Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


L’ambiente e la mobilità sostenibile sono al centro delle politiche economiche italiane, con il governo che introduce misure incisive per promuovere l’acquisto di veicoli ecologici. Il nuovo Ecobonus 2024 rappresenta un passo significativo in questa direzione, offrendo incentivi considerevoli per l’acquisto di auto elettriche e ibride plug-in. Questa guida esamina i dettagli dell’iniziativa, delineando i requisiti e le opportunità per i consumatori italiani.

 

Ecobonus incentivi auto 2024 in GU

Pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale, i nuovi incentivi auto 2024 si presentano come una svolta per chi è intenzionato a guidare il cambiamento verso una mobilità più pulita. Con bonus maggiorati, l’acquisto di un’auto elettrica o con emissioni di CO2 inferiori ai 20 g/km può beneficiare di uno sconto che raggiunge quasi i 14.000 euro. Il dibattito pubblico, alimentato da anticipazioni e dichiarazioni politiche, tra cui quelle del ministro Adolfo Urso, ha generato confusione tra i cittadini, molti dei quali hanno posticipato l’acquisto di un nuovo veicolo in attesa di chiarimenti.

 

Ecobonus auto 2024 come funziona

Questo articolo mira a fornire tutte le informazioni necessarie per comprendere appieno l’Ecobonus 2024 e valutare la convenienza di un eventuale acquisto. Per accedere ai bonus, è essenziale che il veicolo non superi il prezzo di listino di 42.700 euro (IVA inclusa) se elettrico, o con emissioni superiori ai 61 grammi/km. Per le auto ibride plug-in con emissioni tra i 21 e i 60 grammi, il limite di prezzo sale a 54.900 euro. Le tecnologie incentivate dall’Ecobonus non si limitano a un tipo specifico di motorizzazione, rispettando il principio di neutralità tecnologica. Tuttavia, nella pratica, le emissioni sono strettamente correlate al tipo di alimentazione, con le seguenti soglie:

  • 0-20 g/km: include tutte le auto elettriche e alcune plug-in, con un limite di prezzo di 42.700 euro.

  • 21-60 g/km: copre la maggior parte delle auto plug-in, con un tetto di 54.900 euro.

  • 61-135 g/km: questa categoria comprende una varietà di modelli mild e full hybrid, benzina, diesel, GPL e metano, principalmente di dimensioni compatte, con un limite di prezzo di 42.700 euro.

L’Ecobonus 2024 è quindi un’opportunità imperdibile per chi desidera contribuire alla riduzione dell’impatto ambientale, guidando un veicolo all’avanguardia e rispettoso dell’ecosistema.

 

Bonus auto 2024, lo sconto in base a emissioni e ISEE

Le fasce di emissioni di CO2 si suddividono in tre categorie: 0-20 g/km, 21-60 g/km e 61-135 g/km. I benefici per l’acquisto di un nuovo veicolo variano a seconda delle emissioni, del valore ISEE dell’acquirente, della categoria Euro del veicolo rottamato e se si effettua la rottamazione o meno. Di seguito una descrizione discorsiva dei dettagli:

 

Emissioni 0-20 g/km di CO2

Se si rottama un veicolo di categoria Euro 0-2, si riceve uno sconto di 11.000 € con un ISEE pari o superiore a 30.000 €, mentre lo sconto sale a 13.750 € per chi ha un ISEE inferiore a 30.000 €. Per veicoli Euro 3, gli sconti sono rispettivamente di 10.000 € e 12.500 €. Con un veicolo Euro 4, lo sconto si riduce a 9.000 € per ISEE ≥ 30.000 € e 11.250 € per ISEE < 30.000 €. Non è previsto alcuno sconto per la rottamazione di veicoli Euro 5. Senza rottamazione, si può ottenere uno sconto di 6.000 €. Il limite di spesa è di 35.000 € senza IVA e di 42.700 € con IVA. Questo beneficio è accessibile sia a persone fisiche sia giuridiche.

 

Emissioni 21-60 g/km di CO2

Con la rottamazione di un veicolo Euro 0-2, gli acquirenti con ISEE pari o superiore a 30.000 € ottengono uno sconto di 8.000 €, mentre quelli con ISEE inferiore a 30.000 € ricevono 10.000 €. Per veicoli Euro 3, gli sconti sono rispettivamente di 6.000 € e 7.500 €. Con un veicolo Euro 4, lo sconto è di 5.500 € per ISEE ≥ 30.000 € e 6.875 € per ISEE < 30.000 €. Anche qui, non ci sono sconti per la rottamazione di veicoli Euro 5. Senza rottamazione, lo sconto è di 4.000 €. Il limite di spesa è di 45.000 € senza IVA e di 54.900 € con IVA. Questo beneficio è riservato esclusivamente a persone fisiche.

 

Emissioni 61-135 g/km di CO2

In questa fascia, con la rottamazione di veicoli Euro 0-2, lo sconto è di 3.000 €, indipendentemente dal valore dell’ISEE. Per veicoli Euro 3, lo sconto è di 2.000 € per tutti. Con la rottamazione di un veicolo Euro 4, lo sconto è di 1.500 € per tutti. Non è previsto alcuno sconto per veicoli Euro 5. Senza rottamazione, non è previsto alcuno sconto. Il limite di spesa è di 35.000 € senza IVA e di 42.700 € con IVA. Anche in questo caso, il beneficio è destinato esclusivamente a persone fisiche.

 

A chi spetta l’Ecobonus auto 2024

Le agevolazioni sono riservate alle persone fisiche per tutte le fasce di emissioni, mentre le persone giuridiche possono usufruirne solo per le emissioni 0-20 g/km di CO2 e 21-60 g/km di CO2.

 

Incentivi per l’acquisto di auto usate nel 2024 

Nel panorama degli incentivi auto del 2024, si inserisce anche un capitolo dedicato alle auto usate. Per queste ultime, è previsto uno sconto di 2.000 euro, a patto che il prezzo di acquisto non superi i 25.000 euro. Inoltre, è necessario che si proceda alla rottamazione di un vecchio veicolo di classe Euro 4 o inferiore e che l’auto usata abbia emissioni di CO2 fino a 160 g/km.

 

Conversione a GPL e metano

Gli incentivi del 2024 non trascurano chi opta per la conversione a GPL o metano di veicoli con classe di emissioni Euro 4 o superiore. La conversione a GPL comporta uno sconto di 400 euro, mentre per il metano l’incentivo sale a 800 euro. È importante sottolineare che la rete di distribuzione del GPL è piuttosto estesa, con oltre 4.000 stazioni di rifornimento disponibili, a differenza di quella del metano, che conta circa 1.500 punti vendita. Le recenti dinamiche geopolitiche, in particolare la guerra in Ucraina, hanno influenzato notevolmente il mercato del metano, riducendo sia l’offerta di veicoli nuovi convertiti a metano direttamente dai costruttori sia la domanda di tali veicoli.

 

Noleggio a lungo termine

Un’ulteriore novità introdotta dagli incentivi auto del 2024 riguarda il settore del noleggio a lungo termine. Questa opzione è riservata alle persone fisiche che stipulano contratti della durata minima di tre anni, per veicoli che rientrano nelle fasce di emissioni previste dall’incentivo. L’importo specifico è ancora in fase di definizione, ma il Governo ha già stanziato un fondo totale di 50 milioni di euro a supporto di questa iniziativa.

 

Ecobonus auto 2024 come richiederlo su usato e nuovo

Per accedere agli incentivi auto del 2024, è sufficiente sottoscrivere presso una concessionaria un contratto di acquisto per un’auto nuova che soddisfi i requisiti di emissioni di CO2 e prezzo di listino stabiliti. La gestione della documentazione burocratica è a carico del venditore, che dovrà caricare la domanda sulla piattaforma ministeriale dedicata. L’unico vincolo è rappresentato dalla disponibilità dei fondi, che si prevede possano esaurirsi rapidamente, soprattutto per quanto riguarda le auto endotermiche con emissioni da 21 a 135 g CO2/km. Gli esperti del settore prevedono che entro il 3 giugno possa verificarsi una corsa al caricamento delle domande sulla piattaforma da parte dei concessionari, che hanno accumulato numerosi contratti di vendita in attesa della conferma degli incentivi.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui