Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


L’andamento dell’economia italiana al di sopra delle previsioni è un’iniezione di fiducia per le famiglie italiane, che continuano a puntare sui finanziamenti per soddisfare i principali bisogni di consumo, nonostante il rialzo dei tassi. È la sensazione che si ricava dalla lettura dell’ultimo Osservatorio di PrestitiOnline.it relativo a maggio, che tra le altre cose evidenzia una domanda in crescita di accesso alla cessione del quinto da parte dei privati.

Non si ferma la corsa dei tassi

Nella riunione del 15 giugno, la Banca centrale europea ha alzato di un altro 0,25% il tasso ufficiale, portandolo al 4%. Una decisione che — a cascata — avrà ricadute sui tassi applicati da banche e finanziarie alle famiglie. Il secondo trimestre si sta caratterizzando per una forte accelerazione su questo fronte, con il tasso migliore dei prestiti personali (considerando le pratiche erogate) arrivato al 7,21%, oltre un punto in più rispetto al primo trimestre (6,14%). Mentre, per quel che concerne la cessione del quinto i rialzi sono stati ben più contenuti, compresi tra un decimale nel settore pubblico a poco più di sette per i lavoratori privati. Evidentemente la garanzia di poter prelevare mensilmente la somma dovuta dagli stipendi rassicura i finanziatori in un periodo di incertezza a livello macro.

Sempre più privati si orientano verso la cessione del quinto

Proprio il differente andamento tra i due strumenti spiega la forte crescita di domande relative alla cessione del quinto da parte dei privati, arrivati a rappresentare il 73,5% di tutte le domande, con i pensionati al 14,3% e i dipendenti pubblici al 12,2%. Lo scenario generale incide sulla durata media delle richieste di questi finanziamenti, che, in leggero calo rispetto al primo trimestre dell’anno, si attestano su una media di 8,1 anni. Una conferma sulla prudenza dei consumatori arriva anche dagli importi richiesti, che scendono tra un trimestre e l’altro da 21.300 a 19.700 euro. In sostanza, tra elevata inflazione persistente, guerra in Ucraina e crescenti tensioni Usa-Cina, il tutto a fronte di stipendi sostanzialmente fermi, le famiglie italiane sono attente a non fare il passo più lungo della gamba. Il calo dell’ammontare riguarda tutte le categorie di richiedenti, con i pensionati sempre in coda e i dipendenti pubblici in testa.

Quanto alla finalità dei finanziamenti richiesti, si rafforza il primato del prestito liquidità, arrivato a valere il 30,5% del totale, oltre tre punti in più rispetto all’ultimo trimestre del 2022 a evidenziare il desiderio diffuso di non condizionare l’utilizzo delle somme ricevute a una specifica destinazione. Al secondo posto c’è l’auto usata e al terzo il consolidamento, mentre ai piedi del podio si piazzano la ristrutturazione della casa e l’arredamento, con queste ultime due voci che insieme valgono oltre un quinto del mercato, a conferma dell’importanza per gli italiani dell’ambiente domestico. Quanto alla durata, come già visto per le cessioni del quinto, prevale la prudenza con una media di 5,32 anni per finanziamento: due decimali in più rispetto alla fine del 2022. Un segnale di prudenza in un mercato che resta comunque dinamico. Del resto, a dispetto delle previsioni elaborate a fine 2022, l’economia italiana continua a crescere, con il Pil del primo trimestre che ha fatto segnare un +1,9% rispetto al medesimo periodo dello scorso anno.

 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui