Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Qualora il creditore fondi il proprio titolo su una sentenza provvisoriamente esecutiva che il debitore abbia dichiarato di voler impugnare, l’istanza di apertura della liquidazione giudiziale va rigettata per mancanza della prova del credito.

Sulla base di tale ragionamento, con la pronuncia in commento, il Tribunale di Vicenza ha rigettato un ricorso per l’apertura della liquidazione giudiziale promosso da un creditore, chiarendo quali debbano essere le caratteristiche di un titolo esecutivo per attivare il procedimento ex art. 40 CIII.

In particolare, il creditore aveva proposto il ricorso fondando la propria pretesa creditoria su una sentenza provvisoriamente esecutiva della Corte d’Appello.

Naturalmente, la società debitrice contestava il credito della ricorrente, fondato su un titolo non definitivo, manifestando, altresì, la volontà di impugnare la predetta sentenza con ricorso in Cassazione.

Il Tribunale ha, in primo luogo, ricordato come l’iniziativa del creditore per l’apertura della liquidazione giudiziale debba qualificarsi come un’azione di parte, sicché la sussistenza del credito in capo all’istante, costituisce una condizione dell’azione  e quindi un presupposto imprescindibile per attivare il procedimento ex art. 40 CCII.

Ebbene, rilevato che il credito era portato da titolo non definitivo e contestato dal debitore, il Tribunale non ha potuto che rigettare l’istanza per l’apertura della liquidazione giudiziale, mancando la prova dell’esistenza del credito.

Inoltre, veniva accertata anche la mancanza del requisito dell’insolvenza in capo alla società resistente, la quale non risultava evidente dall’ultimo bilancio depositato. L’onere di dimostrare che la debitrice versi in stato di insolvenza grava, peraltro, in capo al creditore ricorrente.

Nonostante il Tribunale abbia rigettato il ricorso, ha, tuttavia, compensato integralmente le spese tra le parti, alla luce dell’incertezza della fattispecie oggetto del giudizio.

In definitiva, se il credito è fondato su un titolo, è preferibile attendere che lo stesso diventi definitivamente esecutivo prima di richiedere l’apertura della liquidazione giudiziale del debitore. Peraltro, anche in sede di eventuale successiva verifica crediti, il titolo non esecutivo verrebbe contestato dal Curatore in quanto non opponibile alla procedura.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui