Utilizza la funzionalità di ricerca interna #finsubito.

Agevolazioni - Finanziamenti - Ricerca immobili

Puoi trovare una risposta alle tue domande.

 

More results...

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Filter by Categories
#finsubito
#finsubito news video
#finsubitoagevolazioni
Agevolazioni
Post dalla rete
Zes agevolazioni
   


Gli artt. 6 e 7 D.lgs. 150/2011 prevedono rispettivamente che i giudizi di opposizione alle sanzioni amministrative di cui alla L. 689/1981 e quelle aventi ad oggetto i verbali di accertamento per violazioni del codice della strada siano sottoposti al rito del controversie di lavoro, ove non diversamente previsto. Anche il giudizio di appello in tema di sanzioni soggiace al rito delle controversie di lavoro, non essendo comprese tra le norme escluse tutte quelle che regolano il giudizio di impugnazione.

Tra le norme processuali applicabili figurano, altresi’, l’art. 429, comma primo, c.p.c. e l’art. 437 c.p.c., che impongono, rispettivamente per il primo ed il secondo grado, la lettura del dispositivo in udienza.

In caso di omissione della lettura, il giudice deve dichiarare la nullità insanabile della sentenza per mancanza del requisito formale indispensabile per il raggiungimento dello scopo dell’atto.

È quanto ha deciso la Cassazione, sezione 2, nell’ordinanza 20 febbraio 2023, n. 5197 (testo in calce).

Il caso

Il Tribunale riteneva legittimo il verbale di accertamento con cui era stata contestata al ricorrente la violazione dei limiti di velocità ai sensi dell’art. 142, comma ottavo, CDS, accertata mediante sistema elettronico SICve.

Il ricorrente lamentava, invece, la mancata taratura e l’assenza di conformità dell’apparecchiatura al prototipo omologato, l’irregolare posizionamento, la mancata presegnalazione dell’impianto e l’irrituale acquisizione degli atti di accertamento.

Rivista di diritto processuale, Direzione scientifica: Punzi Carmine, Cavallone Bruno, Ed. CEDAM, Periodico. Uno strumento autorevole di informazione critica del diritto processuale, indispensabile per gli avvocati e tutti coloro che sono giornalmente chiamati ad interpretare ed applicare il diritto processuale.
Scarica gratuitamente un numero omaggio

La decisione

In Cassazione, il ricorrente ha denunciato, in particolare, la violazione degli artt. 156, 429, 437 c.p.c., per aver il Tribunale definito il giudizio senza dare lettura del dispositivo della sentenza, pur essendo la controversia sottoposta al rito lavoro.

Il motivo è stato giudicato fondato. L’opposizione al verbale di contestazione elevato a carico del ricorrente è stata trattata e definita in primo grado in applicazione delle norme del rito lavoro, ai sensi dell’art. 6 d.lgs. 150/2011. Il giudizio è stato incardinato con ricorso e il primo giudice ha dato lettura del dispositivo della sentenza, riservandosi il deposito della motivazione.

Anche il giudizio di appello è stato introdotto con ricorso; tuttavia, il Tribunale ha trattenuto la causa in decisione senza dare lettura del dispositivo.

Ora, osserva la Suprema Corte, a differenza della disciplina contemplata dall’art. 23 della L. 689/1981, modificata dall’art. 26 del D.Lgs. 40/2006, che prevedeva l’applicazione del rito ordinario – anche in appello – al giudizio di opposizione alle sanzioni amministrative, gli artt. 6 e 7 D.Lgs. 150/2011 prevedono rispettivamente che i giudizi di opposizione alle sanzioni amministrative di cui alla L. 689/1981 e quelle aventi ad oggetto i verbali di accertamento per violazioni del codice della strada siano sottoposti al rito del controversie di lavoro, ove non diversamente previsto.

Il precedente art. 2 del medesimo decreto dispone, inoltre, con elencazione tassativa, che a tali giudizi non si applicano una serie di articoli del codice di procedura civile.

Il richiamo in blocco delle disposizioni processuali del rito lavoro conferma che anche il giudizio di appello in tema di sanzioni soggiace al rito delle controversie di lavoro, non essendo comprese tra le norme escluse tutte quelle che regolano il giudizio di impugnazione.

In particolare, tra le norme processuali non applicabili non figurano né l’art. 429, comma primo, c.p.c. né l’art. 437 c.p.c, che impongono, rispettivamente per il primo ed il secondo grado, la lettura del dispositivo in udienza.

Ne consegue che il Tribunale, pronunciando sull’appello, era tenuto a definire la causa mediante lettura del dispositivo. Nei giudizi regolati dal rito lavoro “tale adempimento è imposto a pena di nullità insanabile della sentenza per mancanza del requisito formale indispensabile per il raggiungimento dello scopo dell’atto, correlato alle esigenze di concentrazione del giudizio e di immutabilità della decisione”.

Qualora l’omissione abbia riguardato la decisione assunta dal giudice d’appello, la Corte di cassazione, ove la nullità sia stata dedotta come motivo di impugnazione, deve limitare la pronunzia alla declaratoria di nullità, con rimessione della causa al giudice di secondo grado senza decidere nel merito.

Su Shop.Altalex.com è disponibile:

Master online la riforma della giustizia: il processo civile con Marco Rossetti, Consigliere della Corte di Cassazione: 12 ore – 3 incontri in aula virtuale


 

***** l’articolo pubblicato è ritenuto affidabile e di qualità*****

Visita il sito e gli articoli pubblicati cliccando sul seguente link

Source link

Informativa sui diritti di autore

La legge sul diritto d’autore art. 70 consente l’utilizzazione libera del materiale laddove ricorrano determinate condizioni:  la citazione o riproduzione di brani o parti di opera e la loro comunicazione al pubblico sono liberi qualora siano effettuati per uso di critica, discussione, insegnamento o ricerca scientifica entro i limiti giustificati da tali fini e purché non costituiscano concorrenza all’utilizzazione economica dell’opera citata o riprodotta.

Vuoi richiedere la rimozione dell’articolo?

Clicca qui

 

 

 

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui

La rete #dessonews è un aggregatore di news e replica gli articoli senza fini di lucro ma con finalità di critica, discussione od insegnamento,

come previsto dall’art. 70 legge sul diritto d’autore e art. 41 della costituzione Italiana. Al termine di ciascun articolo è indicata la provenienza dell’articolo.

Il presente sito contiene link ad altri siti Internet, che non sono sotto il controllo di #adessonews; la pubblicazione dei suddetti link sul presente sito non comporta l’approvazione o l’avallo da parte di #adessonews dei relativi siti e dei loro contenuti; né implica alcuna forma di garanzia da parte di quest’ultima.

L’utente, quindi, riconosce che #adessonews non è responsabile, a titolo meramente esemplificativo, della veridicità, correttezza, completezza, del rispetto dei diritti di proprietà intellettuale e/o industriale, della legalità e/o di alcun altro aspetto dei suddetti siti Internet, né risponde della loro eventuale contrarietà all’ordine pubblico, al buon costume e/o comunque alla morale. #adessonews, pertanto, non si assume alcuna responsabilità per i link ad altri siti Internet e/o per i contenuti presenti sul sito e/o nei suddetti siti.

Per richiedere la rimozione dell’articolo clicca qui