Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Foto di Gazi Jamal Uddin da Pixabay

Conto alla rovescia per il Reddito Energetico 2024

Che fine hanno fatto gli incentivi per il fotovoltaico residenziale dedicati alle famiglie in condizioni di disagio economico?  Questo il succo della domanda posta oggi a Palazzo Madama dal senatore pentastellato Trevisi all’indirizzo del MASE. Il Reddito Energetico Nazionale sarebbe dovuto arrivare prima dal 2024, quando nel 2020 con la delibera CIPE n. 7 del 17 marzo il Governo Conte stanziò il primo budget per la misura: ben 200 milioni di euro. Ma le crisi e il cambio dei poteri, che hanno caratterizzato questi anni, hanno di fatto accantonato il tema. Fino all’agosto 2023, quando con decreto ministeriale il MASE non ha compiuto il primo passo concreto per disciplinare tali risorse. 

leggi anche Fondo Nazionale Reddito Energetico, firmato il decreto 

Il percorso però non si è concluso e all’appello mancano ancora diversi strumenti come ad esempio la la piattaforma informatica digitale per l’acquisizione delle istanze di accesso agli incentivi. O ancora la pubblicazione dei bandi per la presentazione delle domande.

Su questi termini il senatore Trevisi ha interrogato oggi il Governo e il ministro dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica Pichetto Fratin ha risposto fornendo una prima timeline. “In merito alle tempistiche di emanazione del regolamento del fondo, volto a disciplinare l’operatività dello stesso, l’adozione dello stesso da parte del Dipartimento competente è prevista entro questa settimana, ha commentato il numero uno del MASE. “Il regolamento disciplina nel dettaglio i requisiti soggettivi degli utenti beneficiari e dei soggetti realizzatori degli impianti, nonché quelli specifici relativi agli impianti fotovoltaici, concernenti, ad esempio, i componenti di nuova realizzazione, i servizi accessori e di monitoraggio, la manutenzione nel corso della vita utile”.

Il passo successivo riguarderà quindi l’attivazione dei portali per l’acquisizione delle domande di Reddito Energetico 2024 ma anche per rendicontare e monitorare i risultati, gestire le transizioni economiche del Fondo. Prevedendo l’interoperabilità con il sistema GAUDI’ di Terna. 

“Nella prima decade di giugno  – ha dichiarato Pichetto Fratin – il GSE aprirà un portale per censire a livello territoriale i vari soggetti realizzatori, mentre, nella seconda metà di giugno, la sezione dedicata all’acquisizione della gestione delle istanze da parte dei soggetti beneficiari. Si ritiene che, entro la fine di giugno 2024, la misura sarà completamente operativa con una dotazione di 100 milioni. Nel 2025 saranno resi disponibili ulteriori 100 milioni maggiorati dai proventi di vendita dell’energia prodotta e non autoconsumata, che il GSE acquista gratuitamente valorizza sul mercato, riversando nelle casse del fondo i relativi profitti.”

Si ricorda che la piattaforma dovrebbe prevedere anche i simulatori per la stima della producibilità degli impianti e per il calcolo della quota di autoconsumo rispetto alla producibilità dell’installazione fotovoltaica, nonché appositi contatori mediante i quali dare evidenza delle risorse disponibili.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui