Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Nullità della notificazione, precetto, opposizione all’esecuzione, inefficacia del decreto ingiuntivo, mancata notifica nei termini di legge e inesistenza.

Chi vanta un credito certo, liquido ed esigibile nei confronti di un’altra persona può chiedere al giudice l’emissione di un provvedimento – denominato “decreto ingiuntivo” – con cui si intima al debitore di pagare immancabilmente entro il termine di quaranta giorni, pena la definitiva esecutività del provvedimento stesso e, di conseguenza, la possibilità di agire con l’espropriazione forzata dei suoi beni.

Perché tutto ciò possa accadere occorre però che il creditore – per mezzo del suo avvocato – effettui tempestivamente alcuni adempimenti. In questo preciso contesto si pone il problema della

notifica del decreto ingiuntivo: quando ricorrono le ipotesi di nullità, tardività e inefficacia? Scopriamolo.

Cos’è la notifica del decreto ingiuntivo?

Una volta ottenuto il decreto ingiuntivo, il creditore deve procedere a notificarlo al debitore affinché questi sia messo nelle condizioni di ottemperare all’ordine contenuto nel provvedimento.

Alla notifica l’avvocato provvede tramite gli ufficiali giudiziari oppure in proprio, mediante spedizione postale o pec (se il debitore ne ha una).

La notifica del decreto ingiuntivo va fatta entro sessanta giorni dalla sua emissione.

Nullità della notifica: come farla valere?

In caso di nullità della notifica, anche se ciò determina l’inefficacia del titolo esecutivo, il debitore può contestare tale vizio solo proponendo opposizione al decreto ingiuntivo stesso [1] o con la cosiddetta

opposizione tardiva [2], ossia anche dopo scaduto il termine dei 40 giorni fissati dal decreto, sempre che tale nullità gli abbia impedito di averne tempestiva conoscenza.

Egli non può, quindi, procedere, in un momento successivo alla notifica del precetto, con l’opposizione all’esecuzione [3] o agli atti esecutivi [4], davanti ad un giudice diverso da quello funzionalmente competente a giudicare sull’opposizione a decreto ingiuntivo [5].

Il codice di procedura civile [2] prevede il rimedio della cosiddetta opposizione tardiva nel caso di irregolarità della notificazione, ossia di tutti quei vizi che la inficiano e, quindi, anche per l’ipotesi di notificazione del decreto ingiuntivo oltre i termini di legge, che comporta [6] l’inefficacia del provvedimento [7].

Inefficacia e inesistenza: differenza

Il decreto ingiuntivo diventa inefficace se non viene notificato entro 60 giorni dalla sua emissione [8].

Alla mancata notifica dello stesso viene equiparata l’inesistenza della notifica.

In entrambi i casi si presume che il

creditore abbia voluto abbandonare la pretesa e dunque il titolo diventa inefficace.

Nullità della notifica

Diverso è il caso della nullità: la notificazione del decreto ingiuntivo comunque effettuata, anche se nulla, è pur sempre indice della volontà del creditore di avvalersi del decreto stesso.

Pertanto, potendo tale nullità o irregolarità essere fatta valere a mezzo dell’opposizione tardiva [2], deve essere esclusa la presunzione di abbandono del titolo che costituisce il fondamento della previsione di inefficacia [9].

Inefficacia del decreto ingiuntivo: quando?

L’inefficacia del decreto ingiuntivo è, dunque, riconducibile alla sola ipotesi in cui manchi la notifica nel termine stabilito dalla norma predetta, e non anche nel caso di nullità o irregolarità della notifica eseguita nel predetto termine, poiché la notificazione del decreto ingiuntivo comunque effettuata, anche se nulla, è pur sempre indice della volontà del creditore di avvalersi del decreto stesso [10].

Tale nullità od irregolarità della notifica può essere fatta valere a mezzo dell’opposizione tardiva [2], la quale, peraltro, non può esaurirsi in una denuncia di tale irregolarità, perché siffatta denuncia, ove non accompagnata da contestazioni sul merito della pretesa del creditore, e dunque non indirizzata all’apertura del giudizio di merito, non è idonea ad alcun risultato utile per l’opponente, nemmeno con riguardo alle spese della fase monitoria.

Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.
Diventa sostenitore clicca qui

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui