Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


La riforma del fondo di garanzia per le imprese ha introdotto una novità operante a partire dal 1° gennaio 2024. Si tratta della possibilità di richiedere da parte degli ETS e dagli enti religiosi riconosciuti, a supporto dei finanziamenti bancari, la garanzia fino all’80% dell’importo richiesto e entro il limite massimo di 60.000 euro.

È quanto ha chiarito il Mediocredito centrale (soggetto gestore del fondo di garanzia) con la circolare n. 21 del 23 dicembre, esplicativa dell’art. 15-bis del decreto Anticipi (D.L. n. 145/2023 convertito nella legge n. 191/2023), recante “Misure urgenti in materia economica e fiscale, in favore degli enti territoriali, a tutela del lavoro e per esigenze indifferibili”, secondo cui la misura agevolativa potrà essere riconosciuta entro il limite complessivo del 5% della dotazione finanziaria annua a disposizione del Fondo.

Sono questi i tratti principali della riforma della disciplina del fondo di garanzia PMI dettata dal decreto Anticipi che muove da una duplice finalità: delineare, passate le fasi più acute della crisi Covid-19 e Ucraina, un percorso di ritorno verso la disciplina operativa del fondo “pre-Covid” attuato tuttavia con la necessaria gradualità e inserire nuovi soggetti beneficiari (come gli ETS e le Small Mid cap), semplificando inoltre l’articolazione delle coperture del Fondo ante-emergenza causata dalla pandemia.

Le commissioni una tantum, eliminate per i soggetti di dimensione micro, per gli enti di dimensioni maggiori sono pari allo 0,5% dell’importo richiesto.

Quali sono i requisiti di ammissione degli ETS al fondo di garanzia PMI

Una delle novità introdotte dal decreto Anticipi è contenuta nell’art. 15-bis con riferimento ad alcune disposizioni riguardanti il funzionamento del fondo. In particolare, il provvedimento dispone l’ammissibilità alla garanzia dell’organismo gestito da MCC degli ETS, purché iscritti al Registro unico nazionale del Terzo settore (Runts) e al Repertorio economico amministrativo (Rea) presso il Registro delle imprese, in relazione a operazioni di importo non superiore a 60 mila euro e senza valutazione del merito di credito (e quindi senza l’applicazione del modello di valutazione del fondo).

Al riguardo la circolare n. 21/2023 di MCC specifica che gli ETS non iscritti al Rea potranno accedere alla garanzia del fondo qualora la garanzia sia rilasciata interamente a valere su una apposita sezione speciale finanziata con risorse appositamente stanziate da altre Amministrazioni (come, ad esempio, il Ministero del lavoro e delle politiche sociali) ed eventualmente integrate anche con conferimenti privati.

Viene inoltre specificato che le garanzie rilasciate in favore di questi nuovi soggetti beneficiari non potranno essere superiori al 5% della dotazione finanziaria annua del fondo e che la disposizione normativa viene applicata a tutte le richieste di ammissione alla garanzia del fondo presentate dal 1° gennaio 2024.

Per quanto riguarda la misura dell’intervento del fondo, inoltre, nello specifico:

– l’importo massimo di garanzia concedibile per 60 mila euro è da considerarsi per singola operazione finanziaria (senza valutazione del merito di credito);

– la percentuale di copertura prevista è pari all’80%.

Nel caso imprese di micro dimensione, entro la quale dovrebbero rientrare un notevole numero di ETS, è prevista la gratuità dell’intervento del fondo, disposizione normativa che anch’essa viene applicata a tutte le richieste di ammissione alla garanzia del fondo deliberate dal 1° gennaio 2024.

Quali sono i casi di esclusione

Secondo tali disposizioni, la garanzia può essere concessa esclusivamente a condizione che i soggetti beneficiari:

a) non rientrino nella definizione di “impresa in difficoltà” ai sensi di quanto previsto dall’art. 2, punto 18), del regolamento di esenzione;

b) non presentino, alla data della richiesta di garanzia, sulla posizione globale di rischio, esposizioni classificate come “sofferenze”;

c) non presentino, alla data della richiesta di garanzia, esposizioni nei confronti del soggetto finanziatore classificate come inadempienze probabili o scadute e/o sconfinanti deteriorate;

d) non siano in stato di scioglimento o di liquidazione, ovvero sottoposti a procedure concorsuali per insolvenza o ad accordi stragiudiziali o piani asseverati ai sensi dell’art. 67, della legge fallimentare di cui al regio decreto 16 marzo 1942, n. 267 o ad accordi di ristrutturazione dei debiti ai sensi dell’art. 182-bis della medesima legge.

Restano invece in attesa di chiarimenti da parte di MCC l’applicazione agli ETS, alla luce del decreto del Ministero dello sviluppo economico del 6 marzo 2017, delle seguenti eventuali altre cause di esclusione:

a) operazioni finanziarie finalizzate all’estinzione di finanziamenti, di qualsiasi durata, già erogati al soggetto beneficiario dallo stesso soggetto finanziatore o da altri soggetti finanziatori facenti parte dello stesso gruppo bancario;

b) finanziamenti a breve termine concessi a soggetti beneficiari rientranti nella prima classe di merito di credito del modello di valutazione;

c) operazioni finanziarie non aventi durata o scadenza stabilita e certa.

Qual è la commissione per mancato perfezionamento

In merito alle dibattute problematiche connesse all’applicazione della commissione da riconoscere al fondo in sede di richiesta di garanza diretta, la nuova normativa da un lato mantiene la commissione di euro 300 da applicare a ciascuna operazione finanziaria garantita dal fondo ma non perfezionata, dall’altro, ne subordina l’applicazione nei soli confronti dei soggetti richiedenti la garanzia diretta che, nel corso dell’anno di riferimento, abbiano fatto registrate un’incidenza delle operazioni non perfezionate rispetto a quelle garantite superiore a una soglia del 5%.

La commissione non è dovuta per le operazioni non perfezionate a seguito della rinuncia al finanziamento da parte dei beneficiari.

Copyright © – Riproduzione riservata

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui