Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Scopri come ottenere un vero e proprio salvagente per le Partite IVA: risparmia una cifra considerevole sui contributi INPS.

Quando si dà il via a un’impresa artigianale o commerciale, non basta solo aprire la partita IVA; ci sono anche gli obblighi di versare i contributi INPS. Aprire la partita IVA è solo l’inizio.

Come tagliare i costi dei contributi INPS per le partite IVA – ilciriaco.it

Questi contributi rappresentano un costo fisso, indipendentemente dal volume di affari generato, e possono avere un impatto significativo sul bilancio dell’attività. Per il 2024, la somma minima da versare si aggira intorno ai 4.500 euro annui. Questo significa che se l’impresa non riesce a generare almeno il doppio di questa cifra, i profitti saranno azzerati. È un aspetto da considerare attentamente prima di tuffarsi nell’imprenditoria.

Anche se la vostra attività fatica a decollare, dovete comunque sborsare quella quota annuale di contributi. E non finisce qui: se il vostro reddito supera il minimo stabilito dall’INPS, dovete tirare fuori anche i contributi aggiuntivi. Un’incognita che si rivela solo al momento della dichiarazione dei redditi, dove si fa il conto e si pagano i contributi eccedenti.

Come risparmiare sui contributi INPS

Ma facciamo un passo indietro: come funzionano questi versamenti? Beh, per gli artigiani e commercianti che hanno appena aperto partita IVA, la regola è pagare circa 375 euro ogni mese all’INPS. E il tutto si ripete ogni trimestre, con scadenze ben precise: entro il 16 del secondo mese successivo al trimestre di riferimento. Quindi, cerchiamo di mettere a fuoco: il 16 maggio, il 20 agosto, il 18 novembre e il 17 febbraio dell’anno seguente. Ma c’è una via d’uscita per alcuni: i dipendenti full-time possono ottenere l’esenzione da questo fardello contributivo. Un sollievo, soprattutto se stai pensando di iniziare un’attività autonoma.

Strategie intelligenti per ridurre i contributi INPS delle partite IVA – ilciriaco.it

Tuttavia, non è una valvola di sicurezza per tutti. Solo chi ha un contratto a tempo pieno può vantarsene. Dunque, prima di abbracciare l’imprenditorialità, fate una riflessione sul vostro status lavorativo. E ci sono altri casi di esonero. I professionisti senza cassa ordinistica e senza entrate non devono pagare la quota minima annuale. Si fa il conto solo sul reddito effettivo. Se non guadagnate, non pagate. Semplice, no?

E c’è un’ultima carta da giocare per chi si trasferisce in Italia da paesi con accordi bilaterali: siete esentati dai contributi INPS, ma dovete comunque mantenere i pagamenti nel sistema previdenziale del vostro paese d’origine.

Insomma, intraprendere un’attività autonoma non è solo idee brillanti e sogni da realizzare. Ci sono gli obblighi contributivi che aspettano dietro l’angolo. Ma con la conoscenza giusta, puoi navigare queste acque con più sicurezza. Le esenzioni sono come oasi nel deserto contributivo, e conoscere le tue opzioni può fare la differenza tra il successo e il naufragio.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui