Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Con la decisione del 10 novembre 2023, il giudice dell’esecuzione di Termini Imerese affronta il tema della legittimazione attiva a promuovere un’azione esecutiva da parte di una società di servicing, mandataria di una società veicolo di un’operazione di cartolarizzazione e non iscritta all’albo di cui all’art. 106 TUB. L’accertamento della mancanza di legittimazione della società esecutante, eccepita dall’esecutata in sede di opposizione a precetto (in particolare nell’istanza di sospensione ex art 624, 1 comma c.p.c)., avrebbe costituito «grave motivo» tale da giustificare la sospensione.

Il giudice risolve la questione individuando il perimetro applicativo (minimo) della riserva ex art. 106 TUB, nei suoi rapporti con l’art. 115 TULPS, che prescrive la licenza del questore per «le attività di recupero stragiudiziale di crediti per conto di terzi». In particolare, il giudice ritiene che l’esercizio esclusivo dell’attività di servicing da parte della società implica l’obbligo di iscrizione nell’albo di cui all’art. 106; mentre, che una diversa organizzazione, basata sulla suddivisione dell’attività un master servicer e uno special servicer, potrebbe giustificare la sottoposizione della riserva solo al primo, a condizione di affidare al secondo la mera riscossione di crediti.

Il servicing consiste nell’attività di riscossione dei crediti che, nelle operazioni di cartolarizzazione, possono essere delegate dalla Società Veicolo a un soggetto terzo. Si tratta di operazioni che consentono l’acquisto in massa di crediti pecuniari deteriorati in capo al medesimo soggetto, finanziate mediante l’emissione di titoli in cui i crediti deteriorati siano stati incorporati. Questi, una volta recuperati, garantiscono il pagamento degli interessi dei titoli e del capitale a scadenza.

Secondo il giudice, la detta attività è, in linea di principio, da stimarsi ricompresa nella riserva di cui all’art. 106 TUB posto che, ai sensi dell’art. 2 comma 3 lett. c) e comma 6 della l. n. 130/1999, i servizi di riscossione dei crediti e dei servizi di cassa a pagamento «possono essere svolti solo da banche o intermediari iscritti … nell’albo» ex art. 106 TUB. Tuttavia, la Banca d’Italia, con comunicazione datata 11.11.2021, ha dato conto dell’esistenza di prassi operative per cui i terzi incaricati dalla Società Veicolo della riscossione dei crediti, distinguono tra un master servicer, a cui siano attribuiti i «compiti di garanzia» e uno special servicer, incaricato del «recupero» dei crediti. In questo modello organizzativo, poiché solo i primi compiti sarebbero «non delegabili», ai sensi della l.n.130/1999, solo il master servicer si iscrive all’albo ex art 106 T.U.B., mentre lo special servicer si dota solo della licenza richiesta dall’art 115 TULPS per lo svolgimento della propria attività.

In tale senso, sottolinea il giudice, «paiono delinearsi due distinte ipotesi». Nella prima l’esercizio dell’attività di servicing rimane accentrato in capo alla medesima società, necessariamente iscritto all’Albo di cui all’art 106 T.U.B.; mentre nella seconda, l’attività è suddivisa tra due soggetti, e solo quello che mantiene un ruolo di garante si iscriverebbe al medesimo albo. Ne deriva, che per non rientrare nell’ambito di applicazione minimo della riserva, la società di servicing dovrebbe «quantomeno» provare che sia stata adottata tale prassi organizzativa.

Tuttavia, nel caso concreto oggetto di decisione, non c’è traccia di tale prova, e il giudice, ritenendo soddisfatto il requisito del grave motivo, sospende l’esecuzione.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui