Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Il decreto prevede la semplificazione del cambio di destinazione d’uso di singole unità immobiliari «nel rispetto delle normative di settore e di eventuali specifiche condizioni comunali», secondo quanto ha dichiarato il ministro delle Infrastrutture, Matteo Salvini, con «tolleranze costruttive tra il 2% e 5% in base alla superficie»

Dopo l’approvazione del piano salva casa da parte del Consiglio dei ministri, scopriamo le novità introdotte dalla normativa che prende questo nome perchè secondo il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti include “disposizioni urgenti e puntuali” per “salvare le nostre case da una normativa rigida e frammentata, fatta di procedure amministrative incerte che ostacolano la commerciabilità dei beni e precludono l’accesso a mutui, sovvenzioni e contributi”.

piano salva casa

Leggi anche: Come ristrutturare casa senza il Superbonus? Tutte le misure agevolative previste

Il piano salva casa

Il piano salva casa prevede la semplificazione del cambio di destinazione d’uso di singole unità immobiliari, «nel rispetto delle normative di settore e di eventuali specifiche condizioni comunali», secondo quanto ha dichiarato il ministro delle Infrastrutture, Matteo Salvini, che ha spiegato come il decreto introduca «tolleranze costruttive tra il 2% e 5% in base alla superficie». Il provvedimento, sempre secondo quanto affermato da Salvini, prevede «la fine del paradosso del silenzio rigetto, con l’introduzione del silenzio assenso: vale a dire che se l’amministrazione non risponde, entro i termini prestabiliti, l’istanza si considera accettata».

Cosa si potrà sanare

Il decreto non prevede particolari misure che disciplinano gli abusi edilizi strutturali, come lo spostamento di un muro portante, ma solo gli abusi minori, per esempio un tramezzo spostato o una finestra posizionata diversamente. In particolar modo, si potranno sanare «piccole irregolarità – ha affermato Salvini – Non è un condono sull’esterno». Tra le norme indicate dal ministro c’è il superamento della doppia conformità, il meccanismo del silenzio assenso, la semplificazione anche per il cambio di destinazione d’uso. Una «grande opera di semplificazione e sburocratizzazione» l’ha definita lo stesso ministro.

Piano salva casa ed edilizia libera

Tra le misure previste dal decreto c’è l’ampliamento delle categorie di interventi che possono essere eseguiti in edilizia libera, cioè lavori che non richiedono alcun titolo abilitativo, né permesso e/o comunicazione, perché non “eccessivamente impattanti”. In edilizia libera sarà possibile realizzare interventi di manutenzione ordinaria, di installazione di pompe di calore da 12 kilowatt, di rimozione di barriere architettoniche e d’installazione di vetrate panoramiche amovibili (le cosiddette “Vepa”) installate su logge e balconi. Tra queste, anche “opere di protezione dal sole e dagli agenti atmosferici la cui struttura principale sia costituita da tende, tende da sole, tende da esterno, tende a pergola”.



 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui