Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Ultima ora sulla manovra 2024.  Pronta la bozza della legge di bilancio contiene  91 articoli e modifiche sulle misure che riguardano le pensioni, la famiglia e gli aiuti per i figli, l‘assegno unico, il taglio irpef e la flat tax. Vediamo quali sono le novità più importanti e cosa prevede adesso la manovra finanziaria licenziata dal consiglio dei Ministri guidato da Giorgia Meloni

Cosa prevede la manovra 2024

Una manovra da 24 miliardi di euro, frutto, come ha spiegato la premier Giorgia Meloni in conferenza stampa, di “16 miliardi di extragettito e il resto di tagli di spese” 

Nella prima bozza diffusa della manovra finanziaria, composta adesso da 91 articoli, compaiono i macrocapitoli sanità, pensioni, Pa, famiglia e revisione della spesa.

Manovra 2024, pensioni

Sul fronte delle pensioni le misure approvate sono in primis una rivalutazione delle pensioni, l’indicizzazione sale dall’85% al 90% per la fascia tra 4 e 5 volte il minimo. Rivalutazione piena per le pensioni fino a 4 volte il minimo.

Inoltre viene introdotta Quota 104 che sostituisce la Quota 103 per il pensionamento anticipato. Sarà possibile accedere all’Ape sociale per tutto il 2024. Si potrà accedere allo strumento con almeno 63 anni e cinque mesi per queste categorie:

  • disoccupati,
  • persone con invalidità almeno del 74%
  •  lavoratori impegnati in attività gravose
  •  lavoratori che assistono persone con handicap in situazione di gravità

Manovra 2024, Flax tax e Irpef

Circa 10 miliardi sono destinati al taglio del cuneo fiscale contributivo, rifinanziato solo per il 2024 (7% per i redditi fino a 25 mila euro, 6% per i redditi fino a 35 mila euro).

Si conferma la rimodulazione delle aliquote e degli scaglioni di reddito dell’IRPEF per il solo anno 2024. In particolare si prevede una riduzione a tre degli scaglioni di reddito e delle corrispondenti aliquote progressive di tassazione del reddito delle persone fisiche:

  • 23 per cento per i redditi fino a 28.000 euro;
  • 35 per cento per i redditi superiori a 28.000 euro e fino a 50.000 euro;
  • 43 per cento per i redditi che superano 50.000 euro.

Segui tutte le notizie del settore immobiliare rimanendo aggiornato tramite la nostra newsletter quotidiana e settimanale.

Misure per Famiglia e figli

Importante le misure per la famiglia e i figli. Confermata la carta “dedicata a te” nella misura di 600 milioni di euro per l’anno 2024, si integra lo stanziamento dei mutui prima casa di circa 380 milioni di euro per l’anno 2024 e si stanziano risorse per il rifinanziamento del contributo straordinario per il caro energia e il bonus sociale elettricità (400 milioni di euro) per sostenere le fasce più deboli della popolazione nel primo trimestre dell’anno prossimo.

Si aggiunge un altro mese di congedo parentale, retribuito al 60 per cento, per i genitori con figli fino ai 6 anni.  Si aumenta il fondo per il bonus asilo nido di oltre 150 milioni di euro. L’asilo nido sarà gratuito a partire dal secondo figlio, ma solo per i bambini nati dal primo gennaio 2024 in nuclei con già un minore under 10 e un tetto Isee di massimo 40.000 euro. 

Prodotti per l’infanzia  e tampon tax

Niente più Iva al 5% però per i prodotti per l’infanzia e per la cosiddetta tampon tax: la bozza della manovra prevede infatti che latte in polvere e preparazioni per l’alimentazione dei bimbi, così come assorbenti, tamponi e coppette mestruali, passino tra i prodotti soggetti all’Iva al 10%. 

Canone Rai

Diminuisce il canone Rai, da 90 a 70 euro all’anno. Alla riduzione corrisponde un’integrazione del finanziamento della Rai per le spese relative agli investimenti. La dotazione complessiva subisce, quindi, una lieve modifica in linea con i tagli previsti per i ministeri (da 440 a 420 milioni).

Fringe benefit e lavoro

Confermata la detassazione dei premi di produttività al 5 per cento e dei fringe benefit fino a 2 mila euro per i lavoratori con figli a carico e fino a 1.000 euro per tutti gli altri (i benefici potranno essere riconosciuti anche per pagamenti di affitto e mutuo prima casa).

La decontribuzione assume un volto nuovo con riferimento alle donne lavoratrici, prevedendo che la quota dello sgravio sia pari all’intera quota dei contributi a carico delle lavoratrici stesse, per un anno se hanno due figli fino all’età di 10 anni del più piccolo e permanente per quelle che hanno 3 figli fino ai 18 anni del più piccolo.

Manovra 2024, i mutui

Proroga fino al 31 dicembre 2024 delle agevolazioni per i mutui prima casa per i giovani under 36. Al fondo garanzia per la prima casa vengono infatti assegnati ulteriori 282 milioni per il prossimo anno.

Affitti brevi, cedolare secca al 26%

L’articolo 19 della manovra 2024 contiene una norma che prevede l’aumento delle tasse sulle rendite da affitto breve, che viene in sostanza equiparato alla rendita da azioni e obbligazioni corporate, passando al 26 per cento (dall’attuale livello della cedolare secca al 21 per cento).

Manovra 2024, la sanità

Tra le misure previste a favore della sanità, una indennità per medici e altro personale sanitario impegnati nella riduzione dei tempi delle liste di attesa.

Si stanziano risorse pari a 250 milioni di euro per l’anno 2025 e 350 milioni di euro a decorrere dal 2026 per il potenziamento dell’assistenza territoriale anche con riferimento a nuove assunzioni di personale sanitario.

Fondo per i migranti

Il fondo per l’accoglienza dei migranti sarà rifinanziato con ulteriori 200 milioni per il 2024, 300 per il 2025 e 200 per il 2026. All’Istituto nazionale per la promozione della salute delle popolazioni migranti e per il contrasto delle malattie della povertà viene assegnato un contributo di un milione di euro a partire dal prossimo anno.

Stretta anti evasione per colf e badanti

Viene stabilita la piena interoperabilità delle banche dati dell’Agenzia delle Entrate e dell’Inps al fine di evitare l’evasione fiscale per colf e badanti.

Caro materiali 2024

Per sostenere le imprese di costruzione con il caro materiali viene prorogata al 31 dicembre 2024 e aumentata di 200 milioni la dotazione del Dl aiuti

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui