Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Guida ai presupposti, alle modalità e ai costi della cancellazione della trascrizione di una procedura esecutiva su immobili.

Immaginate di trovarvi di fronte alla spiacevole situazione del pignoramento immobiliare: una minaccia che pende sulla casa dei vostri sogni a causa di debiti non saldati. In questo delicato contesto, conoscere le strade percorribili per risolvere la situazione è fondamentale. Come si cancella un pignoramento immobiliare? Questo articolo si propone di guidare il lettore attraverso le diverse opzioni disponibili per risolvere tale questione, spiegando passo dopo passo le procedure, le possibilità di accordo e le vie legali per opporsi al pignoramento, sempre con l’obiettivo di fornire una panoramica chiara e accessibile.

Cos’è il pignoramento immobiliare?

Il pignoramento immobiliare rappresenta una modalità attraverso la quale si attua l’esecuzione forzata, finalizzata a ottenere un risultato equiparabile a quello che si sarebbe conseguito mediante l’adempimento volontario dell’obbligato. Questo processo comporta la sottrazione forzosa di beni dal patrimonio del debitore e la loro conversione in denaro per soddisfare le richieste dei creditori.

Le principali caratteristiche del pignoramento immobiliare includono:

  • l’oggetto dell’espropriazione, che riguarda il diritto di proprietà e i diritti reali di godimento su immobili del debitore;
  • la necessità di pubblicità immobiliare, che si attua mediante la trascrizione del pignoramento nei pubblici registri immobiliari, in modo tale che soggetti interessati (si pensi, ad esempio, a potenziali acquirenti o ad altri creditori) possano venirne a conoscenza.

Il pignoramento immobiliare può essere attuato soltanto se basato su un

titolo esecutivo (sentenza, decreto ingiuntivo esecutivo, cambiale, etc.) che attesti l’esistenza di un diritto del creditore che sia certo, liquido ed esigibile, come stabilito dall’art. 474 c.p.c..

La procedura di pignoramento richiede che sia avvenuta la notifica al debitore del titolo esecutivo e dell’atto di precetto. Quest’ultimo costituisce un’intimazione a soddisfare l’obbligazione entro un termine di norma non inferiore a 10 giorni.

Come si effettua il pignoramento immobiliare?

Ai sensi dell’art. 555 c.p.c., il pignoramento immobiliare si effettua mediante la notifica al debitore e la successiva trascrizione di un atto che deve includere, tra l’altro, l’indicazione precisa dei beni e diritti immobiliari soggetti ad esecuzione, con i dettagli richiesti dal codice civile per l’identificazione dell’immobile (tipologia, destinazione urbanistica, comune di ubicazione, numero di partita catastale o delle mappe censuarie e almeno tre confini), nonché l’ingiunzione di astenersi da atti che possano sottrarre alla garanzia del credito i beni espropriati e i loro frutti.

L’atto di pignoramento deve essere consegnato all’ufficiale giudiziario competente insieme alla copia per la trascrizione, affinché quest’ultimo proceda con la notifica al debitore e la trascrizione presso la Conservatoria dei registri immobiliari, operazioni che possono essere eseguite anche dal creditore procedente.

Una volta completata l’ultima notifica, l’ufficiale giudiziario consegna immediatamente al creditore o al suo legale l’atto di pignoramento e la nota di trascrizione ricevuta dal Conservatore dei registri immobiliari.

La procedura prosegue con la valutazione e la vendita del bene pignorato, il cui ricavato viene assegnato al creditore a soddisfacimento, totale o parziale, del suo diritto. Se i creditori sono più d’uno, la somma viene distribuita secondo precisi criteri; se residua denaro, viene consegnato al debitore.

Quando può essere cancellato il pignoramento immobiliare?

La cancellazione del pignoramento immobiliare può avvenire quando si verifica una delle seguenti condizioni:

  • il pagamento del debito. In questo caso il creditore, su richiesta del debitore, avvia la procedura di rinuncia al procedimento esecutivo mediante il deposito di un atto formale in cancelleria. Il giudice ne prende atto ed emette un provvedimento con il quale ordina la cancellazione del pignoramento;
  • un accordo tra il debitore e il creditore. Questo può avvenire sia perché il creditore accetta un pagamento parziale a soddisfacimento del credito, sia attraverso un piano di rientro concordato, che prevede il pagamento rateizzato dell’importo dovuto. In entrambi i casi, una volta trovato l’accordo, il creditore si impegna a procedere con la cancellazione del pignoramento dai registri pubblici, depositando in cancelleria la propria rinuncia alla procedura;
  • l’accoglimento di un’opposizione al pignoramento presentata dal debitore (art. 617 c.p.c.). Quest’ultimo può sollevare questioni legate alla regolarità formale del titolo esecutivo, del precetto o dello stesso pignoramento. Questa azione legale offre al debitore la possibilità di contestare l’azione esecutiva, e, in caso di successo, può portare alla sospensione o alla cancellazione del pignoramento stesso.

Come cancellare un pignoramento immobiliare?

Se ne ricorrono le condizioni,

come si cancella un pignoramento immobiliare?

Una volta estinto il debito, sia tramite pagamento diretto che raggiungendo un accordo con il creditore, o accolta l’opposizione presentata dal debitore, il passo successivo è la cancellazione formale del pignoramento dai pubblici registri immobiliari. Questo avviene principalmente in due modi:

  • con l’intervento diretto del giudice, che emette un provvedimento che ordina la cancellazione, in caso di accoglimento dell’opposizione del debitore;
  • tramite la rinuncia formale del creditore. Quest’ultimo, in caso di pagamento del debito o di accordo con il debitore, deposita un atto formale in cancelleria con cui dichiara di rinunciare alla procedura. Il giudice, prendendone atto, ordina la cancellazione.

La cancellazione di un pignoramento immobiliare comporta dei costi che possono variare a seconda di diversi fattori, come le tariffe professionali dell’avvocato, i diritti di cancelleria, e le tasse previste per l’atto di cancellazione presso i registri immobiliari.

Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.
Diventa sostenitore clicca qui

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui