio attività). La demolizione senza autorizzazione rende più onerosa la sanzione. Infine, ci sono i cambi di destinazione d’uso degli immobili. Attualmente le categorie sono quattro: residenziale (con la sottocategoria turistico ricettiva); produttiva e direzionale, commerciale e agricola. Il cambio è possibile rispettando le regole per ogni tipologia. Il cambio tra categorie funzionali diverse deve rispettare non solo le prescrizioni per ogni singola tipologia ma anche quelle del piano del Territorio. Se poi l’unità coinvolta (esempio: un ufficio da trasformare in abitazione) si trova in condominio l’operazione non deve violare il regolamento contrattuale.

Leggi anche:



 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui