Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Lombardia e Veneto sono le regioni capofila per quanto riguarda i contributi a fondo perduto per la rottamazione e la sostituzione dei veicoli aziendali inquinanti. Le due regioni offrono incentivi a fondo perduto che possono arrivare fino 45.000 euro.

Contributi per la rottamazione dei veicoli aziendali in Veneto

Fino alle 12:00 del 14 giugno 2024 è possibile inviare la propria domanda di adesione al Bando veicoli aziendali 2024 della Regione Veneto. La misura viene disposta in collaborazione con Unioncamere Veneto al fine di incentivare la sostituzione di veicoli altamente inquinanti con mezzi a basso impatto ambientale. Il via libera è arrivato con la delibera della giunta regionale 337 del 4 aprile 2024.

Il bando stanzia risorse fino a quasi 7 milioni di euro (6.908.080 per la precisione) ed è pubblicato nella sezione “Bandi Avvisi e Concorsi” del portale regionale. Ciascuna impresa può presentare fino a 3 domande.

Il bando è rivolto alle micro, piccole e medie imprese aventi sede legale e operativa in Veneto. Chi accede all’iniziativa potrà rottamare vecchi veicoli aziendali accedendo ad agevolazioni per l’acquisto di nuove auto e furgoni di categoria M1 e N1. L’importo del contributo a fondo perduto varia in base alla massa del veicolo, alla classe emissiva e al livello di emissioni prodotte. Il contributo parte da un minimo di 2.000 euro e arriva a un massimo di 8.000.

La misura è garantita agli aventi diritto fino a esaurimento delle risorse, che sono così distribuite: 4 milioni di euro sono messi a disposizione dei veicoli di categoria N1 (veicoli destinati al trasporto di merci, aventi massa massima non superiore a 3,5 tonnellate) con classe ambientale Euro 6 (I, II e III) e 2.908.080 euro sono a disposizione dell’acquisto di veicoli di categoria M1 (trasporto di persone, con almeno 4 ruote e massimo 8 posti a sedere, oltre a quello del conducente) con classe ambientale Euro 6D o superiore.

Chi è escluso

Sono escluse dall’iniziativa le imprese operanti nella pesca, nell’acquacoltura e nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli facenti parte della Sezione A con codice Ateco 2007 (01, 02, 03). Escluse anche le aziende che si occupano di commercio o intermediazione di veicoli con codice Ateco 45.11.01 o 45.11.02.

Incentivi rottamazione veicoli commerciali in Lombardia

Le micro, piccole e medie imprese aventi sede legale e operativa in Lombardia possono accedere agli incentivi per la rottamazione dei veicoli commerciali inquinanti. Per accedere viene richiesta la radiazione per demolizione di veicoli con alimentazione a benzina e/o a gas fino ad Euro 2/II incluso o diesel fino ad Euro 5/V incluso. Solo per i diesel Euro 5/V c’è la possibilità di radiazione per esportazione all’estero.

Il bando viene messo in atto grazie alla collaborazione fra Regione Lombardia e la locale Unioncamere. Previsto lo stanziamento complessivo di 5.940.000 di euro per il biennio 2024/2025: 2.970.000 per il 2024 e 2.970.000 per il 2025.

Esclusa la possibilità di cumulare il contributo con altri aiuti pubblici operativi nello stesso settore. I veicoli acquistati devono essere di nuova immatricolazione in Italia.

La misura è rivolta all’acquisto di veicoli per il trasporto di cose e persone e copre l’acquisto di veicoli elettrici puri, a idrogeno, a gas naturale, biometano, Gnc/Gnl o altra alimentazione. Varie le categorie dei veicoli interessate. Il contributo minimo parte da 2.000 euro e quello massimo, al netto dell’Iva e di eventuali allestimenti opzionali, non deve superare i 45.000 euro. Per l’operatività bisogna attendere la pubblicazione del bando.

Altri incentivi auto

Le misure si sommano agli incentivi auto del governo per la rottamazione dei veicoli a suo tempo annunciati dal ministro Urso. Si tratta di aiuti che miravano a rendere il parco auto italiano maggiormente elettrificato.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui