Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Le aliquote contributive INPS dovute da artigiani e commercianti per il 2024 sono pari al 24% per titolari e collaboratori (coadiuvanti e coadiutori) oltre i 21 anni e salgono al 23,70% per i collaboratori under 21 anni, mentre sono rivalutati i massimali e i minimali per il calcolo dei versamenti.

Prevista come di consueto la riduzione del 50% per pensionati INPS dai 65 anni. Lo sconto (articolo 59, comma 15, legge 27 dicembre 1997, n. 449) ha per oggetto i contributi dovuti sul minimale di reddito e sulla quota eccedente. Per coltivatori diretti, coloni e mezzadri si applica sulla fascia di reddito di appartenenza. Sono esclusi dallo sconto i titolari di pensione di reversibilità, mentre sono ammessi i titolari di assegno di invalidità. L’agevolazione si ottiene su domanda.

Con Circolare 33/2024, l’Istituto di Previdenza incamera inoltre gli aggiornamenti all’inflazione e gli scatti previsti annualmente per chi non ha ancora raggiunto la misura del 24%. Vediamo tutto.

Minimali e massimali 2024 per Artigiani e Commercianti

La rivalutazione ISTAT dell’5,4% comporta che per il 2024 il minimale annuo da considerare per il calcolo del contributo IVS sia pari a 18.415 euro.

Il massimale si porta a 91.680 euro per chi aveva già anzianità contributiva prima del 1996, salendo a 119.650 euro per i contributivi puri.

I contributi si calcolano nel seguente modo:

  1. il minimo si ottiene applicando l’aliquota ai minimali, poi si continua ad applicare la stessa aliquota sulla quota eccedente il minimale e fino a un reddito di 55.008 euro;
  2. sopra questa cifra e fino ai massimali, l’aliquota sale di un punto percentuale.

NB: ci sono alcune categorie di iscritti, per esempio gli affittacamere, che non sono tenuti a rispettare il minimale di reddito.

Variazione aliquote contributive

In base al dl 201/2011, articolo 24, comma 22, con effetto dal primo gennaio 2012, le aliquote contributive della gestione INPS per Artigiani e Commercianti sono incrementate di 1,3 punti percentuali e, successivamente, di 0,45 punti percentuali ogni anno fino a raggiungere il livello del 24%.

Tabella aliquote 2024

L’aliquota ordinaria è già al 24%, mentre per i collaboratori di età inferiore a 21 anni si porta quest’anno al 23,70% (e continuerà a salire di 0,45 punti percentuali ogni anno, sino al raggiungimento della soglia del 24%). Infine, bisogna applicare la quota aggiuntiva dello 0,48%.

NB: La riduzione contributiva al 23,70% (artigiani) e 24,18% (commercianti) è applicabile fino alla fine del mese in cui si compiono i 21 anni.

Minimali e massimali contributivi

Applicandole ai minimali di reddito (18.415 euro), ecco come diventano i contributi minimi dovuti alle rispettive gestioni INPS nel 2024:

Per periodi inferiori all’anno solare, il contributo minimo è rapportato a mese ed è il seguente:

Sul reddito eccedente il minimale e fino a 55.008 euro si applicano le aliquote sopra esposte, sopra questa soglia l’aliquota ordinaria sale al 25% e quelle per gli under 21 si porta al 24,18%. In tutti i casi bisogna poi aggiungere lo 0,48%.

La tabella riepilogativa:

Contributo massimo per IVS

Scadenze di versamento

I contributi si pagano alle seguenti scadenze:

  • le quattro rate sul minimale di reddito entro il 16 maggio e 18 novembre 2024, poi entro il 17 febbraio 2025;
  • la parte eccedente, entro i termini per la presentazione della dichiarazione dei redditi (saldo 2023, primo acconto 2024 e secondo acconto 2024).

Tutti i dettagli nella Circolare INPS.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui