Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Un’opera abusiva di demolizione e ricostruzione rientra nella ristrutturazione edilizia realizzata in assenza o in difformità dal titolo abilitativo edilizio e, per questo, non può ottenere il Terzo condono edilizio in zona vincolata.

Un intervento abusivo di demolizione e ricostruzione di un edificio in area sottoposta a vincolo paesaggistico prima della realizzazione dello stesso, può beneficiare del Terzo condono edilizio ex DL 269/2003?

La risposta dovrebbe essere piuttosto chiara ma a giudicare dalla mole di sentenze sul tema, evidentemente, non lo è e per questo è bene ribadirlo: solo una piccola porzione di opere abusive ‘prende’ la sanatoria straordinaria ex legge 326/2003 in zona vincolata.

 

Le caratteristiche della demolizone e ricostruzione

Nel caso della sentenza 7962/2024 del Tar Lazio, il Comune resistente ha considerato ostativa la circostanza che, per l’abuso in questione, rientrante nella tipologia di cui al n. 3 dell’Allegato I alla legge 326/03, non è possibile rilasciare il condono edilizio, trattandosi di immobile ubicato in zona vincolata, sia a livello paesaggistico che sismico.

La demolizione concerneva le seguenti opere:

Realizzazione di un manufatto articolato su un piano terra con murature e muro centrale di spina in blocchetti di cemento pieni. L’immobile risulta completo di tramezzature interne e rifiniture sia interne che esterne con persiane e infissi montati. L’ interno dell’immobile risulta composto dai seguenti vani: un soggiorno con angolo cottura, un disimpegno, un ripostiglio, due vani letto e due bagni. Antistante al manufatto è stato realizzato un basamento in c.a. delle dimensioni di mt 8,80 x 7,70 largo 3,10 m con altezze da cm 20 a cm 50. L’immobile ha una superficie coperta di mq 115,64 ed un volume di 346,92 mc”.

 

Le coordinate del Terzo condono edilizio: si può sanare un fabbricato su 3 livelli in zona vincolata?

Il condono previsto dall’art. 32 del DL 269/2003 (Terzo condono edilizio) trova applicazione esclusivamente in presenza di interventi di minore rilevanza, cioè restauro, risanamento conservativo e manutenzione straordinaria e previo parere favorevole dell’Autorità preposta alla tutela del vincolo.

Scopri tutto su Ingenio!

 

Terzo condono edilizio: sanatoria solo per gli abusi minori

Il TAR evidenzia che l’istanza di condono ex legge 326/03, proposta dalla ricorrente, si riferisce, pacificamente, ad immobile ubicato in zona sottoposta a vincolo paesaggistico ai sensi del D.Lgs.n.42/04 (oltre che a vincolo sismico).

In tale situazione, come chiarito dalla consolidata giurisprudenza, il condono ex legge 326/03 può essere rilasciato, ai sensi della previsione recata dall’art.26 lett. b) l.cit., solo per le opere riconducibili ai cd. abusi minori, di cui alle tipologie sub 4,5,6 dell’allegato I alla legge in questione, cioè restauro, risanamento conservativo e manutenzione straordinaria.

 

Terzo condono edilizio: l’innalzamento del sottotetto in zona vincolata non si può sanare

Un abuso edilizio consistente nella realizzazione di un innalzamento della quota del sottotetto non può beneficiare del terzo condono edilizio in quanto comportante aumento di superficie e di volume in area sottoposta a vincoli.

Scopri tutto su Ingenio!

 

Questo è un abuso maggiore: niente sanatoria

Nella fattispecie in esame, è evidente che l’intervento richiesto in sanatoria, concernendo la demolizione e contestuale ricostruzione dell’edificio, rientra nella tipologia di abuso n.3 (“opere di ristrutturazione edilizia come definite dall’articolo 3, comma 1, lettera d) del d.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 realizzate in assenza o in difformità dal titolo abilitativo edilizio”).

Stante l’inderogabilità dell’anzidetto quadro normativo, non possono essere accolte le censure di parte ricorrente: niente condono.


LA SENTENZA INTEGRALE ‘ SCARICABILE IN ALLEGATO PREVIA REGISTRAZIONE AL PORTALE

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui