Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


La  Terza Sezione Civile della Corte di Cassazione, con ordinanza n. 9680 del 2024 ha chiarito alcuni punti riguardanti la competenza e la procedura nell’emissione e nell’opposizione dei decreti ingiuntivi. In particolare, ha affermato che il Giudice esecutivo possiede una competenza esclusiva e inderogabile per emettere decreti ingiuntivi relativi alla liquidazione delle spese processuali negli obblighi di fare.

Corte di Cassazione- III Sez. Civ. ord. n. 9680 del 10-04-2024

La questione

La controversia riguardava l’esito di un procedimento esecutivo per l’esecuzione di obblighi di fare. I creditor procedenti avevano ottenuto un decreto d’ingiunzione per la liquidazione delle spese, ma gli ingiunti avevano proposto impugnazione. Il tribunale aveva accolto l’opposizione revocando il decreto ingiuntivo e condannando gli ingiunti al pagamento di una somma minore. Tuttavia, la Corte d’Appello procedente aveva dichiarato improseguibile l’opposizione al decreto ingiuntivo. Per questi motivi, le parti hanno avanzato ricorso per cassazione di cui è stata disposta la trattazione secondo il meccanismo di cui all’art. 380 bis c.p.c.

I motivi di ricorso

Il primo e il terzo motivo di ricorso sono ontologicamente connessi: le parti hanno denunciato la violazione degli artt. 113, 156 comma 3, 165 e 168 c.p.c. I ricorrenti hanno contestato la sentenza impugnata affermando che questa ha ricollegato in maniera acritica con la sola mancanza della nota d’iscrizione l’invalidità della costituzione in giudizio), e per non aver valutato che la mancanza della nota di iscrizione a ruolo non ha compromesso il contraddittorio.
Con il secondo motivo, i ricorrenti hanno sostenuto la violazione degli artt. 614 e 645 c.p.c. secondo cui esisteva una competenza funzionale e inderogabile del Giudice dell’esecuzione ad emettere il decreto ingiuntivo, così come a decidere sulle opposizioni avverso tale decreto. In particolare, hanno affermato che tale ricorso avrebbe dovuto essere depositato nel fascicolo presso la Cancelleria Esecuzioni e non, invece, nel ruolo generale ordinario.

Le argomentazioni della Corte

Circa il secondo motivo, esaminato per primo, i giudici di legittimità hanno stabilito che il giudice dell’esecuzione ha una competenza chiara ed inderogabile nell’emettere il decreto ingiuntivo (secondo quanto stabilito dall’art. 614 c.p.c.).  La Corte ha ricordato il principio in base al quale l’istanza relativa può essere presentata al giudice competente all’esecuzione, senza la necessità di un’iscrizione a ruolo sicché il decreto riguardava la liquidazione delle spese processuali per l’esecuzione degli obblighi di fare.
I giudici di legittimità hanno precisato che il ruolo della competenza funzionale ed inderogabile a decidere sull’opposizione al decreto emesso dal giudice dell’esecuzione rientra nell’ipotesi normativa prevista dall’art. 645 c.p.c. Dunque, l’opposizione al decreto ingiuntivo emesso dal giudice esecutivo deve essere iscritta nel ruolo dell’ufficio giudiziario cui appartiene il giudice dell’esecuzione e trattata dall’ufficio stesso.
Inoltre, la Corte ha osservato l’inesistenza di problematiche relative alla designazione dello stesso giudice dell’esecuzione che ha emesso il decreto ingiuntivo anche per la trattazione dell’opposizione successiva. Pertanto, il principio di diritto elaborato dai giudici riguarda il fatto che l’art. 614 c.p.c. attribuisce al giudice dell’esecuzione il compito di emettere il decreto d’ingiunzione per la liquidazione delle spese processuali. D’altra parte, l’opposizione a tale decreto segue le regole generali per cui il procedimento oppositivo rientra nella competenza del giudice dell’esecuzione e di conseguenza all’ufficio giudiziario cui appartiene.
Tanto il primo quanto il terzo motivo sono stati ritenuti dai giudici infondati. Nel caso di specie, la Corte ha chiarito che il deposito dell’atto di opposizione e dei documenti pertinenti è avvenuto nel fascicolo esecutivo già formato per il procedimento di esecuzione forzata per gli obblighi di fare, che era iscritto nel registro speciale dei procedimenti esecutivi. Tuttavia, il giudizio di opposizione non è stato iscritto nel ruolo degli affari contenziosi, come, invece, sarebbe stato opportuno.
Pertanto, il giudice dell’esecuzione ha correttamente richiesto agli opponenti di provvedere all’iscrizione a ruolo mentre quest’ultimi hanno riassunto il giudizio ai sensi dell’art. 50 c.p.c. Per questi motivi, la Corte d’Appello ha rilevato che la costituzione degli opponenti non poteva essere considerata valida dal momento che non hanno provveduto, sin da subito, all’iscrizione nel ruolo generale degli affari contenziosi del giudizio oppositivo che implica l’omessa costituzione degli opponenti (in base alla giurisprudenza di legittimità consolidata). Pertanto, la tardiva costituzione dell’opponente equivale alla sua mancata costituzione, e ciò comporta l’improcedibilità dell’opposizione.

Volume consigliato


Formulario commentato del Nuovo Processo civile 2024


Formulario commentato del Nuovo Processo civile 2024


Il testo, aggiornato alla giurisprudenza più recente, tra cui Cass. SS.UU. 3452/2024, che ha statuito la non obbligatorietà della mediazione per la domanda riconvenzionale, raccoglie oltre 200 formule, ciascuna corredata da norma di legge, commento, indicazione dei termini di legge o scadenze, delle preclusioni e delle massime giurisprudenziali.

Il Volume si configura come uno strumento completo e operativo di grande utilità per il Professionista che deve impostare un’efficace strategia difensiva nell’ambito del processo civile.

L’opera fornisce per ogni argomento procedurale lo schema della formula, disponibile anche online in formato editabile e stampabile.

È previsto l’aggiornamento online nei 12 mesi successivi alla pubblicazione.
Ultimo aggiornamento al Decreto PNRR-bis, D.L. 19/2024 convertito in L. 56/2024

Lucilla Nigro
Autore di formulari giuridici, unitamente al padre avv. Benito Nigro, dall’anno 1990. Avvocato cassazionista, Mediatore civile e Giudice ausiliario presso la Corte di Appello di Napoli, sino al dicembre 2022.

Leggi descrizione

Lucilla Nigro, 2024, Maggioli Editore

94.00 €
89.30 €



 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui