Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


L’incentivo fiscale “de minimis” per Startup e PMI innovative è un’agevolazione per le persone fisiche che investono nel capitale di rischio di startup e PMI innovative. Consiste in una detrazione IRPEF del 50% per gli investimenti effettuati, che devono essere mantenuti per almeno tre anni.

L’investimento può essere fatto direttamente o tramite organismi di investimento collettivo del risparmio (OICR) che investono prevalentemente in startup o PMI innovative. Il limite massimo per gli investimenti in startup innovative è di 100 mila euro per ciascun periodo di imposta, mentre per le PMI innovative è di 300 mila euro.

In base al Regolamento “de minimis”, le startup o PMI destinatarie dell’investimento non possono ricevere aiuti per più di 200 mila euro nell’arco di tre esercizi finanziari.

SBEP

Sostegno all’Economia Blu (SBEP) è un’iniziativa transnazionale che mira a raggiungere la neutralità climatica e un’economia sostenibile basata sull’utilizzo sostenibile delle risorse marine. E’ una partnership europea cofinanziata dal programma Horizon Europe che si propone di sostenere progetti di ricerca e innovazione finalizzati a guidare e supportare la transizione verso un’economia blu resiliente e sostenibile.

SBEP si rivolge alle imprese industriali e di trasporto, alle imprese agroindustriali che svolgono prevalentemente attività industriali e ai centri di ricerca. Tali soggetti possono presentare progetti congiuntamente tra loro o con organismi di ricerca, utilizzando strumenti quali contratti di rete, consorzi o accordi di partenariato.

L’obiettivo generale della partnership è quello di progettare, guidare e sostenere una transizione equa e inclusiva verso un’economia blu rigenerativa, resiliente e sostenibile, approfondire la conoscenza delle scienze dei mari e degli oceani e fornire soluzioni di ricerca e innovazione orientate all’impatto, al fine di favorire la trasformazione necessaria per un’Unione Europea neutrale dal punto di vista climatico, sostenibile, produttiva e competitiva entro il 2030.

Green New Deal

Il Green New Deal è un incentivo che supporta progetti di ricerca, sviluppo e innovazione in ambito di transizione ecologica e circolare. È rivolto alle imprese ammesse ai finanziamenti agevolati del Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e gli investimenti in ricerca (FRI) e prevede la concessione di contributi per attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale, con particolare focus su obiettivi come la decarbonizzazione dell’economia, l’economia circolare, la riduzione dell’uso della plastica e la rigenerazione urbana.

Possono partecipare imprese di qualsiasi dimensione che operano in ambito industriale, agroindustriale, artigianale e di servizi all’industria, che presentano progetti singolarmente o in forma congiunta.

L’accesso ai finanziamenti a fondo perduto per le startup può rappresentare un’importante opportunità per le giovani imprese, ma la procedura per ottenere le agevolazioni può essere complessa e richiedere una conoscenza specifica degli strumenti e delle norme.

Per questo motivo, è importante rivolgersi a consulenti esperti in finanziamenti per le start up, in grado di supportare le imprese nella presentazione delle domande e nella gestione delle agevolazioni. In questo contesto,

Incentivimpresa.it si propone come partner qualificato per le start up, offrendo servizi di consulenza specializzati per l’accesso ai fondi europei e nazionali.

Fondo perduto start up 2024: altre info

Se vuoi leggere ulteriori notizie sui migliori bandi di finanziamento a fondo perduto start up, dai un’occhiata anche al nostro approfondimento sull’argomento.

FAQ Finanziamenti a Fondo Perduto per le Start Up

Cosa sono i finanziamenti a fondo perduto per le startup?

I finanziamenti a fondo perduto sono dei contributi che vengono concessi alle start up senza che queste ultime debbano necessariamente restituire il denaro ricevuto.

Quali sono le fonti di finanziamento a fondo perduto per le startup?

In Italia esistono varie fonti di finanziamento a fondo perduto per le startup, tra cui il Fondo per il sostegno all’innovazione tecnologica (FIT), il Fondo Nazionale Innovazione, il Programma Operativo Nazionale (PON) Imprese e Competitività, e il bando Voucher per l’innovazione.

Quali sono i requisiti per accedere ai finanziamenti a fondo perduto per le startup?

I requisiti per accedere ai finanziamenti a fondo perduto start up 2024 variano a seconda del tipo di finanziamento e della fonte di finanziamento. In generale, le startup devono dimostrare di avere un’idea innovativa e di avere un piano di business solido e realizzabile.

Quali sono i vantaggi dei finanziamenti a fondo perduto per le startup?

I finanziamenti a fondo perduto start up 2024 possono rappresentare un’importante opportunità per le start up che si trovano ancora in una fase iniziale di sviluppo, poiché permettono di avere un sostegno economico senza dover restituire il denaro ricevuto. Inoltre, l’ottenimento di un finanziamento a fondo perduto può rappresentare un importante riconoscimento della validità dell’idea e del progetto imprenditoriale.

Come posso fare domanda per ottenere un finanziamento a fondo perduto per la mia startup?

Per fare domanda e ottenere un finanziamento a fondo perduto startup, è necessario verificare i requisiti richiesti dalla fonte di finanziamento a cui si intende accedere e compilare la relativa domanda seguendo le indicazioni fornite. In alcuni casi, può essere richiesta la presentazione di un business plan dettagliato e di un piano finanziario.

Cosa succede se la mia startup non è selezionata per il finanziamento a fondo perduto?

In caso la tua start up non sia selezionata per il finanziamento a fondo perduto, non bisogna scoraggiarsi. Esistono molte altre fonti di finanziamento, come i prestiti a tasso agevolato, i finanziamenti a medio-lungo termine e le agevolazioni fiscali, che possono essere utili per supportare la crescita della tua impresa.

Come utilizzare i finanziamenti a fondo perduto per la mia startup?

I finanziamenti a fondo perduto start up possono essere utilizzati per sostenere diversi aspetti della tua attività, come ad esempio per lo sviluppo di nuovi prodotti, l’acquisizione di attrezzature e tecnologie, la ricerca e lo sviluppo, la formazione del personale, la comunicazione e il marketing.

Ci sono dei rischi nell’accettare un finanziamento a fondo perduto per la mia startup?

Anche se i finanziamenti a fondo perduto start up non richiedono la restituzione del denaro ricevuto, possono esserci dei vincoli legati all’utilizzo dei fondi e ai risultati che si devono raggiungere. Inoltre, la concorrenza per ottenere un finanziamento a fondo perduto può essere molto elevata e il processo di selezione può richiedere tempo e risorse.

Come posso valutare se un finanziamento a fondo perduto è adatto per la mia startup?

La valutazione dell’adeguatezza di un finanziamento a fondo perduto per la tua startup dipende dalle esigenze specifiche della tua attività e dallo stadio di sviluppo in cui si trova. È importante valutare attentamente i requisiti richiesti, le condizioni del finanziamento e le eventuali restrizioni prima di fare domanda.

Quali sono i tempi di erogazione dei finanziamenti a fondo perduto per le startup?

I tempi di erogazione dei finanziamenti a fondo perduto start up possono variare a seconda della fonte di finanziamento e della quantità di domande presentate. In generale, i tempi di erogazione possono essere abbastanza lunghi, ma è possibile monitorare lo stato della propria domanda attraverso i canali messi a disposizione dalla fonte di finanziamento.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui