Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


La procura conferita per l’opposizione agli atti esecutivi vale anche per il successivo giudizio di merito? Quella sul precetto vale per l’opposizione?

L’avvocato può assistere il proprio cliente solo se questi gli conferisce una formale procura, cioè un mandato con cui lo delega al compimento di determinate attività per suo conto e in suo nome. Non occorre, però, che per ogni atto il legale riceva un’apposita procura: la maggior parte delle volte è sufficiente una sola firma iniziale per conferire un’ampia autorizzazione a procedere. Con il presente articolo parleremo della validità della procura sul precetto e sull’opposizione all’esecuzione. Approfondiamo la questione.

Procura sul precetto: vale anche per l’opposizione?

La procura apposta dal creditore sull’atto di precetto, con cui conferisce all’avvocato il potere di compiere tutte le attività necessarie per far conseguire, al proprio cliente, la soddisfazione del credito, dà potere allo stesso difensore a compiere, oltre agli atti del processo esecutivo in senso stretto, anche quelli relativi agli eventuali giudizi di opposizione del procedimento stesso, non solo per il primo grado, ma anche per l’appello.

Ciò in deroga alla norma del codice di procedura civile [1] secondo cui la procura speciale si presume conferita per un determinato grado del processo se non è espressa una volontà diversa. È quanto ricordato dalla Cassazione [2].

Da questo principio discende un corollario altrettanto importante: qualora la procura sia stata

conferita espressamente per il giudizio di opposizione, sia la procura che l’elezione di domicilio conservano validità per tutto il corso del giudizio, dalla fase dinanzi al giudice dell’esecuzione sino alla successiva fase del giudizio di merito e, qualora si tratti di “opposizione all’esecuzione” o “di terzo”, anche per il grado di appello.

Il collegamento tra l’opposizione e il giudizio di merito

La riforma dell’ormai lontano 2006 [3] ha rimodulato il giudizio di opposizione agli atti esecutivi introdotto dopo l’inizio dell’esecuzione, configurandone una struttura con due fasi:

  • si prevede infatti una prima fase davanti al giudice dell’esecuzione, che si svolge con rito camerale e si conclude con l’ordinanza che sospende la procedura oppure dà i provvedimenti indilazionabili, comunque non idonea al giudicato;
  • scatta poi una successiva fase di merito dinanzi al giudice competente che non è condotta dal giudice dell’esecuzione in quanto tale, poiché si svolge con il rito ordinario di cognizione; si tratta di una fase esterna al processo esecutivo, che si conclude con sentenza idonea al giudicato.

La prima fase, quella davanti al giudice dell’esecuzione

[4], è necessaria tanto che il ricorso va proposto dinanzi al giudice dell’esecuzione, ma delimita e condiziona anche il giudizio di merito. In ogni caso è il giudice dell’esecuzione che fissa un termine perentorio per l’introduzione del giudizio di merito, così attuando il collegamento tra le due fasi.

Alla luce di ciò, il processo di opposizione agli atti esecutivi, pur essendo diviso in due fasi, conserva comunque un carattere unitario, il che rende sufficiente (e necessaria) una sola procura.

La procura per il giudizio di cognizione vale anche per l’esecuzione forzata?

Secondo il pacifico orientamento della Suprema Corte [5], la procura alle liti rilasciata per il giudizio di cognizione vale anche per l’esecuzione forzata.

Per i giudici, la procura rilasciata al difensore per il giudizio di cognizione deve essere intesa come volta non solo al conseguimento del provvedimento giurisdizionale favorevole, ma anche all’attuazione concreta del comando giudiziale attraverso l’esecuzione forzata laddove manchi la spontanea ottemperanza della controparte.

In buona sostanza, l’avvocato che vuole mettere in esecuzione una sentenza favorevole al proprio cliente può tranquillamente notificare il precetto anche senza aver ricevuto un mandato ad hoc.

Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.
Diventa sostenitore clicca qui

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui