Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


  • I cittadini di età compresa tra i 18 e i 40 anni possono costituire un’impresa agricola giovanile rispettando determinate condizioni e requisiti.
  • Per accedere alle agevolazioni statali non basta il requisito anagrafico, ma occorre anche possedere delle qualifiche e competenze professionali.
  • Le imprese giovanili agricole possono accedere a incentivi e agevolazioni nazionali per ottenere contributi a fondo perduto e sostegni statali.

Con il nuovo piano strategico della Pac 2023-2027 cambiano i requisiti per essere definiti “giovani imprenditori agricoli“: secondo la normativa appena approvata, per accedere alle agevolazioni statali non basta avere meno di 40 anni di età e svolgere una determinata tipologia di attività, ma occorre anche essere in possesso di determinate qualifiche agricole e competenze professionali.

In questo modo l’attività può rientrare nella cosiddetta “impresa agricola giovanile”. Questo è quanto previsto dalla legge n. 36 del 15 marzo 20241, che punta ad aumentare il numero di imprese agricole gestite dai giovani per favorire il ricambio generazionale in Italia.

Cos’è l’impresa agricola giovanile: la definizione

Con i termini “impresa giovanile agricola” e “giovane imprenditore agricolo” si fa riferimento alle imprese o ai singoli imprenditori che esercitano esclusivamente attività agricola (secondo l’articolo 2135 del Codice Civile) e che hanno un’età compresa tra i 18 e i 40 anni.

Nel dettaglio, devono rientrare nel range di età:

  • l’imprenditore agricolo titolare di un’impresa individuale;
  • almeno la metà dei soci per le società di persone e di società cooperative;
  • gli imprenditori agricoli che abbiano sottoscritto almeno la metà del capitale sociale nel caso di società di capitali.

Queste definizioni riprendono due disposizioni normative europee inserite nel regolamento Ue n. 1305/2013, secondo il quale la figura del “giovane agricoltore” deve soddisfare alcuni requisiti:

  • avere un’età massima compresa tra i 35 e i 40 anni;
  • soddisfare le condizioni per essere “capo” dell’azienda;
  • soddisfare i requisiti di formazione o le competenze richiesti.

Ricordiamo anche che, ai sensi dell’articolo 2135 del Codice Civile, è considerato imprenditore agricolo colui che esercita coltivazione del fondo, selvicoltura o allevamento di animali e attività connesse.

Impresa agricola giovanile: requisiti e condizioni

Ciascuno Stato membro dell’Unione ha poi definito i requisiti e le condizioni che un giovane agricoltore deve rispettare per essere definito tale e per poter accedere, di conseguenza, agli incentivi agricoli nazionali.

A tal fine, il piano strategico della Pac 2023-2027 prevede:

  • un limite massimo di età pari a 40 anni;
  • che il giovane agricoltore dell’impresa agricola, nel caso di ditta individuale, sia considerato “capo azienda” e assuma il controllo effettivo e duraturo dell’azienda agricola in merito alle decisioni su gestione, utili e rischi finanziari. 

Nel caso di società, invece, il giovane agricoltore esercita il controllo effettivo solo se:

  • detiene una buona quota di capitale;
  • partecipa attivamente al processo decisionale della società;
  • si occupa della gestione corrente.

Titolo di studio e competenze richieste

impresa agricola giovanile

Un imprenditore agricolo deve poi possedere, secondo la normativa Pac, uno dei seguenti titoli di studio:

  • diploma universitario con indirizzo agricolo, forestale, veterinario, ovvero titolo di scuola secondaria di secondo grado a indirizzo agricolo;
  • titolo di scuola secondaria di secondo grado a indirizzo non agricolo con attestato di frequenza ad almeno un corso di formazione di almeno 150 ore e superamento della prova finale;
  • titolo di scuola secondaria di primo grado, accompagnato da esperienza lavorativa di almeno tre anni nel settore agricolo.

Impresa agricola giovanile: regime fiscale e tassazione

Secondo l’articolo 4 della legge n.36/2024, i giovani imprenditori che intraprendono attività agricole possono optare per l’adesione a un regime agevolato che consente di pagare un’imposta sostitutiva pari al 12,5% della base imponibile e di mantenere tale opzione agevolata per i primi quattro anni dall’apertura dell’attività.

Tale regime è applicabile alle attività agricole a precise condizioni:

  • non abbiano esercitato attività di impresa agricola nei tre anni precedenti;
  • siano in regola con gli adempimenti e obblighi previdenziali, assicurativi e amministrativi;
  • non richiedano le agevolazioni per trasferimenti di imprese o aziende pre-esistenti.

Agevolazioni per le imprese agricole giovanili

Le iniziative e le agevolazioni a livello nazionale sono gestite, per l’Italia, dall’Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare (ISMEA): ogni Paese può decidere in autonomia se attivare nuove iniziative.

Per il nostro Paese sono attualmente disponibili questi contributi per l’agricoltura:

  • Più impresa, imprenditoria giovanile e femminile in agricoltura, dedicata in particolare ai giovani (o alle donne senza limiti di età) che subentrano nella conduzione di un’azienda agricola;
  • agevolazioni per l’insediamento di giovani in agricoltura, ovvero per coloro che intendono acquistare un terreno agricolo (per esempio accedendo ad un mutuo con tassi agevolati);
  • Banca nazionale delle terre agricole, che è una sorta di elenco di tutti i terreni agricoli disponibili, anche a seguito di abbandono o pre-pensionamento.

La legge n.36 del 2024 ha poi previsto un credito di imposta per le spese sostenute per la frequenza di corsi di formazione attinenti alla gestione dell’azienda agricola: il contributo è pari all’80% delle spese sostenute e documentate nel 2024, fino a un massimo di 2.500 euro all’anno.

Cos’è il Fondo primo insediamento giovani agricoltori

Andiamo a vedere nello specifico come funziona una delle agevolazioni più interessanti per i giovani agricoltori, ovvero il Fondo primo insediamento. Per questa misura vengono messi a disposizione 15 milioni di euro per quest’anno, per incentivare il primo insediamento dei giovani in questo settore.

Al momento si attende la pubblicazione delle istruzioni definitive per l’accesso a questo fondo, dedicato a sostenere alcune spese specifiche di inizio attività. Tra queste spiccano i costi per acquistare strutture e terreni da destinare all’attività agricola, a cui segue l’acquisto di beni strumentali e legati a processi di innovazione.

Il Fondo andrebbe a coprire anche situazioni di ampliamento dell’unità produttiva in essere, oppure l’acquisto di aziende già operative nel settore. Con questo sostegno i giovani agricoltori possono quindi essere facilitati nell’avviare questo genere di impresa.

Come diventare giovani imprenditori agricoli?

Per diventare giovani imprenditori agricoli bisogna prima di tutto aver seguito una formazione idonea e successivamente avere un’idea imprenditoriale in questo settore. Ottenere delle agevolazioni, partecipare a bandi e iniziative ISMEA può fare la differenza al momento dell’avvio dell’attività.

A livello burocratico è necessario aprire una partita IVA, iscriversi alla Camera di Commercio e assolvere alcuni obblighi specifici in base al settore e al territorio. Ricordiamo che avere la partita IVA agricola è indispensabile per poter acquistare macchinari per l’attività. Avere un consulente come un commercialista è quindi altrettanto importante per seguire tutti gli step di apertura correttamente.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui