Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Debt and House on Scales The idea of ​​not having enough money for home debt. vector eps

Si può ipotecare la casa inserita nel fondo patrimoniale? È necessaria l’autorizzazione del giudice in presenza di figli minori?

È illegittima l’ipoteca sul fondo patrimoniale? Chi costituisce un fondo patrimoniale crede spesso che la misura adottata con l’atto notarile possa salvare la casa, non solo dal pignoramento immobiliare, ma anche dalle iscrizioni ipotecarie. In realtà, si tratta di convinzioni false. Spiegheremo le ragioni qui di seguito.

Ipoteca: a cosa serve?

L’ipoteca

non è una misura esecutiva: non è cioè un atto preparatorio al pignoramento.

Il fatto che, su una casa, vi sia un’ipoteca non significa necessariamente che la stessa verrà messa all’asta. Così come è ben possibile un pignoramento immobiliare anche senza ipoteca.

Ma allora, a cosa serve l’ipoteca? L’ipoteca è una semplice garanzia per il creditore. Gli consente cioè di poter eventualmente aggredire l’immobile – ossia sottoporlo a pignoramento – anche nell’ipotesi in cui lo stesso dovesse essere ceduto a terzi (venduto o donato).

Inoltre, l’ipoteca garantisce al creditore ipotecario di soddisfarsi sul ricavato dalla vendita forzata, con preferenza rispetto ad altri eventuali creditori dello stesso soggetto. Significa che il prezzo ottenuto dall’aggiudicazione del bene andrà assegnato innanzitutto al creditore con l’ipoteca di primo grado.

Come visto, non c’è alcuna correlazione necessaria tra l’ipoteca e il pignoramento. Ben potrebbe un immobile rimanere ipotecato senza essere mai sottoposto all’esecuzione forzata. Attenzione però: se non rinnovata, l’ipoteca cessa dopo 20 anni.

Fondo patrimoniale: da cosa tutela?

L’iscrizione di un immobile all’interno del fondo patrimoniale implica il divieto di pignoramento per quei debiti contratti per esigenze estranee ai bisogni della famiglia. È il caso delle spese destinate a finalità voluttuarie (beni di lusso, viaggi, ecc.) o speculative (investimenti, ecc.).

Questo significa che tutte le spese necessarie ai bisogni primari della famiglia generano dei debiti per i quali il relativo creditore può ben avviare il pignoramento della casa inserita nel fondo patrimoniale. Si pensi alle spese mediche, per l’istruzione dei figli, a quelle per l’attività lavorativa strumentale al sostentamento, alle spese stesse correlate all’immobile (come il condominio, la ristrutturazione, ecc.).

Tanto per fare un esempio, una persona che non paga il condominio può subire, da parte del condominio stesso, il pignoramento della casa (anche se si tratta dell’unico immobile) benché inserita nel fondo patrimoniale.

Questa regola è sancita dall’articolo 170 del Codice civile

a norma del quale: «L’esecuzione sui beni del fondo e sui frutti di essi non può aver luogo per debiti che il creditore conosceva essere stati contratti per scopi estranei ai bisogni della famiglia».

Il fondo patrimoniale quindi tutela da tutti quei debiti di natura diversa, non collegati alle esigenze familiari. Si pensi all’acquisto di un’auto di lusso, a una vacanza, a un’investimento la cui finalità esorbita rispetto alle esigenze primarie della famiglia.

Fondo patrimoniale: l’ipoteca è legittima?

Poiché, come anticipato, l’ipoteca è cosa diversa dal pignoramento e non strumentale ad esso, è legittima l’ipoteca sul fondo patrimoniale. La costituzione di un fondo patrimoniale quindi non tutela dall’eventuale ipoteca. Questo vale anche nei confronti del Fisco e, in particolare, di Agenzia Entrate Riscossione. Il creditore può quindi iscrivere ipoteca su un bene inserito nel fondo patrimoniale senza che possa esservi opposizione del debitore. L’ipoteca servirà – semmai un creditore dovesse sottoporre a pignoramento l’immobile (come anticipato, per spese non correlate ai bisogni della famiglia) – a soddisfarsi con preferenza rispetto agli altri creditori.

A fronte di tale orientamento [1], però, ce n’è un altro più restrittivo secondo cui l’ipoteca può essere iscritta su beni conferiti in un fondo patrimoniale – anche per debiti di natura tributaria – ma a condizione che essi siano inerenti ai bisogni della famiglia. Quindi, il creditore che sia a conoscenza del fatto che il debito è stato contratto per esigenze non inerenti alla famiglia non sarebbe legittimato a iscrivere ipoteca e, in tal caso, l’iscrizione sarebbe illegittima. Tale orientamento è stato sposato anche dalla Cassazione secondo cui, in tema di cartelle esattoriali, l’Agenzia delle Entrate e Riscossione non può iscrivere ipoteca sui beni del fondo patrimoniale se il debito del contribuente deriva dalla sua partecipazione societaria e non è stato contratto per soddisfare i bisogni della famiglia [2].

Fondo patrimoniale con minori: per l’ipoteca c’è bisogno del consenso del giudice?

Se è vero che, in presenza di figli minori, la vendita della casa inserita nel fondo patrimoniale richiede l’autorizzazione del giudice tutelare, questo requisito non è necessario invece per l’iscrizione dell’ipoteca. Come chiarito di recente dalla Cassazione [3], può essere ipotecato l’immobile del fondo patrimoniale anche senza l’autorizzazione del giudice tutelare per il minore.

Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.
Diventa sostenitore clicca qui

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui