Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Pignoramento immobiliare: in quali casi, per quali debiti e importi è possibile mettere all’asta la casa?

La prima casa è considerata un bene essenziale. Ciò nonostante la regola vuole che essa sia pignorabile. L’impignorabilità della prima casa costituisce solo un’eccezione disposta per particolari casi.

Vero è che, al di là delle previsioni di legge, il pignoramento immobiliare è il procedimento più lungo e costoso che un creditore possa affrontare. A volte, anche il più aleatorio. Ragion per cui, sebbene la legge non preveda un limite al debito sotto il quale non poter agire, ragioni di economia sconsigliano spesso di intraprendere tale via.

In questo breve articolo spiegheremo

quando è possibile il pignoramento della prima casa, passando in rassegna tutte le categorie di debiti. Spiegheremo a partire da quale cifra è pignorabile la prima casa e quale creditore può metterla all’asta. Ma procediamo con ordine.

Quando è possibile pignorare la prima casa?

In linea di massima la prima casa è pignorabile tutte le volte in cui il debito è di natura privata. In termini pratici, la banca, la finanziaria, il dipendente, il condominio, la controparte processuale, il fornitore, ecc. possono pignorare la prima casa del debitore.

Non è previsto un limite minimo di debito a partire dal quale il pignoramento immobiliare è possibile. Anche in presenza di importi bassi, pertanto, il creditore può avviare tale procedura di esecuzione forzata. C’è tuttavia da considerare che un pignoramento immobiliare ha un costo vivo molto elevato e, se a questo si aggiunge anche l’onorario dell’avvocato, non conviene intraprendere tale strada se il credito fatto valere è inferiore a cinquemila euro. Si tratta tuttavia di una valutazione di opportunità che non esclude la possibilità, per il creditore, di agire ugualmente.

C’è poi da considerare il tempo che la procedura richiede: si va dai tre ai dieci anni, a seconda del tribunale e dell’appetibilità del bene, periodo durante il quale il debitore è autorizzato a restare nell’immobile. Anche questo è un fattore demotivante per il creditore che, se non costretto dall’assenza di altri beni pignorabili, difficilmente opterà per tale strada.

Quando non è possibile pignorare la prima casa?

La prima casa non può essere pignorata solo quando il creditore è l’Agente per la riscossione esattoriale che, come noto, è un ente pubblico che agisce per il recupero dei crediti dello Stato o della Pubblica Amministrazione.

Quindi, tutte le volte in cui una persona riceve la notifica di una o più cartelle esattoriali, per tali debiti non rischia il pignoramento della prima casa. Il più delle volte si tratta di debiti fiscali ma potrebbe trattarsi anche di debiti relativi a sanzioni amministrative, contributi previdenziali e assistenziali.

A ben vedere, però, la legge non stabilisce l’impignorabilità della «prima casa». Ciò che è impignorabile è l’«unica abitazione» di proprietà del contribuente. In pratica, devono sussistere contemporaneamente tutti i seguenti presupposti:

  • l’immobile deve essere l’unico di proprietà del contribuente;
  • l’immobile non deve essere di lusso, ossia accatastato nelle categorie A/1, A/8 e A/9;
  • l’immobile deve essere luogo di residenza del contribuente;
  • l’immobile deve essere accatastato a civile abitazione.

Se manca una sola di queste condizioni, anche l’Agente per la riscossione esattoriale può pignorare la prima casa.

Quindi, tanto per fare qualche esempio, la prima casa è pignorabile se:

  • il contribuente è proprietario di un secondo immobile, anche solo per una semplice quota;
  • il contribuente, proprietario di un solo immobile, riceve una quota di un altro immobile in eredità;
  • il contribuente ha un solo immobile a uso ufficio;
  • il contribuente ha una villa;
  • il contribuente ha una sola casa ma l’ha data in affitto e, pertanto, ha la residenza altrove.

Trovi tutti i casi in “Debiti con Agenzia Entrate Riscossione e pignoramento casa“.

In tali ipotesi in cui è astrattamente pignorabile la prima casa da parte dell’Esattore, ci sono tuttavia altri limiti da rispettare. Difatti, la prima casa sarà pignorabile solo a condizione che:

  • il debito superi 120mila euro;
  • il complesso dei beni immobili di proprietà del debitore sia superiore a 120mila euro.

È poi prevista un’apposita procedura che, se non rispettata, rende illegittimo il pignoramento della casa. In particolare, l’Esattore deve:

  • notificare la cartella esattoriale ed attendere almeno 60 giorni;
  • notificare un preavviso di ipoteca ed attendere almeno 30 giorni;
  • iscrivere l’ipoteca sulla casa del contribuente ed attendere almeno 6 mesi prima di poter avviare il pignoramento vero e proprio.

Che succede se posseggo più di una casa?

Se il contribuente possiede più di un immobile, l’Agente per la Riscossione Esattoriale può pignorare qualsiasi immobile (la prima, la seconda, ecc.). Dovrà agire obbligatoriamente su quello su cui ha iscritto ipoteca. Tuttavia il pignoramento non è così scontato. Esso infatti può avvenire solo quando:

  • il debito è superiore a 120.000 euro;
  • il valore complessivo del patrimonio immobiliare del debitore è pari o superiore a 120.000 euro.

A tal fine l’esattore deve prima

iscrivere ipoteca (la quale è possibile solo se il debito è superiore a 20.000 euro) e, prima dell’ipoteca, deve dare un preavviso di 30 giorni con apposito avvertimento spedito con raccomandata a/r (anche a mezzo di un servizio di poste private).

Tra l’ipoteca e l’avvio del pignoramento non devono decorrere meno di 6 mesi.

Chi può pignorare la prima casa?

Escluso solo l’Agente per la riscossione esattoriale, il pignoramento della prima casa può essere fatto da qualsiasi altro creditore come, ad esempio, la banca, la finanziaria, la controparte processuale, il condominio, ecc.

Il creditore può agire anche per un debito di minimo importo, non sussistendo in questi casi un valore “soglia” sotto il quale è vietato mettere all’asta la casa. Tanto per fare un esempio è possibile il pignoramento della prima casa anche a fronte di un debito di mille euro.

Come si pignora la prima casa?

Fatta eccezione per la riscossione esattoriale (che può avvenire, nel rispetto della predetta procedura, anche senza l’intervento di un giudice), per

pignorare la prima casa è necessario che il creditore sia in possesso di un “titolo esecutivo” ossia una sentenza, un decreto ingiuntivo definitivo, un assegno, una cambiale o un contratto di mutuo stipulato dinanzi al notaio.

Il titolo esecutivo deve essere notificato al debitore (a meno che si tratti di assegno, cambiale o contratto di mutuo).

Il creditore deve poi notificare al debitore l’atto di precetto, ossia l’invito a pagare entro 10 giorni.

Entro e non oltre 90 giorni dalla notifica del precetto, il creditore deve notificare l’atto di pignoramento immobiliare per il tramite dell’ufficiale giudiziario, che va portato a conoscenza anche degli eventuali cointestatari del bene.

Prima del pignoramento immobiliare si procede sempre – per quanto non obbligatorio – all’iscrizione dell’ipoteca sulla prima casa. Tale adempimento non deve essere notificato né al debitore, né ad eventuali comproprietari.

L’iscrizione dell’ipoteca consente al creditore di aggredire l’immobile anche nel caso in cui venga trasferito a terzi.

Come opporsi al pignoramento della casa

Di recente, le Sezioni Unite della Cassazione – accogliendo un’interpretazione fornita dalla Corte di Giustizia UE – ha stabilito che, in presenza di un contratto contenente clausole abusive contrarie ai diritti del consumatore, l‘opposizione al pignoramento immobiliare può essere avviata in qualsiasi momento, anche a procedura già inoltrata; non importa quindi se, nel frattempo, il titolo esecutivo è divenuto definitivo perché non opposto.

Per comprendere meglio la questione poniamo il caso di un garante di un mutuo altrui che riceva un decreto ingiuntivo da parte della banca creditrice. Il debitore non presenta opposizione al decreto ingiuntivo sicché la sua casa viene messa all’asta. Dopo qualche anno, il debitore si accorge che il contratto da lui sottoscritto conteneva clausole vessatorie e abusive (ad esempio usura o interessi anatocistici). In questo caso, la legge gli consente di fare opposizione al pignoramento della casa benché il decreto ingiuntivo sia divenuto definitivo.

Leggi sul punto:

Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.
Diventa sostenitore clicca qui

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui