Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Tra i bonus di cui si parla di più nel 2024, c’è sicuramente il reddito energetico, un incentivo destinato alle famiglie a basso reddito per l’installazione di pannelli fotovoltaici, allo scopo di produrre energia in regime di autoconsumo. Promosso dal ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica, è mirato contrastare la povertà energetica ed è regolato dal decreto ministeriale pubblicato in Gazzetta Ufficiale nel 2023.




Il Fondo Nazionale reddito energetico ha una dotazione di 200 milioni di euro per il 2024 e il 2025, con una distribuzione geografica che varia a seconda delle Regioni. L’argomento, in realtà, non è nuovo: già in passato, infatti, alcune regioni o località italiane hanno scelto di adottare misure analoghe ed è molto significativo il caso di studio di Porto Torres, in Sardegna: approfondiamo insieme perché.









Porto Torres pioniera del reddito energetico

Il primo progetto di fondo rotativo fotovoltaico in Italia è stato approvato nel luglio del 2017 dal Consiglio Comunale di Porto Torres (provincia di Sassari): è stato ribattezzato “reddito energetico” ed attivato grazie a un investimento di mezzo milione di euro in due anni e alla convenzione con GSE (Gestore dei servizi energetici). Negli anni, il Comune sardo ha continuato a investire, per l’acquisto in comodato di impianti fotovoltaici domestici da installare sui tetti delle abitazioni.

Grazie a questi impianti, le famiglie hanno avuto disposizione energia pulita e quella non consumata è stata rivenduta alla rete elettrica, andando ad alimentare un fondo comunale. La risposta da parte della cittadinanza è stata molto positiva: nella prima edizione, il progetto ha dotato di un impianto fotovoltaico quarantanove famiglie a titolo gratuito, per un totale di 100 kilowatt. Sono oltre 130 i megawattora complessivi prodotti nel primo anno di attività con una riduzione delle emissioni di 65 milioni di tonnellate di CO2.




Nel 2017, gli uffici hanno ricevuto oltre 120 domande e si è deciso dunque di proseguire con la misura di sostegno anche negli anni successivi. Partendo da quelle prime, significative esperienze, la misura di sostegno ha ampliato la sua portata, allargandosi. Oggi, parliamo di un reddito energetico gestito da un Fondo Nazionale.




Quali sono i vantaggi?

Recenti dati dell’Istati hanno rivelato che l’8,9% delle famiglie italiane si trova in condizione di povertà energetica. Questo dato assume un significato molto rilevante, considerati i benefici degli impianti fotovoltaici, che permettono di risparmiare fino a un massimo del 75% in bolletta.

Le famiglie che hanno difficoltà economiche possono fare affidamento sull’energia prodotta in condizioni di autoconsumo. La misura sostiene le fasce più indigenti, fornendo un aiuto concreto a chi ha difficoltà a sostenere i costi in bolletta e, inoltre, promuove l’utilizzo di energia rinnovabile, nell’ottica della transizione energetica. Per saperne di più sul reddito energetico e sulle modalità di accesso, vi consigliamo di consultare la dettagliata guida online redatta da Plenitude. Plenitude accompagna passo dopo passo gli utenti interessati a questa misura di sostegno, dal supporto per la verifica dei requisiti per ottenere l’incentivo, fino alla progettazione, installazione e al collaudo dei pannelli.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui