Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Per aderire alla rottamazione-quater delle cartelle esattoriali ci sarà tempo fino al 15 marzo. Chi non ha versato le prime due rate potrà rimettersi in regola ed…

  • Tutti gli articoli del sito, anche da app
  • Approfondimenti e newsletter esclusive
  • I podcast delle nostre firme

– oppure –

Sottoscrivi l’abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

OFFERTA SPECIALE

MENSILE

4,99€

1€ AL MESE
Per 3 mesi

ATTIVA SUBITO

Poi solo 49,99€ invece di 79,99€/anno

Per aderire alla rottamazione-quater delle cartelle esattoriali ci sarà tempo fino al 15 marzo. Chi non ha versato le prime due rate potrà rimettersi in regola ed evitare di decadere dai vantaggi offerti dalla sanatoria dei vecchi debiti con il Fisco. È una delle principali novità del decreto Milleproroghe approvato alla Camera con il voto di fiducia.

Irpef tagliata, bonus psicologo, autostrade più care, mutui giovani più facili: tutte le misure del Milleproroghe

Un provvedimento all’interno del quale sono state inserite anche alcune novità sui bonus per la casa. Innanzitutto ci saranno due anni in più a disposizione dei contribuenti che decideranno di sfruttare congiuntamente bonus ristrutturazione o ecobonus insieme ai contributi regionali.

I bonus per la casa

Dunque si allungano i tempi per chi deciderà di utilizzare il bonus ristrutturazione al 50 per cento o l’ecobonus in aggiunta alle agevolazioni locali. Questa misura sarà sottoposta ad un importante limite: la cumulabilità tra bonus casa nazionale e regionale non dovrà superare il 100 per cento della somma agevolata o del contributo.

Arriva anche una proroga ai mutui agevolati per gli under 36. Potranno usufruire degli sgravi fiscali anche coloro che hanno firmato il contratto preliminare entro il 31 dicembre 2023, a patto che il contratto definitivo di compravendita venga sottoscritto entro il 31 dicembre 2024. Viene inoltre prorogato l’obbligo per le banche di offrire ai giovani under 36 le condizioni economiche di maggior favore nell’erogazione del mutuo per l’acquisto della prima casa.

Rottamazione

Come detto, poi, viene riaperta la rottamazione fiscale, per dare una nuova chance ai contribuenti che non sono riusciti a saldare in tempo, entro dicembre, le rate della sanatoria.  La modifica stabilisce che il contribuente non decade dalla definizione agevolata se «effettua l’integrale pagamento di tali rate entro il 15 marzo 2024». Alla nuova scadenza, si precisa, si applica anche il termine di tolleranza di 5 giorni previsto dalla norma. Del “pacchetto fiscale” fa parte anche un’altra norma, l’allargamento del ravvedimento operoso speciale anche ai redditi del 2022. La misura permette di chiudere le pendenze con il Fisco pagando sanzioni ridotte a un diciottesimo. Viene pertanto richiesto il versamento di quanto dovuto o in un’unica soluzione entro il 31 marzo 2024, o attraverso quattro rate di pari importo (a partire da fine marzo) con scadenze al 30 giugno, 30 settembre e 20 dicembre 2024. In questo caso scatteranno interessi annui del 2 per cento. 

IL PASSAGGIO

Con il via libera al provvedimento arriva anche il ripristino parziale dello sconto sull’Irpef pagata dagli agricoltori. Si tratta di una esenzione per i redditi agrari e dominicali fino a 10.000 euro che si riduce al 50 per cento per quelli tra i 10.000 e i 15.000 euro. Secondo Coldiretti saranno 387mila le aziende agricole italiana che beneficeranno dell’esonero totale dell’Irpef, il 90 per cento di quelle soggette al pagamento dell’imposta sui redditi dominicali e agrari. Prorogato per tutto il 2024 lo scudo erariale per gli amministratori pubblici che saranno sollevati da responsabilità contabili in caso di colpa grave. Mentre per i medici arriva la possibilità di lavorare fino ai 72 anni, andando oltre l’età pensionabile. Dopo il via libera della Camera, il testo dovrà essere licenziato dal Senato. Ma non ci saranno più modifiche. Il voto è blindato in virtù del fatto che il provvedimento dovrà essere convertito in legge entro il 28 febbraio.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Leggi l’articolo completo su
Il Gazzettino

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui