Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Corte di Cassazione –sez. I pen.- sentenza n.48863 del 12-07-2023

Iscriviti alla newsletter per poter scaricare gli allegati



Grazie per esserti iscritto alla newsletter. Ora puoi scaricare il tuo contenuto.

1. La questione: i provvedimenti esecuzione immediata


Il Tribunale di sorveglianza di Campobasso rigettava una opposizione proposta avverso un’ordinanza con la quale lo stesso Tribunale aveva dichiarato non estinta la pena per l’esito negativo dell’affidamento in prova, disponendo per l’effetto che l’opponente fosse sottoposto a trenta giorni di detenzione domiciliare.
In particolare, Il Tribunale riteneva non fondata la doglianza in rito prospettata con l’opposizione e, segnatamente, quella riguardante l’avvenuta violazione del contraddittorio da parte del Tribunale che, prima della decisione assunta, non aveva fissato l’udienza.
Più nel dettaglio, si affermava la correttezza della procedura utilizzata per la declaratoria di esito negativo della prova, rispettosa del dettato di cui all’art. 678, comma 1-bis cod. proc. pen. che richiama l’art. 667, comma 4, cod. proc. pen., a norma del quale «il giudice provvede in ogni caso senza formalità con ordinanza comunicata al Pubblico ministero e notificata all’interessato».
Ciò posto, avverso questa decisione proponeva ricorso per Cassazione la difesa del condannato che, tra i motivi ivi addotti, deduceva come la misura della detenzione domiciliare, disposta in conseguenza all’esito non positiva della prova, fosse stata erroneamente eseguita nelle more della celebrazione del giudizio di opposizione.

Potrebbero interessarti anche:

2. La soluzione adottata dalla Cassazione


La Suprema Corte riteneva la doglianza summenzionata inammissibile.
Difatti, gli Ermellini, a sostegno di tale esito decisorio, osservavano innanzitutto che, se, nel procedimento di sorveglianza, cui si applicano le regole dettate per il procedimento di esecuzione, vige il principio di ordine generale secondo il quale la relativa decisione è immediatamente esecutiva, non rilevando l’eventuale ricorso per cassazione proposto avverso il provvedimento decisorio, a tale regola fa, tuttavia, eccezione il caso in cui il magistrato o il tribunale di sorveglianza si siano pronunciati de plano, secondo la disciplina dettata dall’art. 667, comma 4, cod. proc. pen., posto che in tali ipotesi, tra cui rientra quella della decisione sull’esito dell’affidamento in prova, l’esecutività del provvedimento è sospesa in pendenza dell’opposizione, secondo quanto stabilito dall’ultimo periodo del comma 1-ter dell’art. 678 cod. proc. pen. dato che è stato chiarito, in sede interpretativa, che, in materia di provvedimenti del giudice dell’esecuzione, non è configurabile un principio generale di immediata esecutività, dovendo distinguersi tra ordinanze adottate all’esito dell’instaurazione del contraddittorio tra le parti, immediatamente esecutive – in virtù della previsione contenuta nell’art. 666, comma settimo cod. proc. pen., che deroga al principio generale di cui all’art. 588, comma primo cod. proc. pen. – ed ordinanze adottate de plano che, salvo i casi di immediata esecutività espressamente previsti dalla legge o comunque specificamente desumibili dal sistema normativo, diventano esecutive, in caso di mancata opposizione, allo scadere del termine previsto dall’art. 667, comma quarto, cod. proc. pen. (Sez. 1, n. 36754 del 18/06/2015, omissis, Rv. 264704. In motivazione, la Corte ha evidenziato che il diverso regime di esecutività delle ordinanze emesse de plano rispetto a quelle pronunciate all’esito di contraddittorio, oltre che coerente con il dettato normativo, trova giustificazione nella mancata previsione dell’esercizio del diritto di difesa da parte del destinatario del provvedimento)”.
Di conseguenza, alla stregua di tale approdo ermeneutico, come accennato prima, il Supremo Consesso dichiarava il ricorso proposto (dato che anche l’altro motivo addotto seguiva la medesima sorte processuale) inammissibile e il ricorrente era condannato al pagamento delle spese processuali e della somma di euro tremila in favore della Cassa delle ammende.

3. Conclusioni


La decisione in esame desta un certo interesse essendo ivi chiarito che, in materia di esecuzione penale, quali provvedimenti sono immediatamente esecutivi e quali no.
Si afferma difatti in tale pronuncia, sulla scorta di un pregresso orientamento nomofilattico, che, in materia di provvedimenti del giudice dell’esecuzione, non è configurabile un principio generale di immediata esecutività, dovendo distinguersi tra ordinanze adottate all’esito dell’instaurazione del contraddittorio tra le parti, immediatamente esecutive – in virtù della previsione contenuta nell’art. 666, comma settimo cod. proc. pen., che deroga al principio generale di cui all’art. 588, comma primo cod. proc. pen. – ed ordinanze adottate de plano che, salvo i casi di immediata esecutività espressamente previsti dalla legge o comunque specificamente desumibili dal sistema normativo, diventano esecutive, in caso di mancata opposizione, allo scadere del termine previsto dall’art. 667, comma quarto, cod. proc. pen..
Codesto provvedimento, quindi, ben può essere preso nella dovuta considerazione ogni volta si debba stabilire se un provvedimento emesso in sede di esecuzione penale possa reputarsi immediatamente esecutivo (o meno).
Ad ogni modo, il giudizio in ordine a quanto statuito in codesta sentenza, proprio perché contribuisce a fare chiarezza su siffatta tematica procedurale sotto il versante giurisprudenziale, non può che essere che positivo.

Volume consigliato

Procedimento ed esecuzione penale dopo la Riforma Cartabia

Aggiornato al D.Lgs. 10 ottobre 2022, n. 150 (Riforma Cartabia) e alla L. 30 dicembre 2022, n. 199, di conv. con mod. del D.L. 31 ottobre 2022, n. 162 (Decreto Nordio), il presente volume è un’analisi operativa degli istituti del nostro sistema sanzionatorio penale, condotta seguendo l’iter delle diverse fasi processuali.
Anche attraverso numerosi schemi e tabelle e puntuali rassegne giurisprudenziali poste in coda a ciascun capitolo, gli istituti e i relativi modi di operare trovano nel volume un’organica sistemazione al fine di assicurare al professionista un sussidio di immediata utilità per approntare la migliore strategia processuale possibile nel caso di specie.
Numerosi sono stati gli interventi normativi degli ultimi anni orientati nel senso della differenziazione della pena detentiva: le successive modifiche del codice penale, del codice di procedura penale e dell’ordinamento penitenziario, la depenalizzazione di alcuni reati; l’introduzione dell’istituto della non punibilità per particolare tenuità del fatto; la previsione della sospensione del processo con messa alla prova operata; le stratificate modifiche dell’ordinamento penitenziario.
Con attenzione alla novità, normativa e giurisprudenziale, e semplicità espositiva, i principali argomenti trattati sono: la prescrizione; l’improcedibilità; la messa alla prova; la sospensione del procedimento per speciale tenuità del fatto; l’estinzione del reato per condotte riparatorie; il patteggiamento e il giudizio abbreviato; la commisurazione della pena (discrezionalità, circostanze del reato, circostanze attenuanti generiche, recidiva, reato continuato); le pene detentive brevi (sanzioni sostitutive e doppi benefici di legge); le misure alternative, i reati ostativi e le preclusioni; le misure di sicurezza e le misure di prevenzione.
Cristina MarzagalliMagistrato attualmente in servizio presso la Corte di Giustizia dell’Unione Europea come Esperto Nazionale Distaccato. Ha maturato una competenza specifica nell’ambito del diritto penale e dell’esecuzione penale rivestendo i ruoli di GIP, giudice del dibattimento, magistrato di sorveglianza, componente della Corte d’Assise e del Tribunale del Riesame reale. E’ stata formatore della Scuola Superiore della Magistratura per il distretto di Milano.

Cristina Marzagalli | Maggioli Editore 2023

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui