Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Tipologie e metodologie degli accertamenti svolti dagli Uffici sulle dichiarazioni dei redditi e su tutte le imposte: cosa succede e chi rischia più degli altri.

L’Agenzia delle Entrate è il “guardiano” che vigila sul corretto adempimento degli obblighi fiscali. Il suo ruolo è stato notevolmente potenziato negli ultimi anni, non solo con l’arruolamento di molti funzionari specializzati, ma anche grazie alle numerose banche dati di cui dispone per svolgere gli accertamenti. Ma in concreto come funzionano i controlli dell’Agenzia delle Entrate? In questa guida rapida ti forniamo le informazioni essenziali per capire il meccanismo e metterti al sicuro da ogni rischio di accertamento fiscale.

Per prima cosa devi sapere che tutti i contribuenti finiscono nel mirino dei computer e poi alcuni di essi – ma non tutti – vanno sotto la lente dei funzionari. Molti controlli vengono svolti in maniera completamente automatizzata: la rilevazione delle violazioni e degli errori avviene mediante un’elaborazione software senza alcun intervento umano, e solo l’atto di accertamento finale, con l’irrogazione delle sanzioni, viene supervisionato ed emesso da un funzionario in carne e ossa.

Lo stesso dicasi per le lettere di compliance, i cosiddetti avvisi bonari, con cui l’Agenzia avvisa i contribuenti degli errori compiuti e delle omissioni trovate durante l’esame delle dichiarazioni dei redditi presentate, in modo da consentirgli di regolarizzare spontaneamente la violazione evitando le pesanti sanzioni. Da ciò avrai già intuito che non necessariamente ad ogni controllo segue un accertamento e una sanzione: molte irregolarità, e soprattutto quelle che si compiono per errori o dimenticanze nella compilazione delle dichiarazioni dei redditi, possono essere sanate proprio grazie alle comunicazioni che pervengono dall’Agenzia delle Entrate.

Controlli sul 730

Con la dichiarazione precompilata, la maggior parte dei dati necessari per fare il modello 730 è già stata acquisita in precedenza dall’Agenzia delle Entrate, per cui le informazioni sono già state validate in partenza. Risultano tutte visibili nella schermata online, e il contribuente non deve fare altro che confermarle e procedere all’invio. In questo caso ha la garanzia di non subire controlli sulla dichiarazione presentata.

Se invece il contribuente apporta modifiche, integrazioni e correzioni ai dati risultanti nella precompilata, è responsabile di ciò che comunica, ad esempio, scrivendo che ha sostenuto spese mediche detraibili per 10mila euro anziché per i 3mila risultanti dal sistema TS (Tessera sanitaria): dovrà, quindi, conservare la documentazione necessaria a comprovare il diritto a fruire delle detrazioni, ed esibirla all’Agenzia delle Entrate in caso di controlli.

In sostanza: chi accetta il 730 precompilato così com’è, senza apportare modifiche, non avrà controlli dall’Agenzia delle Entrate, mentre se fa correzioni o integrazioni potrà essere controllato sulle voci che ha cambiato (non sulle altre che erano già riportate nel modulo precompilato). Trovi maggiori dettagli in: “Come modificare la dichiarazione precompilata“.

Controlli sulle dichiarazioni presentate

I controlli sulle dichiarazioni presentate e acquisite al sistema informatico dell’Agenzia delle Entrate sono essenzialmente di due tipi: automatici e formali. La fondamentale differenza tra controlli automatici e formali sta nel fatto che i primi si basano sui dati della dichiarazione esaminata, e si risolvono quindi in un semplice controllo di congruenza interna, mentre i secondi considerano anche le informazioni attinte da fonti esterne e comunque già in possesso dell’Agenzia delle Entrate nell’ambito dell’Anagrafe tributaria, come l’archivio dei rapporti bancari, i dati delle compravendite immobiliari e i pubblici registri informatizzati; quindi hanno un ambito molto più esteso e possono comportare sanzioni più pesanti se emergono violazioni.

I controlli automatici vengono svolti, in via generalizzata, su tutte le dichiarazioni: sono, quindi, controlli a tappeto, indiscriminati, e svolti mediante elaborazioni informatiche, con incrocio dei dati presenti nel sistema informativo dell’Anagrafe Tributaria. Per questo motivo vengono chiamati anche controlli automatizzati. La normativa di riferimento per questo tipo di controlli è l’articolo 36-bis del Dpr n. 600/1973 per le imposte sui redditi e l’art. 54-bis del Dpr n. 633/1972 per l’Iva.

Anche l’oggetto di questi controlli è generalizzato: riguardano tutti gli aspetti della dichiarazione, prendendo in esame i redditi, le deduzioni e detrazioni, la liquidazione dell’imposta, nonché gli eventuali crediti, rimborsi e sgravi. Anche la tardività, o la mancata esecuzione, dei versamenti (si pensi all’acconto e al saldo Irpef) non può sfuggire a questo tipo di controlli.

Se un contribuente ha dato in affitto un immobile con contratto registrato, ma non dichiara i redditi percepiti con i canoni di locazione versati dall’inquilino, l’Agenzia se ne accorgerà facilmente e formulerà un rilievo. Allo stesso modo, se un contribuente ha portato in detrazione spese eccessive rispetto a quelle rilevate, emergerà l’incongruenza e la dichiarazione verrà rettificata. Infine, se un contribuente è a debito Irpef – magari perché ha avuto due o più rapporti di lavoro diversi, con sostituti d’imposta che gli hanno operato in busta paga trattenute inferiori a quelle complessivamente dovute – e non paga il saldo Irpef entro i termini, sarà sanzionato dall’Agenzia per omesso versamento dell’imposta risultante dalle due CU (Certificazioni Uniche) acquisite al sistema.

I controlli formali, invece, sono previsti dell’articolo 36-ter del Dpr n. 600/1973, e vengono svolti svolti su un campione di dichiarazioni dei redditi selezionate in base a determinati criteri, aggiornati ogni anno dall’Agenzia in base all’andamento dei fenomeni di evasione fiscale.

Ad esempio, in alcuni anni l’attenzione si concentra prevalentemente sulle fatture elettroniche e sui corrispettivi incassati, in altre annualità si prende di mira l’evasione contributiva realizzata mediante i modelli 770 infedeli presentati dai sostituti d’imposta per i propri dipendenti.

Sono, quindi, controlli più mirati e rivolti ad una platea più circoscritta di contribuenti; anch’essi vengono svolti in maniera prevalentemente, o esclusivamente, automatizzata.

Nella maggior parte dei casi di controlli automatici e formali con esito positivo – cioè con violazioni emerse – l’Agenzia, prima di emanare l’avviso di accertamento vero e proprio per recuperare le maggiori imposte dovute, non versate ed evase, invia una

comunicazione di irregolarità all’interessato, invitandolo a sanare le violazioni riscontrate entro un preciso termine (30 giorni per il contribuente, esteso a 90 giorni per l’intermediario), beneficiando, in caso di adesione, di sanzioni ridotte. Per conoscere i rimedi che puoi adottare in questi casi, leggi l’articolo “Comunicazioni di irregolarità dall’Agenzia Entrate: cosa fare?“.

Controlli mediante accessi, ispezioni e verifiche

Ci sono poi i controlli effettuati mediante accessi ed ispezioni compiuti presso la sede del contribuente (persona fisica, come un artigiano o un professionista, o persona giuridica, come una società): ad essi segue l’acquisizione documentale dei documenti (contabili ed extracontabili) rinvenuti e lo svolgimento di una verifica fiscale, che può essere svolta presso i locali del contribuente o negli Uffici (si parla, in tal caso, di verifica “a tavolino”).

Per l’individuazione dei soggetti da verificare, l’Agenzia delle Entrate si avvale di molteplici fonti, tra cui le principali sono le

segnalazioni di altre Pubbliche Amministrazioni (Inps, Camere di Commercio, Ispettorato del Lavoro, forze di Polizia, cancellerie degli uffici giudiziari, ecc), gli esposti dei privati cittadini e le liste selettive, elaborate ogni anno dal Ministero dell’Economia e Finanze, dalle quali emergono i contribuenti considerati a più alto rischio di evasione e che in quanto tali richiedono un controllo più approfondito di quelli che abbiamo descritto nei paragrafi precedenti.

Oltre ai funzionari dell’Agenzia delle Entrate, possono svolgere accessi, ispezioni e verifiche anche gli appartenenti alla Guardia di Finanza, nella loro qualità di polizia tributaria; al termine, redigeranno un processo verbale di constatazione (pvc) che servirà ai funzionari dell’Agenzia per valutare le irregolarità riscontrate ed emettere un avviso di accertamento. Ti spieghiamo dettagliatamente cosa puoi fare in queste situazioni nei tutorialQuali sono i miei diritti durante un accertamento fiscale?” e “Come proteggere i miei diritti durante un controllo fiscale?

“.

Nell’ambito di questo tipo di controlli – che non riguardano solo le imposte dirette, come l’Irpef o l’Ires, ma anche quelle indirette, come l’Iva, e in genere tutti i tributi erariali, come l’imposta di registro e quella sulle successioni e donazioni – i funzionari possono anche inviare questionari a soggetti che hanno avuto rapporti con il contribuente verificato (clienti, fornitori, dipendenti, collaboratori esterni) e convocare il contribuente con un invito a presentarsi presso l’Ufficio, per fornire i propri chiarimenti e osservazioni su quanto rilevato ed emerso e depositare documentazione.

Questo diritto al contraddittorio preventivo con l’Agenzia, chiamato così perché si svolge prima che i controlli si trasformino in una pretesa impositiva, è previsto come obbligatorio per una molteplicità di attività dell’Agenzia delle Entrate in modo da consentire al contribuente una difesa anticipata che può evitare accertamenti e sanzioni o comunque ridimensionare la pretesa impositiva. Per saperne di più, leggi la nostra guida “

Accertamento fiscale e contraddittorio con il contribuente“.

Altri tipi di controlli svolti dall’Agenzia Entrate

Oltre ai vari tipi di controlli che abbiamo descritto, esistono numerose altre attività svolte dall’Agenzia delle Entrate che non possono essere qualificate come controlli in senso tecnico, bensì esplorazioni e acquisizione di informazioni compiute in vista di un possibile accertamento fiscale sul contribuente. Tra queste attività, le principali – e più pericolose per i contribuenti attenzionati – sono:

  • i controlli su bonifici, versamenti e altri accrediti: sono i cosiddetti accertamenti bancari, disciplinati dall’articolo 32 del D.P.R. n. 600/1973, che pongono una presunzione di reddito per tutti i versamenti eseguiti sul conto corrente (per gli imprenditori, vengono considerati anche i prelievi di importo superiore a 1.000 euro al giorno o a 5.000 euro al mese). In sostanza, questi accertamenti invertono l’onere della prova, ponendo a carico del contribuente la dimostrazione che si tratta di somme non imponibili o già tassate; puoi approfondire l’argomento leggendo “Movimenti bancari e accertamenti fiscali: cosa sapere“;
  • controlli sui social network, come Facebook, Instagram e TikTok, finalizzati a ricostruire, attraverso i post, le immagini e i video pubblicati, il tenore di vita del contribuente: ad esempio, una persona che viene ritratta spesso in vacanza in luoghi esotici, a cena in ristoranti di lusso e alla guida di macchine costose, ma con un reddito imponibile dichiarato molto basso, dovrà giustificare questa discrepanza. Per conoscere il quadro attuale della situazione dei controlli basati su queste fontiaperte“, cioè non derivanti da comunicazioni ufficiali ma da elementi conoscitivi parsi un po’ dovunque e che possono essere raccolti con facilità dal Fisco, specialmente quando si trovano sul web, leggi “Controlli del Fisco su app e social” e l’articolo di news “Post e foto sui social: la nuova arma del Fisco contro l’evasione“;
  • uso dell’intelligenza artificiale (IA)per potenziare notevolmente i software antievasione in uso all’Agenzia delle Entrate: a breve, anche con l’ausilio dei fondi del Pnrr, saranno resi disponibili nuovi algoritmi e sistemi in grado di elaborare gli enormi flussi di dati (di cui l’Agenzia in gran parte già dispone: si pensi alle fatture elettroniche, ai pagamenti con il Pos, ai consumi energetici e ai dati delle compravendite immobiliari o degli affitti brevi); le modalità di impiego di queste informazioni sono ancora da definire e dovranno anche tenere conto della privacy dei contribuenti. Intanto puoi trovare alcune novità e anticipazioni in “Il Fisco lancia un nuovo temuto sistema di accertamento“.

Approfondimenti

Per altre informazioni sull’argomento trattato, potrebbe interessarti anche l’articolo “Come evitare i controlli fiscali: i consigli degli esperti“.

Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.
Diventa sostenitore clicca qui

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui