Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Per quale somma scatta il pignoramento? Qual è il minimo vitale pignorabile?

Il pignoramento scatta non prima di 10 giorni dal ricevimento, da parte del debitore, dell’atto di precetto e non oltre 90 giorni dallo stesso (è sempre consentito però il rinnovo della notifica). Spesso ci si chiede se il creditore possa agire anche per cifre irrisorie. Quanto deve essere il debito per il pignoramento? Per comprendere la risposta dobbiamo fare un passo indietro e spiegare come avviene il pignoramento.

Quanti tipi di pignoramenti ci sono?

Come noto, il pignoramento viene diviso in tre grandi macrocategorie a seconda della tipologia del bene pignorato:

  • pignoramento mobiliare: ossia dei beni mobili che si trovano presso la dimora, la residenza, l’ufficio o il domicilio del debitore (arredi, oggetti di valore, contanti in cassaforte, ecc.);
  • pignoramento immobiliare: ossia di terreni, abitazioni (anche se in comunione), garage, uffici, magazzini, ecc.;
  • pignoramento presso terzi: ossia di crediti che il debitore ha nei confronti di altri soggetti. Esso ricomprende lo stipendio, la pensione, il conto corrente bancario o postale, i canoni di locazione percepiti da affittuari, i titoli di credito, ecc.

Per quale somma scatta il pignoramento

Ciascuna delle tre procedure appena elencate ha regole, tempi e costi differenti. Tuttavia, non esiste un debito minimo al di sotto del quale non si possa fare il pignoramento. Dunque, il creditore può avviare l’esecuzione forzata anche per crediti di valore modesto.

Ad esempio, un soggetto che vanti mille euro da un altro potrebbe comunque pignorargli la casa, il conto corrente, lo stipendio oppure chiedere all’ufficiale giudiziario di recarsi a casa del debitore per verificare se vi siano beni mobili da pignorare.

Quanto appena detto, però, trova un’eccezione nel caso di debiti per cartelle esattoriali. In tali ipotesi la legge prevede che:

  • per l’ipoteca sugli immobili, il credito debba essere superiore a 20mila euro;
  • per il pignoramento immobiliare, il credito debba essere superiore a 120mila euro e il valore del patrimonio complessivo del debitore debba superare 120mila euro. Resta fermo il divieto di pignoramento dell’unica abitazione di residenza del debitore (cosiddetto “divieto di pignoramento della prima casa”).

Al creditore conviene fare un pignoramento per una somma bassa?

Il punto, tuttavia, non è tanto l’entità del debito a partire dal quale la legge ammette il pignoramento ma la convenienza per il creditore, sotto il profilo economico, di dare impulso a tale procedura. Essa infatti presenta dei costi che, seppur assai varabili a seconda della modalità prescelta (risultando massimamente onerosa nel caso di pignoramento immobiliare e più economica per il pignoramento mobiliare o immobiliare), devono comunque essere anticipati dal creditore. Creditore, peraltro, che soffre anche l’incertezza del realizzo. Difatti, a meno che non si abbia a che fare con un debitore titolare di un rapporto di lavoro subordinato, una pensione o un conto in attivo, in tutti gli altri casi c’è sempre un rischio derivante dalla

difficoltà di vendere all’asta i beni pignorati.

Si pensi peraltro che un pignoramento immobiliare richiede non meno di 5mila euro di spese vive, oltre all’onorario dell’avvocato. Tale onere aumenta all’aumentare del valore del bene pignorato e del debito. Pertanto, nessuno dotato di buon senso (eccetto se non sia animato da un intento persecutorio nei confronti del debitore) avvierebbe mai un pignoramento immobiliare per un credito di cinquecento euro.

Detto ciò, succede quindi non di frequente che il creditore, fatta una prima indagine sulle disponibilità economiche del debitore (attraverso la consultazione dell’Anagrafe Tributaria), dinanzi a un credito di poche centinaia di euro abbandoni ogni tentativo di recupero, sperando piuttosto in una soluzione bonaria della vertenza.

È chiaro poi che se il debitore non dovesse avere nulla intestato, risultando nullatenente, anche un credito di enormi dimensioni non sarà mai soddisfatto.

Qual è il minimo vitale non pignorabile?

Solo nel caso della pensione

, il pignoramento (sia che avvenga presso l’Ente di Previdenza, sia presso la banca ove detta pensione viene accreditata) non può mai aggredire il cosiddetto “minimo vitale”. Si tratta di un importo impignorabile al fine di garantire al pensionato la sopravvivenza.

Il minimo vitale si calcola moltiplicando per due la misura dell’assegno sociale dell’Inps (che ogni anno viene aggiornata). Al di sotto di tale importo, il pignoramento della pensione è impossibile. Oltre invece il minimo vitale, questo è possibile (solo per la differenza) nella misura di un quinto.

Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.
Diventa sostenitore clicca qui

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui