Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Il pignoramento di un immobile rappresenta una fase critica e spiacevole nella vita di chi si trova in gravi difficoltà economiche. Questo processo esecutivo, gestito da un giudice, si attiva quando un debitore non riesce a onorare i propri impegni finanziari, portando alla vendita forzata dei suoi beni per soddisfare i creditori. Tra le numerose conseguenze di questa situazione, emergono anche rilevanti aspetti fiscali legati all’Imposta Municipale Unica. Quindi, IMU casa all’asta.

Andando sul pignoramento casa, è un procedimento legale che si verifica, come detto, quando un debitore non riesce a pagare un debito, ad esempio, garantito da un’ipoteca.

In Italia, questo processo inizia con un atto di precetto notificato al debitore, seguito da un atto di pignoramento che viene registrato nei registri immobiliari.

Quando parte il pignoramento

Il pignoramento può essere richiesto dai creditori, come banche o altri enti finanziari, che hanno concesso mutui ipotecari. Quando il debitore continua a non soddisfare il proprio obbligo di pagamento, il tribunale può ordinare la vendita all’asta della proprietà. Il ricavato della vendita viene utilizzato per soddisfare il debito. Se il valore della vendita supera l’importo dovuto, l’eccedenza viene restituita al debitore.

Esistono, però, misure preventive e alternative, come la rinegoziazione del debito o l’accesso a piani di ristrutturazione del debito, che possono essere esplorate per evitare il pignoramento. È fondamentale per i debitori in difficoltà finanziarie cercare consulenza legale e finanziaria tempestivamente per comprendere le proprie opzioni e prevenire l’espropriazione forzata della loro abitazione.

Tempistiche dell’IMU 2024

La questione dell’IMU relativa a un immobile pignorato e messo all’asta è di particolare attualità, soprattutto considerando la scadenza dell’acconto per il 2024, fissata per il 17 giugno (il 16 cade di domenica). La seconda scadenza per il calcolo e versamento IMU 2024 è quella del saldo, prevista per il 16 dicembre.

Quando un immobile viene pignorato, il proprietario perde il controllo materiale del bene, ma non la sua titolarità. La transizione significativa avviene quando la casa viene venduta all’asta e un nuovo acquirente ne assume la proprietà. È con l’emissione del decreto di trasferimento che la proprietà passa ufficialmente al nuovo proprietario.

L’IMU casa all’asta nel processo di pignoramento

L’IMU, ricordiamo, è un’imposta basata sulla proprietà e su altri diritti reali di godimento come l’usufrutto e l’enfiteusi. Fino all’emissione del decreto di trasferimento, il proprietario pignorato è tenuto a pagare l’imposta. Dopo questa fase, l’obbligo fiscale si trasferisce al nuovo proprietario.

La legge IMU (commi da 738 a 783) stabilisce che l’imposta è calcolata sui mesi di possesso effettivo durante l’anno solare, tenendo conto del mese intero se il possesso si estende per più della metà dei giorni del mese stesso.

Un esempio pratico: IMU casa all’asta del signor Francesco

Consideriamo il caso del signor Francesco, che nel 2024 ha subito il pignoramento di un immobile soggetto all’IMU. Il decreto di trasferimento al nuovo proprietario, emesso il 16 aprile 2024, rappresenta il momento cruciale in cui la responsabilità del pagamento dell’IMU si sposta.

Fino al decreto di trasferimento, il signor Francesco è tenuto a pagare l’IMU. Pertanto, dovrà pagare l’imposta per i primi quattro mesi del 2024, da gennaio ad aprile, con la scadenza dell’acconto fissata per il 17 giugno 2024 e quella del saldo per il 16 dicembre 2024. Il mese di aprile, in funzione della regola dei mesi IMU di cui sopra, si attribuisce al sig. Francesco.

Dal 16 aprile 2024, il nuovo acquirente dell’immobile assume la responsabilità di pagare l’IMU per i restanti otto mesi dell’anno, ossia da maggio a dicembre. Anche il nuovo proprietario dovrà rispettare le scadenze del 17 giugno 2024 per l’acconto e del 16 dicembre 2024 per il saldo.

Ovviamente c’è esenzione IMU abitazione principale laddove nell’immobile in questione, ci sia dimora e residenza abituale e non appartenga a categoria catastale di lusso.

IMU casa all’asta: considerazioni finali

La gestione fiscale degli immobili pignorati e messi all’asta richiede, dunque, una chiara comprensione delle norme vigenti e delle tempistiche relative all’IMU. È essenziale che i proprietari pignorati e i nuovi acquirenti siano consapevoli dei propri obblighi per evitare sanzioni e complicazioni fiscali.

L’IMU per una casa all’asta segue una logica basata sul possesso e sul trasferimento formale della proprietà. Fino all’emissione del decreto di trasferimento, il debitore originale è responsabile del pagamento dell’imposta. Dopo questo evento, il nuovo proprietario assume questo obbligo, tranne nei casi di esenzione specifici per l’abitazione principale non di lusso.

Vista la complessità del pignoramento immobiliare e le implicazioni fiscali che ne derivano, è altamente consigliabile rivolgersi a un consulente fiscale esperto. Questo professionista può offrire una guida preziosa per navigare le normative e garantire il rispetto delle scadenze e degli obblighi fiscali, minimizzando il rischio di errori e conseguenti penalità.

Riassumendo

  • pignoramento immobiliare: il proprietario perde la detenzione, ma non la proprietà fino all’asta
  • decreto di trasferimento: la proprietà passa al nuovo acquirente solo con questo decreto
  • IMU fino al trasferimento: Il proprietario pignorato paga l’IMU fino al decreto di trasferimento
  • calcolo IMU: basato sui mesi di possesso effettivo durante l’anno solare.
  • nuovo proprietario: diventa soggetto passivo IMU dalla data del decreto (fermo restando la regola del conteggio mesi).

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui