Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Da marzo al via l’incentivo Generazione Terra 2024 per giovani agricoltori, che finanzia l’acquisto di terreni agricoli per consolidare un’attività imprenditoriale o avviare una nuova. 

Si tratta di finanziamenti da 500.000 euro fino 1,5 milioni e, in alcuni casi, di premi per il primo insediamento dal valore di 70.000 euro in totale, che coprono le spese al 100%.

In questa guida vi spieghiamo cosa prevede la misura Generazione Terra 2024, a chi si rivolge, come aiuta i giovani nell’attività agricola e come presentare domanda.

COSA PREVEDE GENERAZIONE TERRA 2024

Generazione Terra 2024 è una misura agevolativa che copre il 100% del prezzo di acquisto di terreni da parte di giovani di età non superiore a 35 o a 41 anni (a seconda dei casi). Si rivolge a chi intende ampliare la superficie della propria azienda agricola o a chi vuole avviare un’iniziativa imprenditoriale in agricoltura, in qualità di capo d’azienda.

La misura è gestita da ISMEA (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare) e mette a disposizione finanziamenti dai 500.000 euro, in caso in cui a richiederlo siano giovani startupper con titolo, a 1,5 milioni di euro, in caso di giovani imprenditori agricoli e giovani startupper con esperienza.

In entrambi i casi, la durata del finanziamento è di massimo 30 anni di cui al massimo 2 di preammortamento.

Inoltre, per giovani startupper con esperienza o anche solo con titoli, è previsto dal bando anche il premio “primo insediamento” pari a 70.000 euro.

Il bando per l’erogazione delle misure di Generazione Terra nel 2024 non è stato ancora pubblicato ma sarà disponibile da marzo. E noi, vi aggiorneremo.

Intanto, vediamo tutti i dettagli su a chi spettano e come funzionano gli incentivi.

A CHI SPETTANO I FINANZIAMENTI GENERAZIONE TERRA

Possono accedere ai finanziamenti previsti dal bando Generazione Terra 202e i seguenti soggetti:

  • i giovani imprenditori agricoli;

  • i giovani startupper con esperienza che intendono avviare una propria iniziativa imprenditoriale nell’ambito dell’agricoltura;

  • i giovani startupper con titolo che intendono avviare una propria iniziativa imprenditoriale nell’ambito dell’agricoltura.

REQUISITI

Per partecipare al bando Generazione Terra 2024, ognuno degli aventi diritto deve essere in possesso di specifici requisiti che si distinguono per categoria. In attesa di ulteriori conferme, nel 2024 dovrebbero essere valide le stesse regole della scorsa edizione. Scopriamole insieme.

1) GIOVANI IMPRENDITORI AGRICOLI

Nel caso di giovani imprenditori agricoli, può avere accesso alla domanda chi rispecchia i seguenti requisiti

  • i cittadini dell’Unione Europea;
  • i residenti in Italia da almeno due anni;
  • chi ha un’età non superiore a 41 anni non compiuti.

L’accesso alla misura vale solo per i giovani imprenditori agricoli che intendono perseguire alternativamente le seguenti finalità:

  • ampliare la superficie della propria azienda mediante l’acquisto di un terreno, confinante o funzionalmente utile con la superficie già facente parte dell’azienda agricola condotta in proprietà, affitto o comodato, da almeno due anni alla data di presentazione della domanda;

  • consolidare la superficie della propria azienda mediante l’acquisto di un terreno già condotto dal richiedente, con una forma contrattuale quale il comodato o l’affitto, da almeno due anni alla data di presentazione della domanda.

Inoltre, ISMEA interviene anche in favore di società considerate giovani in quanto amministrate da un giovane IAP (imprenditore agricolo professionale) e, nel caso di società non organizzate in forma cooperativa, partecipate anche in maggioranza per quote da giovani. In questi casi, è necessario che la qualifica di giovane sia attribuibile in capo alla società richiedente per almeno i due anni precedenti la presentazione della domanda di accesso alla misura. L’accesso vale anche se la titolarità della società stessa è cambiata nel corso del predetto biennio.

2) GIOVANI STARTUPPER CON ESPERIENZA (GSE)

Nel caso di giovani startupper con esperienza (GSE), il bando si rivolge ai seguenti soggetti:

  • cittadini dell’Unione Europea;
  • chi ha un’età non superiore a 41 anni non compiuti;
  • residenti in Italia da almeno 2 anni.

Questi giovani devono risultare iscritti per almeno 2 anni nel quinquennio precedente alla data di presentazione della domanda almeno ad una delle seguenti gestioni:

  • INPS in qualità di coadiuvante agricolo;
  • gestione separata INPS in qualità di collaboratore;
  • gestione dei lavoratori dipendenti INPS come dirigente, quadro, impiegato agricolo o operaio agricolo;
  • gestione separata ENPAIA per i periti agrari o per gli agrotecnici;
  • EPAP per i dottori agronomi e forestali.

Per tale categoria, la finalità ammessa consiste nell’acquisto di un terreno destinato ad essere utilizzato per una nuova iniziativa imprenditoriale agricola condotta dal giovane startupper.

3) GIOVANI STARTUPPER CON TITOLO (GST)

Possono, infine, accedere alla misura ISMEA i giovani startupper con titolo che, ancorché privi di esperienza in campo agrario, intendano avviare una propria iniziativa imprenditoriale nell’ambito dell’agricoltura. Sono considerati giovani startupper con titolo i giovani che presentano le seguenti caratteristiche:

  • hanno un’età non superiore a 35 anni non compiuti;
  • sono cittadini dell’Unione Europea e residenti in Italia da almeno 2 anni;
  • non sono ancora imprenditori agricoli, ma che abbiano conseguito almeno uno dei seguenti titoli di studio: diploma rilasciato da istituto tecnico agrario e professionale per l’agricoltura oppure diploma di laurea triennale o magistrale.

In questo caso, la finalità ammessa consiste nell’acquisto di un terreno destinato ad essere utilizzato per una nuova iniziativa imprenditoriale agricola condotta dal giovane startupper.

LE RISORSE

Per la misura, ISMEA stanzia in totale, come stabilito nel 2024, 60 milioni di euro così suddivisi:

  • 25 milioni di euro destinati a giovani imprenditori agricoli e giovani startupper con esperienza per operazioni fondiarie localizzate nel Centro-nord (Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Lombardia, Piemonte, Trentino Alto Adige, Valle d’Aosta, Veneto, Lazio, Marche, Toscana e Umbria);

  • 25 milioni di euro destinati a giovani imprenditori agricoli e giovani startupper con esperienza per operazioni fondiarie localizzate nel Sud-isole (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia);

  • 10 milioni di euro destinati ai giovani startupper con titolo.

A QUANTO AMMONTA IL FINANZIAMENTO

Il valore massimo del finanziamento è pari ai seguenti importi:

  • 1.500.000 euro, in caso di giovani imprenditori agricoli e giovani startupper con esperienza;

  • 500.000 euro, in caso di giovani startupper con titolo.

Nel limite non sono compresi oneri quali spese notarili, tasse, imposte o altre voci analoghe. Inoltre, il beneficiario dell’operazione dovrà liquidare direttamente, in unica soluzione:

  • il 50% degli oneri notarili dovuti per gli atti di acquisto e di riassegnazione del terreno;

  • un rimborso spese forfettario per le attività di stima del terreno oggetto dell’operazione pari a 500 euro. La somma deve essere liquidata ad ISMEA prima della chiusura dell’operazione.

Nel caso in cui il finanziamento superi tali limiti, l’intervento si realizza mediante la concessione di un mutuo ipotecario. A garanzia dell’operazione, viene iscritta sul terreno oggetto di acquisto o su altri beni indicati dal proponente, un’ipoteca di primo grado per un valore cauzionale complessivo pari al 120% dell’importo del finanziamento concesso.

COME FUNZIONA GENERAZIONE TERRA 2024

Generazione Terra 2024 finanzia fino al 100% del prezzo di acquisto dei terreni ed è una misura dedicata a chi intende ampliare la superficie della propria azienda agricola o avviare un’iniziativa imprenditoriale in agricoltura. L’operazione prevista dal bando in uscita per Generazione Terra 2024, nello specifico, consisterà:

  • nell’acquisto di un terreno da parte di ISMEA;

  • nell’assegnazione del medesimo terreno al richiedente. A garanzia dell’operazione ISMEA mantiene la proprietà del terreno mediante l’iscrizione di “Patto di riservato dominio” (PRD).

In questa fase, il richiedente assumerà l’impegno di rimborsare la somma dovuta a ISMEA entro un termine tra i 15 e i 30 anni. La fase dell’acquisto sarà perfezionata da ISMEA mediante pagamento in un’unica soluzione. L’ammortamento è previsto mediante il pagamento di una rata costante, semestrale e posticipata.

Il preammortamento può essere concesso, nel limite massimo di 24 mesi, su richiesta del beneficiario e a discrezione dell’Istituto. In ogni caso, la durata complessiva del rapporto, comprensiva del preammortamento, non può superare 30 anni. Il rimborso delle rate ha luogo mediante addebito diretto SEPA core o modalità analoga che assicuri ISMEA che il pagamento ha comunque luogo, anche senza l’iniziativa del debitore. In caso di cambiamenti nel bando 2024, vi faremo sapere.

CARATTERISTICHE DEL TASSO D’INTERESSE

Il tasso applicato al finanziamento è definito sulla base della Comunicazione della Commissione relativa alla revisione del metodo di fissazione dei tassi di riferimento e di attualizzazione (2008/C 14/02). I dettagli saranno chiariti nel bando 2024.

PREMIO PRIMO INSEDIAMENTO

Il bando Generazione Terra 2024 stabilirà, inoltre, per i giovani startupper con esperienza o solo con titoli, la possibilità di accedere al premio di primo insediamento. L’agevolazione, che consiste in complessivi 70.000 euro, può essere erogata:

  • per un massimo del 60% (fino a 42.000 euro) all’atto della concessione dell’aiuto;

  • per il restante 40% (fino a 28.000 euro), dopo l’accertamento, da parte di ISMEA dell’avvenuta realizzazione del piano aziendale.

Il piano aziendale deve essere realizzato dal beneficiario entro 5 anni dalla concessione dell’aiuto. L’erogazione dell’agevolazione si articola come segue:

  • per i primi 5 anni di ammortamento (compreso eventuale preammortamento), il 60% dell’agevolazione è riconosciuto a parziale (fino al 70% dell’importo della rata) abbattimento dell’importo della rata di mutuo;

  • dal 5° anno di ammortamento, compreso il preammortamento, il restante 40% dell’agevolazione, aumentato dell’eventuale residuo della prima quota, è riconosciuto a parziale abbattimento (fino al 70% del valore della rata) ad abbattimento dell’importo della rata di mutuo.

COME PRESENTARE DOMANDA

La presentazione delle domande per Generazione Terra avviene tramite procedura a sportello, con prenotazione della disponibilità fino a esaurimento della dotazione finanziaria riservata alla misura, su cui vi aggiorneremo. Per accedere il richiedente deve presentare la domanda esclusivamente in via telematica da questa pagina, utilizzando la modulistica disponibile facendo accesso nell’area riservata. Tuttavia, non è stato ancora aperto il portale per la presentazione delle domande di accesso a Generazione Terra nel 2024. I dettagli su come presentare domanda saranno chiariti nel bando, in arrivo a marzo 2024.

ASSISTENZA ALLA DOMANDA

L’Ufficio Relazioni con il Pubblico ISMEA è a disposizione dell’utenza per fornire tutte le informazioni riguardanti le domande da presentare in modalità telematica mediante questi canali:

  • telefono al numero +39 06 855 68 319 oppure al numero +39 06 855 68 260. Gli orari sono il lunedì e il mercoledì, dalle 9:30 alle 13:30 e dalle 14:30 alle 17:00. Inoltre, il martedì, giovedì e venerdì dalle 9:30 alle 13:30;

  • email, all’indirizzo: urp@ismea.it. Per essere contattati direttamente dall’Urp, comunicare via e-mail il proprio recapito telefonico.

QUANDO ARRIVA IL BANDO 2024

Il bando con tutte le regole per accedere a Generazione Terra 2024 dovrebbe essere pubblicato entro marzo 2024. Vi aggiorneremo non appena sarà pubblicato.

ALTRI AIUTI E AGGIORNAMENTI

Vi consigliamo anche il nostro approfondimento sugli incentivi per l’imprenditoria giovanile e la guida con tutti gli acceleratori e incubatori per start up disponibili in Italia. Vi rimandiamo anche al nostro articolo dedicato ai finanziamenti agevolati per le imprese.

Per scoprire altri bonus e agevolazioni disponibili per famiglie e lavoratori è possibile visitare la nostra pagina dedicata agli aiuti alle persone. Inoltre per conoscere tutte le agevolazioni a favore dei datori di lavoro è possibile visitare la nostra pagina dedicata agli aiuti alle imprese.

Vi invitiamo anche ad iscrivervi alla nostra newsletter gratuita per ricevere tutti gli aggiornamenti e al canale Telegram, per leggere le notizie in anteprima. È anche possibile restare aggiornati seguendo il nostro canale Whatsapp e il nostro canale TikTok @ticonsigliounlavoro.


di Valeria C.


Giornalista, esperta di leggi, politica e lavoro pubblico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.


Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita e al nostro Canale Telegram. Seguici su Google News cliccando su “segui”.




 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui